Moderna fa causa a Pfizer-BioNTech per violazione dei brevetti sui vaccini

L’azienda farmaceutica statunitense accusa la concorrente di aver rubato la tecnologia alla base del farmaco a mRna contro il Covid.

I due giganti dei vaccini che abbiamo imparato a conoscere e ai quali ci siamo affidati in questi due anni e mezzo di pandemia finiscono in tribunale. Moderna ha fatto causa venerdì a Pfizer BioNTech per aver «violato brevetti fondamentali della (sua) piattaforma tecnologica di mRna». L’Rna messaggero, o mRna, è lo script genetico che trasporta le istruzioni del Dna ai macchinari per la creazione di proteine di ogni cellula ed è stato utilizzato nella produzione di vaccini contro il coronavirus.

La causa, depositata in Massachusetts e a Dusserdolf dove è basata BionNTech, si basa sulla convinzione di Moderna che con il vaccino Cominarty i concorrenti abbiano copiato la «tecnologia rivoluzionaria mRna depositata in una serie di brevetti tra il 2010 e il 2016 e utilizzata per Spikevax»: il vaccino, dicono, «presenta la stessa identica modifica chimica dell’mRna». «Gli scienziati di Moderna hanno iniziato a sviluppare questa modifica chimica che evita di provocare una risposta immunitaria indesiderata quando l’mRna viene introdotto nell’organismo nel 2010 e sono stati i primi a convalidarla negli studi sull’uomo nel 2015», si legge ancora nella denuncia.

Nell’ottobre 2020 Moderna – che aveva accettato 2,5 miliardi di dollari in soldi dei contribuenti per sviluppare il suo siero contro il Covid-19 – si era impegnata a non far valere i suoi brevetti relativi al COVID-19 finché la pandemia continuerà. Nel marzo 2022 ha chiarito che, mentre non avrebbe mai fatto valere i suoi brevetti per qualsiasi vaccino Covid utilizzato nei 92 Paesi a basso e medio reddito previsti dal Gavi Covax, «si aspetta che aziende come Pfizer e BioNTech rispettino i suoi diritti di proprietà intellettuale e che prendano in considerazione una licenza commercialmente ragionevole qualora ne richiedano una per altri mercati. Pfizer e BioNTech non lo hanno fatto».

Moderna quindi non chiede la rimozione del vaccino Pfizer dai mercati né danni, ma che le sia riconosciuta una licenza commerciale. Finora negli Stati Uniti sono state somministrate oltre 360 milioni di dosi di vaccino Pfizer e oltre 229 milioni di Moderna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *