Trump dice agli americani di prepararsi a “molto peggio” della recessione, dice che solo una cosa può risolverlo

Trump dice agli americani di prepararsi a “molto peggio” della recessione, dice che solo una cosa può risolverlo

0:007:36

L’ex presidente Donald Trump ha avvertito gli americani di prepararsi a qualcosa di “molto peggio di una recessione“, incolpando la cattiva gestione dell’economia dell’amministrazione Biden per l’impennata dell’inflazione e denunciando gli aumenti delle tasse nell’ultima legge di spesa democratica.

Trump ha fatto le osservazioni alla Conservative Political Action Conference (CPAC) a Dallas sabato, dove l’ex presidente ha lanciato l’allarme sullo stato dell’unione.

“Il nostro paese viene ucciso. Viene distrutto”, ha detto Trump ai partecipanti, mentre propagandava il record della sua amministrazione sull’economia e la sicurezza nazionale.

Trump ha parlato di “creare il confine più sicuro della storia americana, tagli record alle tasse e alla regolamentazione, benzina da $ 1,87, nessuna inflazione, bassi tassi di interesse, crescita record dei salari reali, crescita record nella nostra economia”.

Foto di Epoch Times
L’ex presidente Donald Trump parla alla Conservative Political Action Conference di Dallas il 6 agosto 2022. (Bobby Sanchez per The Epoch Times)

Impennata dell’inflazione, recessione

Durante il mandato di Trump, il più alto dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) dell’indicatore dell’inflazione è stato del 2,9% a luglio 2018, mentre nel suo ultimo mese in carica, gennaio 2021, l’inflazione è arrivata all’1,4%.

Sotto Biden, l’inflazione è salita costantemente, salendo del 9,1% su base annua nel giugno 2022, una cifra che non si vedeva da più di 40 anni.

Nel suo discorso, Trump ha tracciato un contrasto con l’economia sotto il presidente Joe Biden, incolpando il presidente per la più alta inflazione degli ultimi decenni che Trump stima stia costando alle famiglie americane fino a $ 7.000 all’anno.

“Dopo la pandemia, abbiamo consegnato ai democratici radicali la ripresa economica più veloce mai registrata, la storia del nostro paese, mai registrata”, ha continuato Trump. “Lo hanno trasformato in due trimestri consecutivi di crescita economica negativa, nota anche, nonostante la loro protesta al contrario, come una recessione”.

Due trimestri consecutivi di crescita negativa del PIL sono una definizione comune per una recessione, anche se le recessioni negli Stati Uniti sono ufficialmente dichiarate da un comitato di economisti del National Bureau of Economic Research (NBER) utilizzando una definizione più ampia rispetto alla regola dei due trimestri.

Nonostante un certo numero di economisti sostenga che gli Stati Uniti sono in una recessione basata sulla regola dei due trimestri consecutivi, l’amministrazione Biden insiste sul fatto che l’economia non è in recessione, citando la considerazione di NBER di una gamma più ampia di indicatori.

Un argomento chiave contro la recessione fatto dal segretario al Tesoro Janet Yellen e da altri nell’amministrazione Biden è che il mercato del lavoro statunitense rimane stretto, con la disoccupazione al 3,5% e, a 10,7 milioni, il numero di aperture di lavoro rimane ben al di sopra dei circa 6 milioni di persone classificate come disoccupate.

Il presidente Joe Biden fa osservazioni

Peggio della recessione

Nel suo discorso al CPAC, Trump ha poi lanciato un minaccioso avvertimento che, in assenza di una correzione di rotta, la recessione potrebbe precipitare in qualcosa di ancora peggiore.

“Spero solo che la recessione non si trasformi in una depressione, perché il modo in cui stanno facendo le cose, potrebbe essere molto peggio di una recessione”, ha detto Trump, facendo eco a osservazioni simili che ha fatto in un raduno in Arizona alla fine di luglio, dove ha avvertito che “avremo un problema serio” a meno che non avvenga un cambiamento politico.

“Dobbiamo mettere in ordine questo atto, dobbiamo far andare avanti questo paese, o avremo un problema serio”, ha detto Trump in un comizio in Arizona, avvertendo che “avremo un problema molto più grande della recessione. Avremo una depressione”.

Durante la sua apparizione al CPAC, Trump ha lanciato un appello per un’azione urgente alle urne nelle prossime midterm.

“È in gioco il futuro del nostro Paese. Non abbiamo tempo di aspettare anni e anni. Non avremo più un paese. Quello che dicevo sul Venezuela è vero. Dobbiamo salvare l’economia, sconfiggere l’aumento delle tasse di Biden, Pelosi, Schumer, che sta accadendo proprio ora stasera”, ha continuato Trump, riferendosi al cosiddetto “Inflation Reduction Act” che ha autorizzato il Senato non molto tempo dopo il suo discorso.

I senatori hanno approvato l’ampio disegno di legge, stimato in 740 miliardi di dollari, in un voto 51-50 il 7 agosto, con il pacchetto che andrà alla Camera per l’esame.

Durante le deliberazioni, i democratici del Senato hanno respinto un emendamento offerto dal senatore Mike Crapo (R-Idaho) che cercava di vietare a qualsiasi degli 80 miliardi di dollari per l’Internal Revenue Service (IRS) di essere utilizzati per colpire gli americani che guadagnano meno di $ 400.000 all’anno.

“I miei colleghi sostengono che questo massiccio aumento dei finanziamenti consentirà all’IRS di perseguire milionari, miliardari e i cosiddetti ricchi ‘trucchi fiscali’, ma la realtà è che una parte significativa sollevata dal loro aumento dei finanziamenti irs proverrebbe da contribuenti con reddito inferiore a $ 400.000”, ha detto Crapo in una nota.

L’emendamento di Crapo è stato respinto con un voto di linea di partito, con il disegno di legge democratico che include un linguaggio più morbido che presenta una dichiarazione di intenzione non vincolante di non spremere più entrate dalla classe media americana.

Aumenti delle tasse

Secondo un’analisi di Americans for Tax Reform, un gruppo di difesa degli Stati Uniti, la legge di spesa include una serie di aumenti delle tasse sulle famiglie e le imprese americane.

Ciò include una tassa sul gas naturale di $ 6,5 miliardi che secondo ATR aumenterà le bollette energetiche domestiche, una tassa sul petrolio greggio da $ 12 miliardi che finirà per essere trasferita ai conducenti sotto forma di prezzi del gas più elevati e un aumento dell’imposta sul reddito di $ 52 miliardi sulle imprese di medie dimensioni e familiari.

In un’analisi separata, ATR ha affermato che le modifiche del disegno di legge democratico alla tassa sui libri minacciano le piccole imprese.

Elaborando questo tema, l’economista e autore Antonio Graceffo ha scritto in un editoriale per The Epoch Times che il cosiddetto “Inflation Reduction Act” avrebbe fatto salire i prezzi per le famiglie americane.

“Quasi la metà di queste nuove tasse saranno pagate dai produttori, creando disincentivi a produrre. La diminuzione della produzione industriale farà salire il costo delle merci e ridurrà la varietà e la quantità di beni disponibili sugli scaffali dei negozi “, ha scritto Graceffo.

“Al di là del settore manifatturiero, la legge aumenta le tasse sulle imprese in generale, che, combinate con tassi di interesse più elevati, diminuiranno i nuovi investimenti e ostacoleranno la creazione di posti di lavoro. In definitiva, questi maggiori costi saranno trasferiti ai clienti “, ha aggiunto.

“Dobbiamo vincere”

Durante il suo discorso al CPAC, Trump ha rivelato quella che vede come la chiave per riportare il paese e la sua economia in carreggiata.

“Dobbiamo vincere una vittoria sconvolgente nel 2022. Dobbiamo farlo, in arrivo a novembre”, ha detto Trump.

“Queste elezioni devono essere un referendum nazionale sulle orrende catastrofi che i democratici radicali hanno inflitto al nostro paese”, ha continuato.

“Il partito repubblicano ha bisogno di fare campagna elettorale con una chiara promessa che, se gli viene dato il potere, combatterà con tutto ciò che ha per chiudere il confine, fermare l’ondata di criminalità, battere l’inflazione e ritenere l’amministrazione Biden responsabile. Devono ritenerlo responsabile. Il lavoro numero uno per il prossimo Congresso”, ha detto Trump.

Le elezioni nazionali di medio termine si svolgono l’8 novembre, con 34 seggi al Senato e tutti i 435 seggi della Camera in palio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.