15 milioni di americani sono destinati a perdere la copertura medica con la fine dell’emergenza sanitaria pubblica

A patient at the Lestonnac Free Clinic talks with a doctor about her health issues using a telemedicine machine in Orange, Calif., on June 21, 2021. (John Fredricks/The Epoch Times)

Si prevede che a partire dall’11 gennaio 2023, si stima che 15 milioni di americani inizieranno a perdere la copertura sanitaria.

Il motivo è che dopo tre anni di emergenza sanitaria pubblica COVID-19, lo scudo di copertura continua offerto da Medicaid e dal Children’s Health Insurance Program (CHIP) finirà.

Una volta scaduto lo stato di emergenza, si applicheranno requisiti e restrizioni di reddito regolari. Ciò squalificherà milioni di persone che hanno beneficiato della legislazione del Congresso approvata nel 2020 che impedisce la disiscrizione per tutta la durata della pandemia di COVID.

Gli amministratori sanitari si stanno già preparando per le ricadute mentre la fine incombe.

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha fissato una data provvisoria per l’11 gennaio, anche se molti analisti ritengono che sarà estesa. Questo perché i funzionari della Casa Bianca hanno promesso un preavviso di 60 giorni prima di renderlo ufficiale.

Anche con un’estensione, sta solo ritardando l’inevitabile, secondo gli addetti ai lavori del settore. Una valanga di nuovi americani non assicurati continuerà a precipitare nel sistema sanitario nazionale.

Si stima che 15 milioni di adulti e bambini saranno disiscritti una volta terminata l’emergenza sanitaria, secondo un’analisi dell’Ufficio dell’Assistente Segretario per la Valutazione della Pianificazione. All’interno di quel gruppo, 8,2 milioni non saranno più idonei per Medicaid. Anche altri 5,3 milioni di bambini non si qualificheranno per CHIP.

Appena un terzo di coloro che sono in fila per essere espulsi nel mercato assicurativo si qualificherà per crediti d’imposta o altri programmi. Ciò lascerà milioni di persone in un limbo, che si affannano per trovare un’assicurazione a prezzi accessibili.

Con un volume così elevato di nuovi pazienti non assicurati, alcuni analisti prevedono aumenti dei costi per le visite mediche, specialmente al pronto soccorso.

Copertura troppo costosa

Altri dicono che contribuirà alla spirale della crisi della salute mentale in America, che attualmente colpisce più di 50 milioni di persone.

“Ne parliamo molto al lavoro. Dal punto di vista umano, non si tratta solo di CHIP e Medicaid, ma anche di piani di disabilità. Questo è ciò di cui siamo più preoccupati, la disabilità e gli anziani”, ha detto Amanda Jones a The Epoch Times.

Jones è un professionista sanitario senior che ha lavorato con i programmi di assistenza sanitaria del governo degli Stati Uniti per 14 anni. Dice che non sarà così semplice come tornare al programma una volta scaduto lo stato di emergenza.

Perché per molti che utilizzano programmi sovvenzionati, altre coperture sono semplicemente troppo costose. Coloro che non si qualificano per piani di assistenza alternativi e convenienti probabilmente andranno senza, secondo Jones.

Le opzioni di copertura privata a prezzi accessibili possono anche variare drasticamente da stato a stato.

Scivolare attraverso le fessure

Uno studio del 2022 ha mostrato che ben 112 milioni di adulti statunitensi lottano per permettersi un’assicurazione medica. Nello stesso rapporto, il 93% ha dichiarato di ritenere che i benefici non valgano il prezzo elevato.

L’altra parte del problema sono le lacune di copertura. Anche brevi interruzioni nella copertura possono creare un collo di bottiglia a livello amministrativo per molti medici e specialisti.

“Con un intervallo di copertura, riportare le persone nella loro routine con i loro medici è complicato”, ha spiegato Jones.

Un’altra dura realtà è che molti cadranno attraverso il divario tra i requisiti di reddito e la possibilità di permettersi un’assicurazione privata. Coloro che scivolano attraverso saranno i più propensi a rinunciare alla copertura. Ciò si traduce in un aumento dei prezzi dei servizi medici a lungo termine. “I maggiori costi amministrativi nell’assistenza sanitaria verranno trasferiti ad altri clienti. Ci saranno anche molte più visite al pronto soccorso “, ha detto.

Jones ha anche notato che molti degli attuali membri di Medicaid e CHIP non perderebbero la copertura totale, ma molti dei loro benefici. Questo è particolarmente diffuso per coloro che si affidano a farmaci da prescrizione e visite mediche regolari.

L’iscrizione a Medicaid è salita a livelli record nel 2021, superando gli 80 milioni di membri. Gran parte di ciò è dovuto al fatto che molti hanno perso il lavoro durante la pandemia e mancavano di opzioni di copertura a prezzi accessibili.

Dopo che il Congresso ha approvato la legislazione nel marzo 2020 per proteggere la copertura assicurativa, le iscrizioni sono aumentate vertiginosamente, perché l’avvertimento principale per gli stati di accedere ai finanziamenti federali potenziati ai sensi del Families First Coronavirus Response Act era il divieto di disiscrivere le persone che usano Medicaid durante l’emergenza.

Jones dice che il preavviso di 60 giorni di Biden è una goccia nel mare. “Sessanta giorni nel mondo degli affari sono come, una settimana. Sarà un enorme sforzo per i coordinatori delle cure”.

Con le persone disabili, gli anziani e i bambini destinati a sentire il maggiore impatto, alcuni lavoratori del settore affermano che la crisi della salute mentale negli Stati Uniti si intensificherà.

Impatto sulla salute mentale

“Se pensi che la crisi della salute mentale sia grave ora con l’aumento dei suicidi, aspetta solo che i sottoserviti perdano la loro assistenza sanitaria“, ha detto la dottoressa Kimberly Parker a The Epoch Times.

Parker è un terapeuta autorizzato e gestisce Healthy Mind Counseling and Nutrition. Dice che perdere l’assicurazione faciliterà livelli più elevati di stress, ansia e altri problemi di benessere mentale.

Offrendo tariffe a scala mobile e alcuni servizi pro bono, l’obiettivo di Parker è quello di creare una maggiore accessibilità per coloro che hanno bisogno di cure per la salute mentale, ma non hanno il budget per farlo.

“Perdere la copertura causerà un effetto domino e quando parliamo di problemi medici, non puoi negare qualcuno perché non ha un’assicurazione”, ha detto.

Eppure molti americani già calpestano l’acqua in quello scenario esatto: senza assicurazione, non possono permettersi servizi di salute mentale.

Un’analisi ha mostrato che gli adulti non assicurati con sintomi da moderati a gravi di ansia o depressione hanno molte più probabilità di rinunciare ai servizi di salute mentale.

Il 62% degli adulti statunitensi non assicurati che necessitano di accesso ai servizi di salute mentale non riceve cure.

In confronto, il 35% dei beneficiari di Medicaid non ha accesso alle cure per la salute mentale.

Confronta i piani

Poi ci sono i bambini.

Quasi un minore su cinque lotta con disturbi mentali, emotivi o comportamentali, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Tuttavia, solo circa il 20% è in grado di accedere ai fornitori di assistenza appropriati.

Perché tutto torna a dollari e centesimi.

E anche se importanti cambiamenti di copertura sono all’orizzonte per milioni di persone, alcuni addetti ai lavori assicurativi dicono che non sono tutte cattive notizie.

“Ci sono molti cambiamenti che stanno per accadere. I destinatari di Medicaid non saranno rinnovati automaticamente … Se non soddisfano i requisiti, il loro stato di origine potrebbe avere un mercato in cui possono confrontare i piani sovvenzionati “, ha detto a The Epoch Times il vicepresidente senior delle operazioni di Smart Financial, Michael Orefice.

Orefice ha sottolineato che mentre i costi sono aumentati per la maggior parte dei piani di assicurazione sanitaria a causa dell’inflazione, ci sono più sussidi che mai disponibili nel 2023.

“Detto questo, potresti sperimentare cambiamenti con misure di emergenza revocate, come dover rimanere con i medici in rete”, ha detto.

Per coloro che non si qualificano per i piani sovvenzionati, Orefice dice che le persone dovranno guardarsi intorno. Ha indicato che un piano ad alta deducibilità è di solito tra i più convenienti. Ha anche osservato che i bambini che non sono più idonei per Medicaid possono ancora essere sul piano dei loro genitori fino all’età di 26 anni.

Jones ha aggiunto che il vero pizzico delle persone che abbandonano Medicaid e CHIP non colpirà fino a 12-14 mesi dopo la fine dell’emergenza sanitaria pubblica.

Questo è quando l’altra scarpa cadrà sia per i fini amministrativi che per quelli del paziente dell’assistenza sanitaria. Tuttavia, dice che quelli con esigenze di prescrizione sentiranno gli effetti prima.

“Alla fine della giornata, questa sarà una grande interruzione per molte persone”, ha detto Jones.