La star dell’NBA Kyrie Irving rivela l’enorme prezzo che ha pagato per non aver ricevuto il vaccino COVID-19

NEW YORK, NEW YORK – JANUARY 23: Kyrie Irving #11 of the Brooklyn Nets reacts in the second half against the Miami Heat at Barclays Center on January 23, 2021 in New York City.NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. (Photo by Elsa/Getty Images)

La guardia dei Brooklyn Nets Kyrie Irving ha rivelato lunedì di aver rinunciato a un’estensione del contratto di quattro anni del valore di circa $ 100 milioni perché si è rifiutato di ottenere il vaccino COVID-19.

A partire dall’anno scorso, i funzionari di New York City hanno implementato un sistema di passaporto vaccinale COVID-19 che impediva a chiunque non potesse dimostrare di essere stato vaccinato di entrare in determinate località. Ciò includeva il Barclays Center di Brooklyn.

“Ho rinunciato a quattro anni, 100 e qualcosa di milione decidendo di non essere vaccinato, e questa è stata la decisione”, ha detto Irving ai giornalisti lunedì. “[Prendi questo] contratto, vaccinati o non vaccinati e c’è un livello di incertezza sul tuo futuro, sia che tu sia in questo campionato, sia che tu sia in questa squadra. Quindi ho dovuto affrontare quella circostanza della vita reale di perdere il lavoro per questa decisione”.

A causa del mandato di New York City, Irving ha potuto giocare solo partite su strada, non partite in casa, la scorsa stagione. E dal momento che non poteva giocare nelle partite casalinghe, non poteva essere pagato per loro.

“Dovevamo aver capito tutto questo prima del campo di allenamento dell’anno scorso”, ha detto Irving. “E non è successo a causa dello stato in cui sono stato vaccinato, non vaccinato. Quindi, ho capito il loro punto e ho dovuto solo conviverci. Era una pillola dura da ingoiare, onestamente”.

Ha aggiunto: “Non ho apprezzato il modo in cui il fatto di non essere vaccinato è diventato uno stigma all’interno della mia carriera che non voglio giocare, o che sono disposto a rinunciare a tutto per essere una voce per chi non ha voce”.

Ultimatum o scelta personale

Mentre Irving ha suggerito che i Nets gli hanno dato un ultimatum sul suo stato di vaccinazione per ottenere un accordo di estensione del contratto finito, i Nets hanno detto che nessuna pressione è stata posta sulla guardia superstar.

“Non c’è alcun ultimatum qui”, ha detto il direttore generale dei Nets Sean Marks ai giornalisti lunedì sulla situazione di Irving. “Ancora una volta, ti torna a volere persone affidabili, persone che sono qui e responsabili”.

Ha detto che si applica a tutti i membri della squadra, incluso “staff, giocatori, allenatori, lo chiami”.

“Non sta dando a qualcuno un ultimatum per ottenere un vaccino”, ha aggiunto Marks. “Questa è una scelta del tutto personale. Io sto dalla parte di Kyrie. Penso che se vuole, ha fatto quella scelta. Questa è una sua prerogativa”.

Dopo aver optato per l’ultimo anno del suo contratto con la Net, Irving è destinato a guadagnare $ 36,5 milioni quest’anno. La scorsa stagione, Irving ha giocato 29 partite, con una media di 27,4 punti, 5,8 assist e 4,4 rimbalzi a partita.

La scorsa settimana, Irving ha criticato aspramente i mandati vaccinali COVID-19 e ha affermato che il modo in cui le persone non vaccinate sono state trattate durante la pandemia equivale a una violazione dei diritti umani.

“Se posso lavorare ed essere non vaccinato, allora tutti i miei fratelli e sorelle che sono anche non vaccinati dovrebbero essere in grado di fare lo stesso, senza essere discriminati, diffamati o licenziati”, ha scritto su Twitter. “Questo vaccino/pandemia forzata è una delle più grandi violazioni dei DIRITTI UMANI nella storia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.