Pelosi annuncia uno dei suoi ultimi atti come presidente della Camera

La presidente della Camera Nancy Pelosi (D-California) ha aumentato il tasso massimo che i legislatori possono pagare al personale della Camera, con la mossa che è uno dei suoi ultimi atti prima di dover consegnare il martelletto del presidente la prossima settimana quando i repubblicani prenderanno il controllo della camera bassa del Congresso.

WASHINGTON, DC – DECEMBER 15: U.S. Speaker of the House Nancy Pelosi (D-CA) answers questions during her weekly press conference at the U.S. Capitol on December 15, 2022 in Washington, DC. Pelosi answered a range of questions during the press conference, primarily on her remaining time as Speaker of the House and her legislative legacy. (Photo by Win McNamee/Getty Images)

“È mio privilegio come presidente annunciare che la Camera aumenterà il tasso massimo annuo di retribuzione per il personale a $ 212.100”, ha detto Pelosi in una lettera del collega venerdì.

Questa è la terza volta che Pelosi ha aumentato lo stipendio massimo del personale della Camera dallo scorso anno, quando il tetto è stato sollevato dopo un congelamento di 13 anni.

Pelosi ha aumentato il limite l’anno scorso a $ 199.300. Lo ha nuovamente aumentato a maggio di quest’anno, questa volta a $ 203.700, istituendo anche un livello salariale minimo di $ 45.000.

Ha detto che la mossa aiuterebbe il Congresso ad attrarre e trattenere dipendenti di qualità.

“Come sapete, i nostri laboriosi e patriottici membri dello staff del Congresso sono parte integrante del funzionamento della Camera dei Rappresentanti: garantire che questa istituzione possa svolgere efficacemente le nostre responsabilità legislative e costitutive”, ha detto Pelosi nella lettera.

“A tal fine, dobbiamo fare tutto il possibile per trattenere e reclutare i migliori talenti della nostra nazione e costruire una forza lavoro del Congresso che rifletta le comunità che siamo onorati di servire”, ha aggiunto.

Il nuovo tetto salariale significa che il personale della Camera potrebbe guadagnare più dei loro capi, i legislatori del Congresso che sono pagati $ 174.000 all’anno.

Pelosi ha detto che l’aumento del tetto salariale mette gli stipendi del personale della Camera in più allineamento con il recente aumento dei dipendenti del ramo esecutivo.

Arriva mentre il mercato del lavoro statunitense rimane teso e le aspettative salariali tra i lavoratori americani hanno recentemente raggiunto un livello record, ponendo una sfida alla fidelizzazione dei dipendenti.

Le aspettative salariali salgono alle stelle

Un recente sondaggio della Federal Reserve Bank di New York ha mostrato che le aspettative relative ai salari tra i lavoratori statunitensi sono aumentate a novembre al livello più alto da quando sono iniziate le registrazioni nel 2014.

“Il salario medio di riserva – il salario più basso che gli intervistati sarebbero disposti ad accettare per un nuovo lavoro – è aumentato da $ 72.873 a luglio a $ 73.667 a novembre, la lettura più alta della serie”, ha affermato l’ultimo sondaggio della Fed di New York sulle aspettative dei consumatori.

Allo stesso tempo, la percentuale di persone che hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti è scesa dal 24,7% di luglio al 18,8% di novembre, con il rapporto della Fed che afferma che le persone sono risultate più soddisfatte della loro compensazione salariale, dei benefici non salariali e delle opportunità di promozione.

Un altro segnale di persistente rigidità del mercato del lavoro è arrivato sotto forma di richieste iniziali di disoccupazione, che a 225.000 per la settimana conclusasi il 24 dicembre sono rimaste vicine ai minimi storici.

Le richieste di sussidi di disoccupazione sono un proxy per i licenziamenti e sono seguite da vicino dalla Fed, poiché la banca centrale ha aumentato rapidamente i tassi nel tentativo di rallentare la crescita dell’occupazione e abbassare l’inflazione. Se le mosse politiche della Fed spingono il paese in recessione, come molti economisti temono, un balzo delle richieste di sussidi di disoccupazione sarebbe uno dei segnali.

Nel frattempo, poiché il mercato del lavoro rimane relativamente stretto, ci sono indicazioni che i datori di lavoro stanno rispondendo aumentando i salari.

Previsti i maggiori aumenti salariali degli ultimi 16 anni

Un recente rapporto del consulente sul posto di lavoro Willis Towers Watson (WTW) afferma che i dipendenti statunitensi dovrebbero vedere il più grande aumento salariale in 16 anni nel 2023.

Con l’aumento dei budget salariali nelle aziende, si prevede che aumenteranno i salari del personale del 4,6% l’anno prossimo, secondo un comunicato stampa WTW, rilasciato a metà novembre.

Un sondaggio simile condotto all’inizio di quest’anno prevedeva un aumento salariale più modesto del 4,1% l’anno prossimo, con un’inflazione persistentemente elevata che ha portato alla revisione al rialzo delle aspettative salariali.

Tre intervistati su quattro hanno ammesso problemi nell’assunzione e nel mantenimento dei talenti, il triplo del tasso nel 2020.

Sette aziende su 10 hanno preso la decisione di aumentare i budget salariali dopo aver tenuto conto del mercato del lavoro ristretto.

“Mentre l’inflazione continua a salire e la minaccia di una recessione economica incombe, le aziende stanno utilizzando una serie di misure per supportare il proprio personale durante questo periodo”, ha affermato Hatti Johansson, direttore della ricerca, Reward Data Intelligence, WTW.

Mentre le aspettative salariali sono aumentate, gli americani stanno anche ricevendo più soldi in sussidi sociali, che alcuni incolpano per aver aggiunto alla crisi del lavoro.

“Pagare gli americani per non lavorare”

Un recente rapporto del Comitato per scatenare la prosperità intitolato “Paying Americans Not to Work” (pdf) afferma che i benefici sociali sono una delle ragioni principali per cui l’America sta affrontando una carenza di lavoratori.

“In 14 stati, una famiglia di quattro persone con due lavoratori disoccupati può ricevere sussidi di assicurazione contro la disoccupazione e sussidi ACA [Affordable Care Act] equivalenti a un lavoro che paga $ 80.000 all’anno in salari e prestazioni sanitarie – o più”, afferma il rapporto.

“In altri 10 stati, una famiglia può ricevere l’equivalente di un lavoro da 70.000 dollari all’anno. Per queste famiglie, il lavoro potrebbe letteralmente non pagare”.

I mercati del lavoro dovrebbero rimanere tesi nel prossimo futuro a causa dei cambiamenti demografici, anche se una recessione toglie parte del vento dalla domanda di lavoro, secondo un rapporto di Glassdoor e Indeed.

“La ragione principale di ciò può essere riassunta in una parola: demografia. Nel prossimo decennio, il numero di persone in età lavorativa (tra i 15 ei 65 anni) diminuirà in una varietà di paesi, secondo le proiezioni della Banca Mondiale.

Negli Stati Uniti, si prevede che la popolazione di questa fascia demografica diminuirà del 3,2% tra il 2026 e il 2036.

Nel frattempo, l’inflazione sta erodendo il valore dei salari, creando così una situazione in cui i dipendenti sono alla ricerca di una retribuzione maggiore.

Un rapporto pubblicato dalla Federal Reserve Bank di Dallas questo mese rivela che il calo mediano dei salari reali (salari aggiustati per l’inflazione) è stato superiore all’8,5% per la maggior parte della forza lavoro americana negli ultimi 12 mesi.

L’erosione dei salari è stata la “più grave” affrontata dai dipendenti negli ultimi 25 anni, ha detto.