Ungheria-Italia di Nations League 0-2: Raspadori e Dimarco portano gli azzurri alle Final Four

L’Italia batte l’Ungheria nell’ultima giornata della Nations League. Gli Azzurri superano la formazione di Marco Rossi e si portano in testa alla classifica del gruppo 3 della Lega A con 11 punti, qualificandosi alle Final Four della competizione Uefa.  Sblocca il match Raspadori che approfitta di un errore degli ungheresi in fase di impostazione per mettere la palla in rete. Nel secondo tempo raddoppio con Dimarco.

Una vittoria fondamentale anche in vista dei sorteggi per i prossimi Europei 2024: l’Italia sarà testa di serie. Ecco la sintesi della partita e i gol del match.

Più rimpianti che gioia nel gruppo azzurro. Perché oltre a Mancini pensa più al passato che al presente, e al futuro, pure Gigio Donnarumma che a Budapest è stato autore di una prestazione straordinaria. Quattro parate una più bella dell’altra. Donnarumma, che ha disputato la 49esima partita in Nazionale (tantissime considerato che ha solo 23 anni), è stato decisivo e dalle sue parate è arrivata la Final Four.

Ma nell’intervista alla Rai nel dopo partita il portiere del Paris Saint Germain parlando dei suoi interventi ha voluto ricordare l’errore che ha commesso in Germania, lo scorso giugno, un errore che realizzò quando la partita era già ampiamente compromesso, ma che l’ex rossonero non dimentica affatto:

La mia prestazione? A volte può capitare un errore e per noi portieri è dura. Poi può capitare purtroppo come a giugno dove ho fatto un errore che non dovevo fare. C’ho lavorato, ne abbiamo parlato col preparatore. Purtroppo può capitare ma non deve capitare. Era una partita già in discesa e l’ho ammazzata.

Le parate del c.t. Mancini che usa bastone e carote per i suoi calciatori e non riesce a dimenticare la mancata qualificazione ai Mondiali:

Abbiamo fatto molto bene per 70 minuti, gli ultimi 20 non mi sono piaciuti. Sul 2-0 la partita la devi tenere in controllo, ci siamo fatti scacciare, non siamo venuti fuori. Non mi è piaciuto. Importante essere nella Final Four della Nations League. Purtroppo il resto rimane. L’amarezza scivola via, perché i ragazzi hanno ripreso un girone difficile. Dobbiamo scavallare dicembre, poi vediamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.