Le accuse di “2000 Mules” non fanno parte delle rivendicazioni respinte dal Consiglio elettorale della Georgia, nonostante i resoconti dei media

The Epoch Times

TOPSHOT – Two employees with the Lake County Board of Elections collect absentee ballots from a dropbox outside election headquarters in Painesville, Ohio on October 16, 2020. (Photo by Dustin Franz / AFP) (Photo by DUSTIN FRANZ/AFP via Getty Images)

Sebbene dozzine di media abbiano affermato il contrario questa settimana, il Georgia State Elections Board non ha smentito alcuna affermazione fatta nel documentario “2000 Mules” recentemente pubblicato.

I membri del comitato elettorale sembravano suggerire durante una riunione del 17 maggio di aver smentito le accuse del documentario che sostiene frodi elettorali diffuse nelle elezioni del 2020.

Ma il consiglio non ha ancora esaminato le affermazioni fatte da True the Vote, l’organizzazione presente in “2000 Mules”.

Come descritto nel documentario pubblicato il 7 maggio, True the Vote, con sede a Houston, ha trascorso un anno e mezzo ad analizzare i dati dei telefoni cellulari e i video di sorveglianza di Dropbox per mostrare i modelli di ciò che chiamano traffico illegale di schede elettorali durante le elezioni del 2020. L’organizzazione no profit ha concentrato il suo lavoro in cinque giurisdizioni in cinque swing state vinte dal democratico Joe Biden: Georgia, Arizona, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin.

Nessuna delle denunce di frode elettorale associata al documentario è stata ripresa nella riunione di martedì.

Tuttavia, durante l’incontro, tre membri del comitato elettorale hanno ripetutamente fatto riferimento al documentario prima di ascoltare le prove di un investigatore statale e mentre discutevano tre denunce relative a cattiva condotta elettorale.

Due membri del consiglio hanno ripetutamente messo in guardia dal portare false accuse, con un avvertimento che potrebbe portare sanzioni.

In un apparente colpo ai registi, il membro del consiglio di amministrazione Sara Tindall Ghazal ha affermato che “il danno reale è stato causato da queste accuse non supportate asserite da individui che cercano di trarne profitto”.

Ma durante l’incontro, l’unica questione riguardante la denuncia di True the Vote è stata un aggiornamento su quando può iniziare un’indagine.

Il segretario di Stato della Georgia, il consigliere generale Ryan Germany, ha dichiarato che uno sforzo per esaminare un’ampia denuncia presentata da True the Vote a novembre è sospeso fino a quando l’organizzazione non rispetterà le citazioni in giudizio emesse il 21 aprile.

Il blocco si concentra sulle preoccupazioni di True the Vote sulla sicurezza del loro informatore, ha detto a The Epoch Times la fondatrice dell’organizzatore, Catherine Engelbrecht. La Germania ha riconosciuto che queste sono “preoccupazioni autentiche”.

L’informatore, noto come John Doe nella denuncia True the Vote allo stato, ha fornito dettagli sui brogli elettorali che hanno scatenato l’indagine dell’organizzazione, ha detto Engelbrecht. Rivelare la sua identità potrebbe metterlo in grave pericolo, ha detto.

Più di ogni altra cosa, Engelbrecht vuole che le informazioni scoperte dalla sua organizzazione siano indagate a fondo, ha detto. E lei consegnerà volentieri tutte le informazioni utilizzate nell’analisi dopo che la sicurezza del suo informatore può essere garantita, ha detto.

Engelbrecht appare nel documentario. Il film sostiene che il traffico illegale di schede elettorali ha avuto luogo su una scala abbastanza significativa da aver ribaltato le elezioni del 2020.

Alcuni dicono che il film mostra in modo decisivo modelli inconfutabili di imbrogli elettorali che segnalano misfatti criminali ben orchestrati. I critici deridono il film, dicendo che non sono convinti.

Circa un anno prima dell’uscita del film, Engelbrecht ha portato le sue scoperte ai funzionari in Georgia, dove la prima parte dell’analisi è stata completata. Ma i funzionari del Georgia Bureau of Investigations hanno respinto le sue preoccupazioni.

Ha portato le sue prove ai leader del Partito Repubblicano dello stato, e poi al governatore repubblicano dello stato, Brian Kemp. Ha detto di essere rimasta scioccata dal fatto che nessuno di loro abbia agito.

Georgia Gov. Brian Kemp
Il governatore della Georgia Brian Kemp parla durante la celebrazione in onore della vittoria del campionato nazionale dei Georgia Bulldogs ad Athens, in Georgia, il 15 gennaio 2022. (Todd Kirkland/Getty Images)

Kemp dovrà affrontare il primo ostacolo nel mantenere il suo lavoro come alto funzionario dello stato nelle primarie del governo GOP del 24 maggio. Il suo principale concorrente è l’ex senatore David Perdue, che ha perso il suo seggio in un ballottaggio durante il ciclo elettorale messo in discussione dall’analisi di True the Vote.

Perdue è stato appoggiato da Trump, che ha sempre sostenuto che le elezioni sono state rubate da frodi coordinate. Trump ha incessantemente criticato Kemp per non aver agito per indagare. Kemp è approvato dall’ex vicepresidente Mike Pence.

Il 30 novembre, Engelbrecht ha presentato ufficialmente una denuncia basata sulle sue scoperte al segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger, che sta anche cercando la rielezione. È stato il primo funzionario statale ad avviare un’indagine sui risultati di True the Vote.

In una denuncia ufficiale, True the Vote descrive un informatore che ha affermato di essere “una delle tante persone pagate per raccogliere e consegnare schede elettorali assenti durante i periodi di voto anticipato delle elezioni generali di novembre 2020 e delle elezioni di ballottaggio di gennaio 2021”.

“L’incarico di John Doe includeva la raccolta di schede elettorali, sia da elettori in quartieri mirati che da ONG [organizzazioni non governative] che avevano i propri processi di raccolta delle schede, consegnando quelle schede ad altre ONG, raccogliendo pacchetti elettorali designati dallo stesso gruppo di ONG e depositando le schede elettorali in caselle di consegna che coprono sei contee nell’area metropolitana di Atlanta”, continua la denuncia.

“Ogni consegna di drop box includerebbe in genere da 5 a 20 schede. John Doe ha descritto un processo di convalida dei pagamenti che ha comportato lo scatto di foto del telefono cellulare del dropbox in cui sono state depositate le schede elettorali. I partecipanti sono stati compensati, in genere ad un tasso di $ 10 per scheda. John Doe ha dichiarato di essere stato pagato direttamente da una di queste ONG”.

True the Vote ha richiesto e recensito quattro milioni di minuti di video di sorveglianza dropbox, che è richiesto dalla legge per il monitoraggio dei dropbox. Ad alcune delle sue richieste, i funzionari hanno risposto che il video non esiste e non possono spiegare perché, confermano i documenti forniti a The Epoch Times.

Epoch Times Photo
Il segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger fornisce un aggiornamento sullo stato delle elezioni e sul conteggio delle schede elettorali durante una conferenza stampa presso il Campidoglio di Atlanta, in Georgia, il 6 novembre 2020. (Dustin Chambers/Reuters)

Come parte del loro piano per controllare le affermazioni dell’informatore, True the Vote ha acquistato i dati del telefono cellulare – emessi segnali chiamati ping – che mostrano le posizioni del telefono. I dati, una volta riconosciuti dal giudice capo della Corte Suprema John Roberts come altamente accurati, vengono creati da app telefoniche e venduti ai broker, di solito per scopi di marketing.

I dati acquistati hanno permesso ai ricercatori di True the Vote di stabilire “quali dispositivi si trovavano in una particolare posizione in un determinato momento”, senza divulgare “alcuna informazione privata sull’identità di una persona”.

Mappando 10 trilioni di ping dei telefoni cellulari, True the Vote ha rilevato che “in sei contee di Atlanta e dintorni, 552.987 telefoni cellulari sono arrivati a una distanza strettamente definita dalle urne elettorali” durante il voto anticipato, afferma la denuncia. “Tuttavia, 242 dispositivi unici hanno fatto viaggi ripetuti per far cadere scatole con una media di 23 viaggi ciascuno” e “sono anche andati ripetutamente, con una media di otto viaggi ciascuno, a specifiche ONG”.

Abbinando le informazioni del telefono cellulare con timestamp al video di sorveglianza nei dropbox, i ricercatori di True the Vote hanno osservato persone che riempivano più schede elettorali, afferma la denuncia. Molte delle auto utilizzate da quei gestori di schede elettorali viste nei video erano auto a noleggio, e spesso i gestori di schede elettorali potevano essere visti fotografare i dropbox, una pratica che l’informatore ha detto che era necessaria per il pagamento, afferma la denuncia.

È vero che il voto ha soprannominato i portatori di schede elettorali “muli”. L’organizzazione ha ripetuto il lavoro in aree chiave dei cinque swing state, identificando più di 2.000 cosiddetti muli.

Epoch Times Photo
Una vista di uno dei sei teatri del Michigan che hanno ospitato la prima di 2000 Mules di D’Souza. Sterling Heights, Michigan, 2 maggio 2022. (Steven Kovac/Epoch Times)

In Georgia, “questi 242 dispositivi individuali sono andati a rilasciare scatole per un totale di 5.668 volte con circa il 40% delle visite che si sono verificate tra le ore insolite delle 12:00 e.m delle 5:00.m”, afferma la denuncia di True the Vote.

E nel dicembre 2020, “dopo che le autorità dell’Arizona hanno annunciato che le impronte digitali sulle buste elettorali assenti hanno contribuito a scoprire uno schema illegale di raccolta delle schede elettorali in quello stato”, alcuni “individui che depositano le schede elettorali in scatole di consegna in Georgia indossano guanti chirurgici blu. Spesso li indossano poco prima di raccogliere la loro pila di schede elettorali e li rimuovono mentre escono dall’area dropbox “, afferma la denuncia.

Durante la riunione del consiglio elettorale della Georgia martedì, sebbene non abbiano ascoltato o preso in considerazione alcuna informazione fornita nella denuncia True the Vote, i membri del consiglio hanno votato per respingere tre denunce presentate da un residente della Georgia. Un investigatore statale ha descritto le sue scoperte al consiglio di amministrazione una per una.

Tutti e tre i casi riguardavano video di sorveglianza dell’attività nei dropbox elettorali, come quello richiesto da True the Vote e mostrato in “2000 Mules”.

Tutti e tre i video mostravano i conducenti che scendevano dalle auto e depositavano più schede elettorali in dropbox, ha detto l’investigatore ai membri del consiglio.

È stato in grado di rintracciare i piloti delle auto usando le loro targhette. In tutti e tre i casi, le storie dei conducenti sono state verificate: stavano depositando schede elettorali appartenenti ai membri della famiglia, ha detto l’investigatore.

I registri statali hanno confermato che le schede elettorali dei loro familiari erano state lasciate nelle cassette di consegna il giorno in cui il portatore di schede elettorali è apparso sul video di sorveglianza, ha detto l’investigatore ai membri del consiglio.

Epoch Times Photo
Edward Lindsey, membro del Georgia State Elections Board, mette in guardia dal pubblicare false accuse di frode elettorale durante una riunione il 17 maggio al Campidoglio di Atlanta. (Screenshot di The Epoch Times)

Durante una discussione su un caso che coinvolge un SUV Ford bianco, il membro del consiglio di amministrazione Edward Lindsey ha chiesto all’investigatore: “Sai se questo individuo era o meno una di quelle persone la cui auto e etichetta e foto sono state pubblicate pubblicamente?”

“Non ho visto il film True the Vote (sic)”, ha risposto l’investigatore. “Ma ho visto un rappresentante di True the Vote nello show tucker Carlson [Tonight], e sullo sfondo c’era quel video clip che riproduceva quel soggetto e il SUV bianco”.

La clip è stata, infatti, mostrata sul programma FOX News. Ma non è stata fatta alcuna accusa che l’autista stesse facendo qualcosa di illegale. Il video è stato riprodotto, ma non è stato discusso durante l’intervista di Engelbrecht con il conduttore Tucker Carlson il 5 maggio.

Il video, una delle numerose clip di sorveglianza mostrate in un montaggio durante la sua intervista, è stato utilizzato perché era abbastanza chiaro da illustrare un’urna elettorale visitata da persone che lasciavano più schede elettorali, ha detto Engelbrecht.

Quel particolare dropbox è stato significativo anche perché è stato visitato da 271 persone in un periodo di 25 ore true the vote monitorato, ha detto Engelbrecht. Ma quando hanno visto un video dell’urna elettorale svuotata dai lavoratori delle elezioni, sembrava contenere molto più di 271 schede.

Quando True the Vote ha richiesto e controllato il registro di quell’urna, hanno scoperto che c’erano state 1.962 schede depositate da quelle 271 persone.

dropbox
Due dipendenti del Lake County Board of Elections raccolgono schede elettorali assenti da un dropbox fuori dalla sede elettorale di Painesville, Ohio, il 16 ottobre 2020. (Dustin Franz/AFP via Getty Images)

È legale per qualcuno consegnare le schede elettorali dei membri della famiglia che vivono nella stessa casa, ma solo se aggiungono il loro nome all’esterno della busta elettorale sigillata.

Quando Engelbrecht ha chiesto allo stato informazioni su quante di quelle 1.962 schede avevano la firma richiesta, la risposta è stata “nessuna”, ha detto.

All’incontro di martedì, dopo che una seconda denuncia presentata da un residente della Georgia sembrava non mostrare alcuna indicazione di misfatti, Lindsey ha chiesto all’investigatore se il video clip a cui si fa riferimento nella denuncia fosse apparso “in qualsiasi tipo di documentario o qualcosa del genere? Sai, in questa situazione, è successo di nuovo?”

“Non ho visto nulla del mio io personale”, ha testimoniato l’investigatore. “Non ho ancora visto quel film.”

Lindsey ha poi rimproverato: “Se vedi qualcosa che trovi discutibile, consegnalo alle autorità, ma non uscire semplicemente e iniziare a mettere in discussione l’integrità delle persone che sostengono crimini senza ulteriori prove che potrebbero sottoporti a qualche tipo di responsabilità da parte di quell’individuo, che giustamente potrebbe opporsi a mettere in discussione il loro buon nome”.

Anche un terzo caso che sosteneva la potenziale raccolta di schede elettorali e portato da un residente della Georgia è stato respinto dopo che lo stesso investigatore ha detto che la storia del portatore di schede elettorali è stata verificata.

Epoch Times Photo
Matthew Mashburn, presidente del Georgia State Elections Board, si rivolge ai membri del pubblico durante una riunione del 17 maggio presso lo State Capitol Building di Atlanta. (Screenshot di The Epoch Times)

Dopo l’incontro, dozzine di media – tra cui l’Atlanta Journal-Constitution e l’Associated Press – hanno pubblicato resoconti di notizie dicendo che il consiglio aveva smentito le affermazioni fatte in “2000 Mules”.

Non l’aveva fatto. Intenzionale o per errore, l’affermazione fa infuriare Engelbrecht. Ma lei rimane ottimista.

Dice che spera che il film suoni un allarme che svegli gli americani al fatto che devono iniziare a prestare attenzione alle elezioni in questo paese e che il loro coinvolgimento nelle elezioni può aiutare a ripristinare l’integrità del voto. Spera che gli americani chiedano più funzionari statali e forze dell’ordine per prendere sul serio le denunce di True the Vote.

Attualmente, True the Vote sta lavorando con le forze dell’ordine in Arizona, Michigan e Wisconsin, ha detto Engelbrecht.

È ansiosa di fornire dettagli agli investigatori della Georgia che, dice, potrebbero mostrare che i risultati delle elezioni del 2020 sono stati modificati da frodi. Ma deve sentirsi sicura che l’informatore sarà protetto.

“Forniremo tutto”, ha detto a Epoch Times. Ma solo quando è sicura di girarlo non “farà male alle persone … o peggio.”

Natasha Holt ha contribuito a questo rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.