Roma, il sindaco Gualtieri non trascrive atto di nascita con due mamme formato all’estero: “Siamo increduli”

Roma, il sindaco Gualtieri non trascrive atto di nascita con due mamme formato all'estero: "Siamo increduli" - Roberto Gualtieri - Gay.it

“Decisione grave e contraria alla giurisprudenza delle corti superiori”, la replica di Rete Lenford. Oggi per lo Stato italiano il bambino ha soltanto una mamma.

 3 min. di lettura Scuro  Chiaro

Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma, non ha accolto la domanda presentata da due donne sposate in Francia di trascrizione integrale dell’atto di nascita del loro figlio, formato a Parigi con l’indicazione di entrambe le donne come madri del piccolo.

La coppia, formata da una cittadina italiana e da una cittadina francese, ha avuto un bimbo nell’ottobre 2021, nato a Parigi a seguito di procreazione medicalmente assistita e lì registrato come figlio di entrambe le donne, come previsto dalla legge francese. Presa la decisione di trasferirsi a Roma, la coppia ha domandato al Sindaco – che in questi casi agisce nella qualità di ufficiale dello stato civile – di trascrivere integralmente l’atto di nascita del bambino, per farlo esistere anche per lo Stato italiano e per proteggere la sua identità personale e familiare.

Nella interlocuzione avviata con Roma Capitale, l’avv. Vincenzo Miri, legale della coppia e presidente di Rete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBTI+, ha illustrato al Sindaco che l’attività richiesta dalle due signore doveva considerarsi non solo pienamente legittima, ma anche dovuta. La coppia, infatti, ha chiesto al Sindaco di Roma di procedere alla trascrizione di un atto di nascita già formato all’estero, consentita dalla Corte di cassazione sin dal 2016 con un orientamento giurisprudenziale che, persino davanti alle Sezioni Unite, non ha registrato nessuna pronuncia contraria e che è stato richiamato anche dalla Corte costituzionale.

Eppure, sottolineano da Rete Lenford, nonostante l’illustrazione dell’unanime giurisprudenza delle Corti superiori (Cass. 19599/2016; Cass. 14878/2017; Cass. 12193/2019; Cass. 23319/2021; Corte cost. 221/2019; Corte cost. 230/2020), il Sindaco di Roma non ha accolto la domanda, richiamando istruzioni genericamente fornite dal Ministero dell’Interno in tema di trascrizione di atti con genitori dello stesso sesso e trascrivendo parzialmente l’atto di nascita, con l’indicazione della sola mamma che lo ha partorito. Oggi per lo Stato italiano il bambino ha soltanto una mamma.

«Restiamo francamente sbigottiti dinanzi alla posizione assunta dal Sindaco di Roma, visto che da ormai sei anni la Corte di cassazione ha respinto la posizione del Ministero dell’Interno e ha addirittura giudicato “impellente” la continuità e la conservazione dello stato di figlio acquisito all’estero» – dichiara l’avv. Vincenzo Miri, che aggiunge: «La decisione del Sindaco, che durante la campagna elettorale aveva incontrato le associazioni LGBTI+ e aveva garantito un’attenzione ben diversa da quella della precedente Amministrazione, impegnandosi anche alla formazione del personale degli Uffici comunali, lascia amareggiati e ancora increduli. Al Sindaco è stato semplicemente chiesto di applicare le norme sulla trascrizione di atti esteri così come unanimemente interpretate anche dalla Corte costituzionale e dalla Corte di cassazione. Non assume, infatti, alcuna rilevanza l’indirizzo che quest’ultima ha assunto rispetto alla diversa fattispecie di formazione in Italia di atti di nascita con due mamme a seguito di nascite avvenute in Italia e non all’estero: in quei casi la Corte di cassazione ha sì espresso un orientamento negativo, contrario a quello fatto proprio da moltissime Corti territoriali e a nostro avviso ancora suscettibile di essere portato alla valutazione della Corte costituzionale, ma ha sempre precisato che una opposta soluzione debba adottarsi rispetto al diverso caso di trascrizione di atti formati all’estero. Eppure, il Sindaco di Roma ha scelto una strada che costringe la coppia a ricorrere in Tribunale e ad affrontarne costi e tempi. Le due mamme, che pensavano di trasferirsi in una capitale attenta alle istanze delle persone LGBTI+, hanno evidentemente coltivato false speranze. Da mesi si attende che il Sindaco, come aveva promesso, istituisca l’Ufficio per i diritti LGBT+. L’episodio di oggi dimostra come la costituzione di quell’Ufficio, purché accompagnata da un reale cambio di passo del Sindaco e da un indirizzo politicamente orientato a tutelare le persone LGBTI+, non sia più differibile. Resta, infine, davvero intollerabile che il Ministero dell’Interno non riconosca il diritto vivente in tema di trascrizione degli atti di nascita con due mamme, violando gravemente i diritti fondamentali di tanti bambini e tante bambine».

In attesa di una replica da parte del primo cittadino della Capitale Roberto Gualtieri, Rete Lenford ribadisce il proprio impegno, non solo nelle sedi giudiziarie, affinché episodi analoghi non si verifichino più e affinché l’Italia diventi un Paese davvero accogliente, rispettoso della dignità di tutte le sue cittadine e di tutti i suoi cittadini a partire dagli Uffici più vicini alla sua popolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.