Un ex adolescente transgender racconta un’esperienza “orribile” di transizione, chirurgia

Chole Cole stolls near her home in Northern California on Aug. 26, 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

Chloe Cole aveva 15 anni quando accettò di lasciare che un chirurgo “che affermasse il genere” le togliesse il seno sano, una decisione che ora cambia profondamente la vita.

La sua “brutale” transizione da femmina a maschio era tutt’altro che il romantico “viaggio di genere” che attivisti transgender e professionisti medici avevano ritratto, ha detto a The Epoch Times.

“È un po ‘inquietante chiamarlo così”, ha detto.

Cole, che ora ha 18 anni, si sente più come se si fosse appena svegliata da “un incubo” ed è delusa dal sistema medico e scolastico che l’ha portata rapidamente alla chirurgia di transizione di genere.

“Ero convinta che mi avrebbe reso felice, che mi avrebbe reso intera come persona”, ha detto.

Sebbene si senta “delusa” dalla maggior parte degli adulti della sua vita, non incolpa i suoi genitori per aver seguito i consigli del personale scolastico e dei professionisti medici, che hanno “affermato” il suo desiderio di transizione sociale, bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole detiene farmaci a base di testosterone usati per i pazienti transgender, nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

La maggior parte dei professionisti medici non ha fatto nulla per mettere in discussione o dissuadere lei o i suoi genitori, ha detto.

“Hanno effettivamente colpevolizzato i miei genitori nel permettere loro di farlo. Hanno dato loro il tutto, ‘O avrai una figlia morta o un figlio vivo’. Hanno citato i tassi di suicidio “, ha detto. “C’è così tanta compiacenza da parte degli educatori, tutti gli adulti fondamentalmente. Sono davvero arrabbiato per questo. Mi sento un po’ arrabbiato. Non mi è stato permesso di crescere”.

I suoi genitori, sebbene scettici, si fidavano dei professionisti medici e alla fine acconsentirono al desiderio della figlia di interventi medici, incluso un intervento chirurgico, che era coperto dalla loro polizza di assicurazione sanitaria.

“Non dovrebbe essere messo sugli adolescenti per prendere questo tipo di decisioni”, ha detto.

Transgenderismo

Il transgenderismo, sebbene ampiamente celebrato nella cultura popolare e sui social media negli ultimi tempi, è una questione molto più divisiva di quanto la gente possa pensare, ha detto Cole.

Oggi, Cole fa parte di un numero crescente di giovani “detransitioners” che rifiutano le attuali tendenze dell’ideologia transgender e si oppongono al modello di assistenza “che afferma il genere” spinto dai legislatori progressisti a livello statale e federale.

Recentemente ha testimoniato contro il disegno di legge 107 del Senato della California, proposta di legge scritta dal senatore Scott Wiener (D-San Francisco), che proteggerebbe i genitori che acconsentono all’uso di bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia di transizione di genere sui loro figli da procedimenti giudiziari in altri stati che considerano tali azioni come abusi sui minori.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole parla a un’audizione della commissione dell’Assemblea per il disegno di legge 107 del Senato a Sacramento il 28 giugno 2022. (Screenshot via California State Senate)

“Penso che sia davvero pericoloso per le famiglie in tutti gli Stati Uniti. Può dividere le famiglie”, ha detto Cole, che dovrebbe testimoniare contro il disegno di legge anche questa settimana.

Cole è stata molestata sui social media e ha ricevuto un paio di minacce di morte da attivisti trans da quando ha annunciato la sua detransizione e ha preso posizione contro le politiche di “affermazione del genere”.

“Ora che sono completamente disillusa da tutto questo, è davvero scioccante che siamo arrivati a questo punto”, ha detto.

La lotta

Diagnosticata con ADHD in giovane età, Cole ora crede di essere “nello spettro”.

“C’è davvero un alto tasso di comorbilità tra disforia di genere e autismo”, ha detto.

Sebbene “molto femminile” da bambina, Cole era “un po ‘un maschiaccio”, man mano che cresceva.

“Odiavo davvero abiti, gonne e cose del genere”, ha detto.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole tiene una foto d’infanzia nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

I programmi televisivi per bambini l’avevano lasciata con il messaggio “le ragazze sono meno significative”, perché spesso raffigurano personaggi che sono più femminili o femminili come “stupidi, con la testa in aria e come se ostacolassero le cose”, ha detto. “E quel tipo di impronta su di me.”

Tuttavia, la sua vera paura della femminilità e il disprezzo precoce per la femminilità sono iniziati anni fa sui social media e sui siti web LGBT, ha detto.

“Avevo iniziato la pubertà abbastanza giovane, a circa 9 anni, e ho iniziato a lottare per diventare una donna”, ha detto.

Ha iniziato il suo primo account sui social media a 11 anni su Instagram e, con un accesso quasi illimitato a Internet, è stata esposta a contenuti inappropriati, tra cui pornografia e “sexting” nelle comunità online.

Su Instagram, è stata avvicinata per la prima volta da ragazzi che si identificavano come gay e bisessuali attraverso la funzione di messaggistica della piattaforma, ma alla fine ha iniziato a trascorrere più tempo su siti Web consigliati per adolescenti “trans” di età compresa tra 12 e 19 anni.

“C’era una pagina in particolare che mi ha colpito. Era un gruppo di adolescenti che si identificavano come FTM [da femmina a maschio]. Sembrava che fossero molto uniti, una comunità molto solidale, e questo mi ha parlato perché ho sempre lottato per fare amicizia e sentirmi escluso. Non mi sono mai davvero adattato ad altri bambini della mia età”.

Cole ha raramente interagito con la comunità transgender nella vita reale, ma ha notato dalle discussioni online con adolescenti trans che molti di loro avevano profonde cicatrici emotive e problemi di salute mentale.

“Praticamente ogni persona transgender che abbia mai incontrato, specialmente intorno alla mia età, ha problemi familiari davvero brutti, o è stata abusata sessualmente o aggredita in tenera età, ed è davvero preoccupante che nessuno parli davvero di quell’associazione”, ha detto.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole si trova vicino a casa sua nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

A 11 anni, Cole non capiva nemmeno che non avrebbe dovuto assomigliare alle immagini sessualizzate di donne scarsamente vestite che vedeva online.

“Non lo sapevo allora”, ha detto. “Ho iniziato a sviluppare problemi di immagine corporea. Ho iniziato a pensare: ‘Perché non sembro così? Non sono una donna?’ E molti dei contenuti femministi spinti da altre ragazze stavano facendo della femminilità questa cosa terribile”.

La transizione

Quando aveva 12 anni, Cole disse ai suoi genitori che era transgender e cercarono un aiuto medico professionale.

Cole andò da uno specialista di genere, che la indirizzò a un endocrinologo. Quando l’endocrinologo si rifiutò di prescrivere bloccanti o ormoni, citando preoccupazioni su come avrebbero potuto influenzare lo sviluppo cognitivo di Cole, divenne il primo e l’ultimo medico a negare le sue cure per affermare il genere.

“È stato molto facile trovare un altro endocrinologo che mi affermasse”, ha detto.

Dopo due appuntamenti, un secondo endocrinologo ha approvato sia i bloccanti della pubertà che il testosterone.

Cole aveva 13 anni quando ha iniziato la transizione fisica. Le iniezioni di bloccanti della pubertà hanno ridotto gli estrogeni nel suo corpo e, circa un mese dopo, ha iniziato a iniettarsi testosterone, un processo che i professionisti medici chiamano terapia ormonale.

“Mi hanno messo prima sui bloccanti”, ha detto. “Avrei avuto vampate di calore. Erano piuttosto cattivi. Accadrebbero un po ‘sporadicamente, e si arriverebbe al punto in cui si sentirebbe davvero prurito. Non potevo nemmeno indossare pantaloni o maglioni in inverno. È come una menopausa artificiale”.

Una volta sul testosterone, la voce di Cole “è scesa piuttosto in basso” e il suo seno è diventato più piccolo e ha perso la sua forma nel tempo, ha detto.

Cole è rimasto sui bloccanti della pubertà per circa 18 mesi e sul testosterone per circa tre anni.

Le vampate di calore sono cessate quando ha smesso di prendere i bloccanti della pubertà, ha detto.

Decisione vincolante

A scuola, Cole era “un bambino imbarazzante”, ma aveva fatto qualche amico in più online e di persona. Ma, poiché aveva fatto coming out solo con i suoi amici più cari, ha dovuto affrontare l’ansia per la possibilità di essere uscita.

“Non ho mai nemmeno detto agli insegnanti il mio nome preferito o qualcosa fino al liceo, ma mi presentavo in abiti da uomo e tagli di capelli più corti”, ha detto.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole tiene in mano un tutore per il corpo che ha usato mentre stava assumendo trattamenti ormonali transgender, nel nord della California, il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

Pochi mesi dopo che le è stato prescritto il testosterone, Cole è stata palpeggiata da un ragazzo nel mezzo della sua classe di storia di terza media, che era così caotica che nessuno se ne è accorto, incluso il suo insegnante, ha detto. L’incidente ha suggellato la sua decisione di indossare leganti per appiattire e nascondere il seno.

“Avevo un petto relativamente piccolo, ma mi ha comunque fatto un po’ di danni. Le mie costole sono un po ‘deformate a causa loro. Il modo in cui lavorano – non è come se il seno semplicemente scomparisse – spingono il seno nella gabbia toracica “, ha detto.

Cole ricorda il suo legante attaccato alla sua pelle nel caldo clima della Central Valley California e il suo petto si sentiva ristretto.

“Era solo la cosa più scomoda”, ha detto.

Ha usato il bagno degli uomini, ma ha sempre temuto di essere aggredita sessualmente.

Tuttavia, non è cambiata nello spogliatoio dei ragazzi perché aveva paura di essere vista con il suo raccoglitore, e “che qualcuno avrebbe fatto un commento su di esso, e mi avrebbe preso di mira per questo”, ha detto.

La maggior parte degli studenti, ad eccezione di quelli che l’avevano conosciuta da bambina, la conoscevano come un maschio, ma un ragazzo della sua classe Phys Ed alla fine notò le sue caratteristiche femminili.

“C’è stata una volta durante P.E. quando stavamo nuotando. Mi sono tolto la camicia. Indossavo un raccoglitore e qualcuno mi ha fatto notare la forma del mio corpo. Questa è stata un’altra cosa che mi ha fatto venire voglia di sbarazzarmi del mio seno”, ha detto Cole. “Ha detto qualcosa del tipo: ‘Non so cosa sia, ma sembri un po’ femminile’, e questo mi ha ferito”.

Prima del primo giorno del suo primo anno di liceo, Cole andò nell’ufficio del preside con i suoi genitori e chiese che il suo nome e i suoi documenti fossero cambiati in “Leo”.

‘Top Chirurgia’

Prima della sua operazione, Cole ha frequentato un corso di “chirurgia superiore” con circa altri 15 bambini e i loro genitori per conoscere i diversi tipi di incisioni.

Col senno di poi, ha detto, “sembrava una specie di propaganda, le parole che usano come ‘cura che afferma il genere’ e cose del genere”, ha detto. “Mi sembra che mi sia stato venduto un prodotto.”

Foto di Epoch Times
Chloe Cole si trova vicino a casa sua nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

Cole ricorda di essersi guardato intorno nella stanza e di aver notato che circa la metà degli altri bambini sembrava che fossero di qualche anno più giovani di lei.

“Ripensarci ora è un po’ orribile. È un po ‘strano considerando … stavano già prendendo in considerazione un intervento chirurgico “, ha detto.

Ma, all’epoca, vedere altri bambini e sapere che non era sola, ha solidificato la decisione di Cole di andare avanti con il tipo più ampiamente eseguito di doppia mastectomia chiamata “doppia incisione con innesti di capezzolo” nel giugno 2020. Aveva 15 anni.

L’intervento chirurgico ha comportato la rimozione del tessuto mammario e il contorno del torace per renderlo più maschile.

“Tolgono il capezzolo e lo riattaccano in una posizione più maschile, e ci sono alcuni effetti collaterali associati ad esso”, ha detto Cole.

Non solo c’è una perdita di sensibilità dal taglio del tessuto mammario, ma il riposizionamento del capezzolo richiede la rottura del dotto che fornisce il latte materno al capezzolo, ha detto.

L’intervento chirurgico ha lasciato Cole con un profondo dolore muscolare per il quale le è stato prescritto un farmaco a base di oppioidi, ma poiché il dolore derivante dai conseguenti problemi di digestione era peggiore del dolore al petto, ha smesso di prendere le pillole.

“In realtà sono stato disabile per un po ‘. Avevo una gamma di movimento davvero limitata, specialmente nelle braccia e nella parte superiore del corpo. C’erano molte cose che non potevo fare. Non potevo nemmeno uscire di casa per alcune settimane”, ha detto. “Ricordo che era davvero sconvolgente.”

La parte più devastante del processo di recupero sono stati i problemi post-operatori in corso con i suoi capezzoli, ha detto.

“Sono passati due anni e sto ancora avendo alcuni problemi di pelle davvero brutti”, ha detto. “Il modo in cui la pelle guarisce sopra gli innesti … è semplicemente orribile. È davvero disgustoso”.

Cole ha detto di aver avuto problemi a contattare il suo chirurgo in seguito, e anche se avrebbe dovuto avere un appuntamento di follow-up con lui, ha finito per avere una chiamata con due infermiere che erano invece in sala operatoria.

Teme anche che i bloccanti della pubertà possano aver influenzato il suo sviluppo cerebrale come aveva avvertito il suo primo endocrinologo, ma il suo più grande rimpianto è come l’intervento chirurgico l’abbia colpita in modo permanente come donna.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole si trova vicino a casa sua nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

“Avevo 15 anni. Non ci si può esattamente aspettare che un adolescente prenda decisioni da adulto”, ha detto. “Quindi, a causa di una decisione che ho preso quando ero bambina, non posso allattare i miei figli in futuro. È solo un po ‘preoccupante che questo sia stato raccomandato ai bambini all’età che ero, e ora anche più giovani. Stanno iniziando a operare sui preadolescenti ora”.

Dilemma della detransizione

Durante i blocchi COVID-19 e l’apprendimento a distanza, Cole ha fatto ricorso ai social media per l’interazione virtuale e ha notato che le ragazze della sua età stavano pubblicando foto “super-idealizzate” di se stesse. Sebbene si sia resa conto che le immagini sono state modificate e migliorate, hanno innescato gli stessi problemi di immagine corporea che aveva sperimentato da bambina.

“Per un po’ mi sono chiesto: ‘Questo è davvero il valore di una donna? Se non lo faccio, questo mi rende non brava come queste altre donne?'”, ha detto.

Ma alla fine, Cole ha comprato alcuni vestiti femminili e trucco, che indossava solo nella privacy della sua stanza. “Immagino che inconsciamente ho iniziato a rendermi conto che quello che stavo perdendo ha iniziato a mancare la presentazione in modo più femminile, come essere carina”, ha detto.

Nel corso del tempo, è diventata sempre più disillusa dall’idea di vivere come un uomo.

“Mi sono resa conto che non ero davvero all’altezza di molte delle responsabilità che ne derivano”, ha detto. “Ci sono stati momenti in cui mi sentivo come se non fossi abbastanza brava da ragazza, ma forse non sono abbastanza brava nemmeno da ragazzo, e forse non posso essere abbastanza brava da esserlo, quindi non so davvero cosa sono”.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole si trova vicino a casa sua nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

Nei mesi successivi, l’isolamento dei blocchi e la chiusura delle scuole hanno avuto il loro pedaggio sullo stato d’animo di Cole. Era depressa ed è caduta in una spirale emotiva.

Durante il secondo semestre del suo primo anno, i voti di Cole sono crollati e i suoi genitori hanno deciso di inserirla in un programma scolastico solo online.

“Era un po ‘come un programma di homeschooling, tranne per il fatto che dovevo andare all’ufficio distrettuale almeno una volta alla settimana per scopi di test”, ha detto. “Il mio rendimento scolastico in realtà è peggiorato molto, perché ora ero veramente isolato.”

Ma Cole ammette che meno interazione sociale le ha dato il tempo per una maggiore introspezione.

Durante l’ultimo trimestre del suo anno junior, ha preso un corso di psicologia per la prima volta e ha imparato a conoscere lo sviluppo del bambino. Una delle lezioni ha riguardato gli esperimenti di Harlow sulle scimmie rhesus infantili con un tema di maternità, legame madre-figlio e allattamento al seno.

“Ho iniziato a rendermi conto che questo è ciò che sto portando via da me stesso. Non sarò in grado di legare con i miei figli nello stesso modo in cui fa una madre assumendo un ruolo maschile e mi sono liberata del mio seno, quindi non posso nutrire i miei figli in modo naturale o essere coinvolta con loro in quel modo. E penso che sia stato come il più grande catalizzatore in me che mi rendevo conto di quanto fosse sbagliato tutto questo “, ha detto.

Abbracciare la femminilità

Cole ha annunciato la sua detransizione nel maggio 2021, circa 11 mesi dopo l’intervento chirurgico, e ha abbracciato la femminilità.

“Sono una donna”, ha detto.

Nonostante la sua transizione, Cole ha detto che è sempre stata attratta principalmente dagli uomini maschili e che è sempre stata “marginalmente attratta” dalle donne. È “etero”, ha detto, e ora sa che la sua confusione di genere da bambina era basata sull’insicurezza e sulla sua paura di essere una donna.

Cole si è divertita a “coltivare” un nuovo look femminile per se stessa, ma dice che non è ancora molto truccata e non ha tempo per farlo quasi tutti i giorni.

Foto di Epoch Times
Chloe Cole vicino a casa sua nel nord della California il 26 agosto 2022. (John Fredricks/The Epoch Times)

“Sono quasi sempre in un vestito o una gonna perché, onestamente, è davvero comodo”, ha detto.

Ha imparato ad accettare il suo corpo così com’è, ha detto, e non vuole passare attraverso il processo di chirurgia ricostruttiva o ottenere protesi mammarie.

“Ci sono diverse opzioni per la ricostruzione, ma onestamente non penso che ne valga la pena”, ha detto. “Non riavrò mai la funzione indietro, non importa quello che faccio, quindi non ha davvero senso farlo.”

Cole si è diplomato al liceo a maggio e ha fatto domanda per il college.

Messaggio di speranza

Sebbene sia stata molestata sui social media e minacciata dagli attivisti, Cole ha detto che è impegnata a condividere la sua storia.

“Voglio evitare che si verifichino altri casi come il mio”, ha detto.

Si chiede perché gli educatori siano diventati complici del processo di “affermazione del genere”.

“Il problema è che non stanno davvero respingendo l’intera faccenda trans. Quando ho detto al liceo di cambiare il mio nome, la mia e-mail e i loro record, non c’è stato davvero alcun respingimento o altro”, ha detto.

Cole ha esortato i bambini che potrebbero pensare alla chirurgia di transizione di genere “a non farsi prendere dall’intera romanticizzazione” di come potrebbe essere essere il genere opposto e ha suggerito di considerare che potrebbero esserci “altre ragioni” alla base della disforia di genere, tra cui l’autismo o altri problemi di salute mentale.

“Suggerisco vivamente di aspettare, perché il cervello non smette di svilupparsi per la maggior parte delle persone fino a circa la metà degli anni ’20, se non un po ‘più tardi, e gli adolescenti sono noti per prendere decisioni avventate. Fa schifo sentirlo, specialmente da bambino, ma è la verità “, ha detto. “C’è un motivo per cui non puoi comprare sigarette o alcolici o votare o noleggiare un’auto sotto una certa età”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.