Scioccante indagine di laboratorio sui vaccini COVID

Infine, un patologo imparziale ha portato un vaccino in laboratorio per dimostrare esattamente cosa sta causando “il mistero dei coaguli gommosi”.

LA STORIA A COLPO D’OCCHIO

  • Una recente indagine di laboratorio di The Highwire rivela che l’unica cosa coerente sui vaccini COVID è la loro incoerenza. Non c’è controllo di qualità. Alcuni appaiono chiari come soluzione salina, mentre altri sono carichi di contaminanti
  • Nell’agosto 2021, il Giappone ha rifiutato 1,63 milioni di dosi di mRNA di Moderna a causa della contaminazione. L’anno scorso l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha anche espresso preoccupazione per le fiale che erano pure solo dal 50% al 55%.
  • Le fiale contengono anche quantità massicciamente inconsistenti di glicole polietilenico (PEG). La PEG può causare shock anafilattico in alcune persone. Il PEG ostacola anche una corretta risposta immunitaria
  • Se sei abbastanza sfortunato da ottenere una fiala caricata con PEG, il rischio di effetti avversi come shock anafilattico e risposta immunitaria disregolata è maggiore rispetto a quando si ottiene una fiala con quantità inferiori
  • Secondo il Dr. Ryan Cole, un patologo, quelli che sembrano microchip o nanotecnologie nel liquido sono in realtà cristalli di colesterolo, zucchero e sale impilati, e quelli che sono stati descritti come parassiti sono trikons stellati, trovati sul fondo delle foglie. Probabilmente sono un contaminante raccolto ad un certo punto durante l’indagine di laboratorio

Il 12 dicembre 2022, The Highwire ha pubblicato1 un’affascinante e scioccante indagine di laboratorio sui vaccini COVID. Del Bigtree inizia esaminando alcune delle molte presunte scoperte da parte di organizzazioni che esaminano gli scatti utilizzando varie tecnologie. Ad esempio, alcuni affermano di aver trovato grafite nelle fiale, mentre altri hanno scoperto ciò che sembra nanotecnologia e parassiti.

“Alcuni di questi li abbiamo affrontati qui e altri no”, Bigtree dice. “Parte di ciò è che non mi piace davvero affrontare qualcosa che non so da dove provengono le informazioni …

Non mi fido degli esperti solo perché mi dicono che sono esperti. Voglio vedere la scienza, voglio vedere le prove, voglio vedere come è fatto … Così, ho contattato il dottor Ryan Cole, un patologo che mi ha dimostrato di essere impeccabile nel lavoro che fa. È imparziale.

E io dissi: ‘Mi faresti un favore? Possiamo procurarci questi vaccini? Voglio entrare in laboratorio. Voglio vederlo con i miei occhi. Possiamo portare alcune telecamere e fare una vera indagine?”

Il mistero dei coaguli gommosi

Cole fu d’accordo, e quell’indagine registrata è ciò che vedete nel video qui sopra. Cole inizia mostrando come appaiono alcuni dei coaguli gommosi bianchi al microscopio e diapositive che mostrano la distribuzione della proteina spike in vari tessuti.

Un certo numero di imbalsamatori ha riferito di aver estratto questi oggetti filanti ed elastici da persone decedute che hanno ricevuto il jab, e sono diversi da qualsiasi cosa abbiano mai visto prima. Cole concorda sul fatto che questi coaguli sono qualcosa di nuovo di zecca.

Cole descrive i coaguli elastici bianchi come “un tipo di materiale amiloide” indotto dalla proteina spike, che in realtà è una glicoproteina. Cita un articolo2 dell’agosto 2021 di Etheresia Pretorius e del suo team, in cui descrive di aver trovato “microcoaguli plasmatici circolanti persistenti resistenti alla fibrinolisi” nei pazienti COVID lunghi e in coloro che hanno ricevuto il vaccino COVID.

Si riferisce a loro come “microcoaguli amiloidi anomali”. In sintesi, ciò che ha scoperto è che anche quando ha tolto le piastrine dal sangue, una volta aggiunta la proteina spike, le proteine ancora glommate insieme, formando masse e processi che normalmente abbatterebbero un coagulo di sangue non funzionano su queste deposizioni amiloidi.

Iniezioni COVID al microscopio

Cole passa poi a guardare i colpi COVID al microscopio. Il primo è lo scatto di Janssen, che contiene quelli che sembrano detriti, tra cui, potenzialmente, un frammento di vetro. Come notato da Cole, quando la produzione viene incrementata alle attuali velocità a cui vengono prodotti questi scatti, non c’è davvero alcuna garanzia di purezza.

Come ricorderete, nell’agosto 2021, il Giappone ha rifiutato 1,63 milioni di dosi di mRNA di Moderna a causa della contaminazione. L’anno scorso l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha anche espresso preoccupazione per le fiale che erano pure solo dal 50% al 55%.

Questa impurità significa anche che potresti ottenere RNA frammentato, al contrario dell’RNA completo, che può avere conseguenze impreviste, poiché l’RNA accorciato può finire per produrre proteine incomplete. Delle fiale Pfizer, alcune contenevano anche particelle non identificabili, alcune delle quali erano attaccate insieme.

Detto questo, dove altri vedono la nanotecnologia – oggetti quadrati che assomigliano a microchip – Cole vede il colesterolo impilato. Quindi, mentre ci sono detriti (che è abbastanza grave) non attribuisce alle teorie che gli scatti includano la nanotecnologia.

Alcuni hanno anche scoperto quelli che sembrano parassiti ma, secondo Cole, sono trikons stellati, che si trovano sul fondo delle foglie. Suggerisce che è un’impurità che è atterrata nel liquido o sul vetro durante il processo di indagine. Bigtree ha riassunto le loro scoperte:

“In generale, mentre guardavamo tutti i diversi vaccini, una delle conclusioni che siamo giunti è che è solo un guazzabuglio. C’erano vaccini che sembravano non avere particelle, quasi nulla, lì; quasi come un colpo salino. E poi il [prossimo] sarebbe stato pieno di ogni sorta di cose. Hai solo la sensazione che la produzione sia totalmente e completamente incoerente. “

Cole è d’accordo:

“Sono d’accordo al 100%. Alcuni sono più concentrati, altri meno, e questo va al punto, dove vengono fatti? La FDA sta ispezionando ogni struttura? No. E questi sono stati fatti in tutto il mondo, e sono stati intensificati così rapidamente. Non è un buon processo di produzione … E… Questo è un processo davvero unico e nuovo di zecca che stanno usando su larga scala. “

Vaccini COVID analizzati con la spettronomia di massa

Gli scatti sono stati analizzati anche utilizzando la spettronomia di massa, che ha rivelato la presenza di particelle metalliche, tra cui alluminio, silicio, magnesio, cloruro di sodio, calcio, titanio e ferro. Cole cita la ricerca che dimostra che alcuni di questi metalli provengono dall’ago utilizzato per estrarre il liquido dalla fiala, quindi possono o non possono far parte della formula effettiva nella fiala.

Hanno anche trovato quantità massicciamente incoerenti di glicole polietilenico (PEG) nelle diverse fiale. PEG, che è ciò che ricopre e protegge l’mRNA, è ciò che causa shock anafilattico in alcune persone, poiché la sensibilità PEG e le allergie sono comuni tra il pubblico in generale. Peggio, tuttavia, è il fatto che il PEG ostacola anche una corretta risposta immunitaria.

“Processi di produzione scadenti e incoerenti si traducono in contenuti estremamente variabili da un lotto o fiala all’altro”.

Se sei abbastanza sfortunato da ottenere una fiala caricata con PEG, il rischio di effetti avversi come shock anafilattico e risposta immunitaria disregolata è maggiore rispetto a quando ottieni una fiala con la quantità appropriata o inferiore a quella richiesta dalla ricetta. Ancora una volta, è un segno di processi di produzione scadenti e incoerenti che si traducono in contenuti molto diversi da un lotto o fiala all’altro. In particolare, nessun grafene è stato trovato in nessuna delle 100 fiale testate. Cole spiega:

“Quei piccoli fiocchi che stavamo vedendo, quelle piccole linee e cose fluttuanti, queste sono tre cose: cristalli di colesterolo – c’è un picco di colesterolo colesterina su alcuni di questi grafici di massa – … sale e alcuni zuccheri … Quindi, alla fine della giornata, le specifiche di massa hanno mostrato che era quello che era.

Queste fiale hanno contenuto lipidico. Hanno un contenuto di glicole polietilenico in rapporti variabili. Hanno sali, hanno zuccheri. Hanno materiale genetico … e alcuni lotti avevano alcuni contaminanti …

C’è una nanoparticella lipidica e una sequenza genica che fa sì che il tuo corpo produca una proteina estranea. Queste due cose sono necessarie e sufficienti a causare danni. Certo, vuoi un prodotto puro, ma queste sono le due cose dannose. La nanoparticella lipidica è iper-infiammatoria e può essere tossica.

Quando è stato progettato, è stato fatto per essere dato una volta. Gli studi sul dargli due, tre, quattro volte non ci sono negli esseri umani. Quindi, la tossicità cumulativa della nanoparticella stessa è preoccupante.

Ancora più preoccupante è [che] più di questo gene si entra nelle cellule che continua a produrre una proteina che ha conosciuto innumerevoli effetti collaterali … quella proteina spike tossica. Questo è ciò che conta”.

Lo show-stopper

Il vero show-stopper è verso la fine, dove prendono una goccia del sangue di Bigtree, che è unjabbed, e poi aggiungono una goccia del “vaccino” COVID. Il vetrino contenente nient’altro che il suo sangue non tamponato sembra perfettamente normale, con belle cellule a forma di ciambella.

Le diapositive a cui è stata aggiunta una goccia di “vaccino” COVID mostrano notevoli incongruenze. Su una diapositiva, nell’area toccata dal liquido, i globuli rossi sembravano evaporati. Secondo Cole, le cellule erano fondamentalmente “de-emoglobiate”.

L’emoglobina è stata appena spazzata via. Di conseguenza, le cellule sono diventate bianche, il che fa sembrare che siano evaporate. “Questo dice solo che molte di queste fiale sono molto, molto irritanti nella loro pre-miscela … Tutto risale alla purezza e alla coerenza della produzione”, afferma Cole. Anche le cellule del sangue si stavano aggregando verso l’esterno della goccia, molte si stavano ripiegando insieme e gli echinociti erano chiaramente visibili. Come spiegato da Cole:

“Ha cambiato istantaneamente il pH degli interni. Queste sono piccole macchie di proteine sulla membrana del globulo rosso, perché il globulo rosso ha involuto … Tutte queste piccole dita, che non sono proteine spike. Questo è un altro mito.

Ma questo è affascinante, perché ha cambiato istantaneamente il pH dell’interno della cellula. E ha causato un massiccio deflusso di fluido dall’interno della cellula causando tutto quel ripiegamento della membrana cellulare. È selvaggio.

È stato quasi istantaneo, ed è ovunque. Quei globuli rossi sono ora globuli rossi non funzionali. Quelli non porteranno un briciolo di ossigeno. Ora il tuo corpo deve decidere cosa fare e ha una reazione infiammatoria, perché ora deve divorare quelli”.

Questa tecnologia deve essere fermata

In chiusura, Cole dice:

“Per tornare al punto chiave – voglio portare a casa questo – cercheranno di fare nanoparticelle lipidiche più geni dell’influenza, più geni RSV per tutti questi altri vaccini in futuro. Sappiamo già che questo è stato un programma di “vaccino” fallito. Hanno una tecnologia che è dannosa. Le cellule umane hanno lo scopo di produrre proteine umane. Le cellule umane non erano destinate a produrre proteine tossiche estranee.

I vaccini tradizionali non lo fanno. Il tuo corpo vuole produrre la propria proteina, non una proteina influenzale, non una proteina RSV, non qualsiasi altra proteina virale, non la proteina SARS-CoV-2. Questa piattaforma è sufficientemente dimostrata pericolosa che non solo i vaccini COVID devono essere fermati, ma anche la piattaforma [anche] …

Vediamo già abbastanza cose che vanno male. Penso che questo sia il messaggio all’umanità, alle agenzie di regolamentazione, ai funzionari governativi che sono disposti a intervenire e bloccare la corruzione normativa … Fermiamo questi programmi. Continuiamo a fare scienza corretta e non affrettiamo la scienza.

Conoscete questa citazione del Comitato europeo? “Stavamo lavorando alla velocità della scienza.” La buona scienza non ha fretta. E il dirigente di Pfizer che si è appena dimesso? [Ha detto] “Stavamo costruendo l’aereo mentre cercavamo di farlo volare.” Buon dolore. E lei ne era orgogliosa. No, non è quello che fai ai tuoi simili. E non è quello che facciamo in medicina e sicurezza”.

Bigtree aggiunge:

“Abbiamo interrotto questi programmi genetici più volte. Sono stati fermati perché stavano causando troppo cancro. Stiamo avendo seri problemi con questa tecnologia.

È stato fermato per tutti questi motivi, quindi avremmo dovuto essere molto preoccupati di usarlo come vaccino. Certamente non avremmo dovuto affrettarci. Invece l’abbiamo messo di fronte a un gruppo di “bambini dell’asilo” che non sanno nulla di ciò che stanno guardando, e lo hanno approvato …

Qui c’è qualcosa che non va. E quando ascoltiamo Edward Dowd, gli attuari assicurativi stanno andando [sotto] a causa dell’aumento della mortalità per tutte le cause. Tutto questo sta accadendo, e vogliono letteralmente accelerare un sistema in cui possono semplicemente iniziare a sbattere fuori [senza] prove di sicurezza. Questo è un film. Questo è un cartone animato. In che modo le persone reali si comportano in questo modo? … Queste sono scelte criticamente dannose che vengono fatte”.

Cosa fare se hai ricevuto il vaccino

Se hai già ricevuto uno o più vaccini, fermati ora e non prenderne altri. Questo è il passo n. 1. Se hai difficoltà con i sintomi post-vaccino, assicurati di guardare il protocollo di lesioni post-vaccino della Frontline COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC).

I rimedi che possono aiutare a inibire, neutralizzare ed eliminare la proteina spike sono stati identificati anche dal Consiglio Mondiale della Sanità. Gli inibitori che impediscono alla proteina spike di legarsi alle cellule includono Prunella vulgaris, tè ad aghi di pino, emodina, neem, estratto di tarassaco e il farmaco ivermectina. Il Dr. Pierre Kory, della FLCCC, ritiene che l’ivermectina possa essere l’approccio migliore per legare la proteina spike circolante.

I neutralizzatori della proteina spike, che impediscono al picco di danneggiare le cellule, includono N-acetilcisteina (NAC), glutatione, tè al finocchio, tè all’anice stellato, tè all’ago di pino, erba di San Giovanni, tè di consolida maggiore e vitamina C.

Il consumo limitato nel tempo (TRE) può anche aiutare a eliminare le proteine tossiche stimolando l’autofagia e la nattochinasi, una forma di soia fermentata, è utile per ridurre i coaguli di sangue. Diversi rimedi disintossicanti aggiuntivi possono essere trovati in “Il Consiglio mondiale per la salute rivela la disintossicazione delle proteine Spike“.

Originariamente pubblicato 

Referenze

[1] Bitchute 12 dicembre 2022

[2] Diabetologia cardiovascolare 23 agosto 2021; 20 Articolo numero 172

Dr. Mercola

Dr. Joseph Mercola è il fondatore di Mercola.com. Medico osteopatico, autore di best-seller e destinatario di numerosi premi nel campo della salute naturale, la sua visione principale è quella di cambiare il paradigma della salute moderna fornendo alle persone una risorsa preziosa per aiutarli a prendere il controllo della loro salute.