Il medico trova “rettangoli e piramidi invertite” nei vaccini a mRNA degradati, gli scienziati contestano l’analisi

Il Dr. Daniel Nagase ha utilizzato un microscopio elettronico a scansione per analizzare sia i vaccini a mRNA Pfizer che Moderna che sono stati esposti a temperatura ambiente per settimane o mesi, e ha trovato strani oggetti che, secondo diversi medici che hanno parlato con The Epoch Times, non dovrebbero essere nelle fiale, anche dopo la degradazione.

Nagase ha scattato foto di cristalli, sfere, fibre e, cosa più sorprendente: “rettangoli e piramidi invertite”.

Una delle immagini mostra una “struttura cristallina esagonale, in cima alla quale c’è una struttura rettangolare a 4 lati con punti regolarmente distanziati a forma di griglia”.

“Le strutture a 4 lati sopra le strutture a 6 lati non si verificano naturalmente”, ha detto Nagase a The Epoch Times, “né i segni della griglia”.

Un biologo / virologo molecolare che ha esaminato le scoperte di Nagase ha detto a The Epoch Times a condizione di anonimato che i risultati della microscopia elettronica a scansione “hanno rivelato contenuti inaspettati”.

“La cosa più notevole è una forma rettangolare distinta costituita principalmente da carbonio e ossigeno”, ha detto lo scienziato a The Epoch Times.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dalla fiala Pfizer, lotto di marzo. (Per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)

“Questa forma è incoerente con le caratteristiche morfologiche note dei componenti del vaccino e della materia biologica. Ulteriori indagini sulla composizione del vaccino sono pertinenti e la verifica indipendente in condizioni controllate è urgentemente necessaria”.

Senza azoto, senza fosforo nel primo lotto

La principale preoccupazione di Nagase è che sono composti da “solo carbonio e ossigeno”.

Sostiene che i biologici come l’RNA mostrerebbero segni di azoto e fosforo, ma il suo primo lotto (da marzo) di scansioni microscopiche di fiale Pfizer e Moderna non ha mostrato nessuno di questi elementi sulla sua macchina.

Il lotto di agosto ha rilevato fosforo, “indicando che c’è DNA o RNA nel campione”.

Il microscopio elettronico a scansione che usa è in grado di – e ha rilevato – azoto in altre scansioni diverse che ha mostrato a The Epoch Times.

Non voleva rivelare la marca dell’apparecchio perché “questo potrebbe identificare la macchina”.

Nagase è un medico di pronto soccorso dal Canada che pratica dal 2008. Ha studiato Fisiologia e Biologia Cellulare alla McGill University e ha anche frequentato la Dalhousie University Medical School.

Il tipo di microscopio che Nagase sta usando è in grado di sparare un fascio di elettroni attraverso campi elettromagnetici e lenti e concentra il raggio verso l’oggetto che viene analizzato, quindi il raggio rimbalza verso l’esterno con elettroni e raggi X e mostra di quali elementi chimici era composto l’oggetto.

Ha fatto due serie di analisi sui vaccini a mRNA. L’ultimo è stato fatto circa quattro mesi fa, e il nuovo è stato fatto in agosto. Ha inviato a The Epoch Times una nuova immagine (la piramide invertita dall’immagine in primo piano di questo articolo) dalla sua recente analisi, ed è attualmente in procinto di passare attraverso molti gigabyte di dati dal nuovo lotto di scansioni.

Nagase ha detto di aver ottenuto entrambi i lotti da “città diverse” nel Canada occidentale.

Le nuove immagini sono “molto simili” alla prima analisi, afferma.

Nagase ha detto a The Epoch Times di aver trovato “strutture di carbonio / ossigeno a forma di cristalli, sfere, fibre, rettangoli e piramidi invertite” nella sua prima analisi.

Nagase “non ha visto sfere di carbonio o fibre”, sulla seconda analisi.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dal flaconcino pfizer, lotto di agosto. (Per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)

Le fiale di Pfizer che ha ottenuto per l’analisi di marzo sono state mantenute a temperatura ambiente per circa 2 mesi e le fiale di Moderna per circa 1 mese, dice.

I flaconcini per l’analisi di agosto sono stati mantenuti a temperatura ambiente per circa due settimane.

Elementi, temperatura e tempo

La dottoressa Lisa Morici, ha detto a Health.com nel dicembre 2020 che “l’mRNA si degrada rapidamente. Ci sono anche enzimi nell’ambiente e intorno a noi che abbattono l’mRNA”, spiegando perché i vaccini devono essere congelati così profondamente.

Il Dr. Michael Palmer, un microbiologo, ha detto a The Epoch Times che dal momento che i campioni di vaccino sono stati “lasciati a marcire per circa 2 mesi in uno stato liquido … non sappiamo se nessuna delle strane forme osservate in quei campioni fosse effettivamente presente nel materiale nativo”.

“Molto può accadere in quel periodo, e non sappiamo se nessuna delle strane forme che sono state osservate in quei campioni fosse effettivamente presente nel materiale nativo”, ha detto Palmer.

Tuttavia, ha riconosciuto che la completa mancanza di fosforo e di azoto negli spettri a raggi X è “potenzialmente importante”.

“Sia l’mRNA che le nanoparticelle lipidiche dovrebbero contenere entrambi questi elementi; e qualunque degradazione chimica potesse essere accaduta ai composti chimici contenuti durante quei due mesi, gli elementi chimici di cui erano costituiti quei composti sarebbero stati preservati”, ha continuato Palmer.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dalla fiala Pfizer, lotto di marzo (per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)

“Avremmo bisogno di sapere, tuttavia, esattamente quali passi sono stati presi nella preparazione di quei campioni per la microscopia elettronica. Potrebbe essere che i lipidi e l’mRNA, o i loro prodotti di degradazione, siano stati lavati via, e siano rimaste solo le strane forme? Inoltre, tutti gli spettri sono stati acquisiti dalle strane forme e nessuno dallo sfondo tra di loro. Pertanto, sulla base delle limitate informazioni contenute nel video, non ritengo che l’assenza di mRNA e di nanoparticelle lipidiche sia stata dimostrata in modo conclusivo”, ha concluso Palmer.

Un altro microbiologo, il dottor Sucharit Bhakdi (in pensione), “parzialmente ma non del tutto” era d’accordo con il punto di vista di Palmer.

“Il fatto è il ‘monopolio’ del carbonio e dell’ossigeno in tutte le analisi”, ha sottolineato Bhakdi.

“Questo si collega alla notizia di lotti ‘vuoti'”, ha detto.

L’idea di “lotto cattivo” o “lotto vuoto” si riferisce alle accuse secondo cui diversi lotti di fiale di vaccino contengono sostanze diverse.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dalla fiala Moderna, lotto di marzo (per gentile concessione del Dr.Daniel Nagase)

Palmer e Bhakdi hanno recentemente pubblicato uno studio sul rilevamento dell’espressione della proteina spike anche dopo 9 mesi, così come l’infiammazione di diversi organi a causa della risposta autoimmune.

“Mentre il Dr. Nagase non aveva campioni freschi, ciò che ha trovato è coerente con ciò che tutti gli altri hanno trovato quando avevano campioni freschi. Quindi, anche se non possiamo dire quali siano queste cose, sappiamo che mostrano almeno un processo di produzione di merda “, ha detto Sasha Latypova, un ex dirigente farmaceutico che era sul thread di scambio di e-mail di Palmer e Bhakdi.

A proposito del problema della temperatura, Nagase ha dichiarato la sua idea: “Il punto di esaminare le fiale non refrigerate è vedere cosa fa il vaccino in condizioni più in linea con il corpo umano”.

Pensa che “la temperatura di refrigerazione non abbia alcun senso”.

“40 [gradi Celsius] negativi non è una temperatura biologica. La conservazione del DNA/ RNA per diversi mesi richiede solo -20. Le date di scadenza per i vaccini a mRNA sono tutte di 6 mesi o meno (da quello che ho visto stimare [in base a] la data di produzione)”, ha detto Nagase.

Dibattito scientifico

Un microscopista / ricercatore elettronico di Yale recentemente in pensione che ha parlato con The Epoch Times ha respinto le scoperte di Nagase, dicendo che poiché i vaccini sono stati conservati in condizioni non ottimali, non c’era “alcun protocollo” per la ricerca.

“Non ci sono protocolli scientifici validi per analizzare il contenuto dei vaccini usando questi metodi. Inoltre, la preparazione di campioni per la microscopia elettronica si presta purtroppo all’introduzione di artefatti (danni all’integrità del campione causati da tecniche di preparazione scadenti) che sono spesso male interpretati sotto ingrandimento molto elevato “, ha detto lo scienziato a condizione di anonimato.

Nagase ha risposto con questa confutazione: “L’intero punto di un dottorato di ricerca è scrivere un documento di ricerca per dimostrare che hai il processo di pensiero analitico per avvicinarsi e rispondere a uno sconosciuto. Quindi un comitato di dottorato adeguato valuterebbe la capacità di uno studente di creare un protocollo per rispondere a una domanda in cui non esiste un protocollo stabilito. Il fattore critico nel determinare se uno studente ha un “dottorato” è la capacità di sintesi delle conoscenze. Creare conoscenza dove prima non ce n’era prima”.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dalla fiala Pfizer, lotto di marzo. (Per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)

L’ex microscopista elettronico ha inoltre messo in discussione il lavoro di Nagase: “Ad esempio, il Dr. Nagase vede qualcosa che sembra un microchip: se fai esplodere qualcosa centinaia di migliaia di volte è difficile interpretare ciò che stai guardando. È un po ‘analogo a guardare una macchia d’inchiostro perché molte persone hanno interpretazioni diverse. Alcune persone vedono un uccello o altre vedono un albero”.

Al che Nagase ha risposto: “Le foto del chip sono da 1.000 a 2.000 x ingrandimento. Lo dice sulla foto. Un microscopio elettronico a scansione non può fare “centinaia di migliaia”. Questo è il territorio del microscopio elettronico a trasmissione, e se avesse effettivamente esperienza con la microscopia elettronica sarebbe in grado di dire dalla natura dell’immagine se si trattasse o meno di un microscopio elettronico a scansione o a trasmissione. “

Lo scienziato ha anche messo in discussione la catena di custodia di Nagase, dicendo che le immagini non provengono dai vaccini poiché non hanno contenuti biologici.

“Ho la catena di custodia, dalla fonte dei campioni da parte del dipartimento sanitario provinciale”, ha risposto Nagase.

Altri medici

Dr. Sherri Tenpeny è un medico che ha messo in guardia sui pericoli del vaccino per circa 30 anni.

“Il Dr. Nagase è un altro di una serie di investigatori che hanno scoperto contenuti insoliti all’interno di una fiala di vaccino che dovrebbe essere prodotta in condizioni sterili”, ha detto Tenpenny a The Epoch Times.

“I ricercatori in SpagnaRegno UnitoGermania, Giappone e Brasile che hanno visto più soluzioni vaccinali al microscopio di vari ingrandimenti hanno tutti trovato particolato che non dovrebbe essere in nessun colpo”, ha detto Tenpenny.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dal flaconcino moderna, lotto di marzo. (Per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)

Tenpenny ha detto che ci sono molti articoli che confutano le loro scoperte.

“Il che, naturalmente, significa che sono proprio sopra l’obiettivo”, ha detto.

“Non importa quale sia la sua identificazione, non dovrebbe essere iniettato nel corpo e particolati come questo stanno probabilmente portando a molti degli effetti collaterali attribuiti alle iniezioni”.

«Sine Qua Non per un’origine biologica»

Il Dr. James Thorp ritiene che queste inclusioni nelle fiale siano “bizzarre” e non possano essere “definite in modo definitivo”.

“Trovo molto strano che la microscopia elettronica documenti in tutte le aree esaminate che nessuno dei contenuti sembra essere di origine biologica. Non c’erano elementi di azoto o fosforo come campionati dall’interrogazione al microscopio elettronico. Sia l’azoto che il fosforo sono una conditio sine qua non per un’origine biologica”, ha detto Thorp a The Epoch Times.

“Non mi aspetterei che il campione di vaccinazione che rimane a temperatura ambiente per più settimane risulti negativo per questi due elementi che definirebbero una fonte biologica. Naturalmente, il DNA o l’RNA si decomporrebbero, ma come maggiore di chimica, non mi aspetterei la completa eliminazione di azoto e fosforo da questi vecchi campioni “, ha detto.

“Il lavoro del Dr. Nagase non dovrebbe essere preso in isolamento. Dovremmo considerare che altri hanno trovato oggetti simili “contaminanti” all’interno delle fiale e questo dovrebbe sollecitare un’azione immediata per indagare su quale sia la “contaminazione”, ha detto a Epoch Times il dottor Janci Lindsay, tossicologo e biologo molecolare.

“Nel frattempo, il programma di inoculazione dovrebbe essere interrotto. Questa sarebbe la risposta logica se i governi del mondo fossero veramente interessati alla salute e alla sicurezza dei loro cittadini. L’incapacità di farlo la dice lunga sul vero intento di questo programma”, ha detto.

Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dal flaconcino moderna, lotto di marzo. (Per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)
Foto di Epoch Times
Immagine SEM (microscopio elettronico a scansione) dal flaconcino moderna, lotto di marzo. (Per gentile concessione del Dr. Daniel Nagase)

Pfizer e Moderna non hanno risposto a una richiesta di commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.