Il 2023 segna grossi problemi per l’economia statunitense

People shop for groceries at a supermarket in Glendale, California January 12, 2022. – The seven percent increase in the Labor Department’s consumer price index (CPI) over the 12 months to December was the highest since June 1982, as prices rose for an array of goods especially housing, cars and food. (Photo by Robyn Beck / AFP) (Photo by ROBYN BECK/AFP via Getty Images)

La stragrande maggioranza degli economisti di 23 grandi istituzioni finanziarie intervistati dal Wall Street Journal prevede che gli Stati Uniti cadranno nella morsa di una recessione nel 2023 e milioni di americani perderanno il lavoro.

Più di due terzi delle quasi due dozzine di istituzioni – che includono società commerciali e banche di investimento che fanno affari direttamente con la Federal Reserve – si aspettano che l’economia statunitense si contragga nel 2023, secondo il rapporto.

Due dei 23 istituti prevedono che la recessione arriverà più tardi, nel 2024, mentre i seguenti cinque ritengono che gli Stati Uniti riusciranno a evitare del tutto una recessione: Credit Suisse, Goldman Sachs, HSBC, JPMorgan Chase e Morgan Stanley.

Le istituzioni che prevedono una recessione imminente si aspettano che la spesa dei consumatori si indebolisca man mano che gli americani esauriscono i loro risparmi e una Fed aggressiva aumenta i costi di finanziamento e gli standard di prestito delle banche diventano più severi.

L’impennata dell’inflazione statunitense, che nel giugno 2022 ha raggiunto un recente picco del 9% in termini annuali, come misurato dall’indice dei prezzi al consumo (CPI), ha costretto la Fed ad aumentare i tassi al ritmo più veloce dal 1980 nel disperato tentativo di alleviare le pressioni sui prezzi.

I rialzi aggressivi dei tassi hanno avuto finora solo un impatto limitato, con i dati CPI di novembre che mostrano un’inflazione al 7,1%.

Una misura alternativa dell’inflazione che utilizza la stessa metodologia utilizzata dal governo degli Stati Uniti per misurare l’IPC nel 1980 mette la cifra dell’inflazione di novembre a un 15,23% molto più alto.

Anche se l’inflazione è leggermente diminuita dal picco di giugno, è tutt’altro che sufficiente per la Fed per frenare i tassi di interesse, che sono stati portati rapidamente da quasi zero nel marzo 2022 all’attuale intervallo tra il 4,24 e il 4,5%.

Frustrati da quanto sia rimasta appiccicosa l’inflazione nonostante gli aumenti dei tassi, i funzionari della Fed si sono impegnati a continuare ad alzare i tassi e mantenerli alti fino a quando l’inflazione non si ritirerà intorno all’obiettivo del 2% della Fed, misurato dall’indice dei prezzi core delle spese per consumi personali (PCE).

Il PCE core, che esclude le categorie volatili di cibo ed energia, a novembre si è attestato al 4,7%, più del doppio dell’obiettivo della Fed.

Nel loro più recente riepilogo delle proiezioni economiche, i funzionari della Fed hanno detto che si aspettano che il tasso terminale sui Fed Funds – ovvero il livello più alto prima che raggiunga un tetto e successivamente scenda – arrivi al 5,1%.

Tassi così alti spingeranno la disoccupazione dall’attuale 3,7% al 4,6% nel 2023 e rimarranno a quel livello nel 2024, secondo la Fed.

La maggior parte degli economisti intervistati dal Wall Street Journal pensa che la disoccupazione peggiorerà ulteriormente e raggiungerà il picco di oltre il 5%.

Un tasso di disoccupazione così alto significherebbe che diversi milioni di americani perderebbero il lavoro.

Nel frattempo, una revisione dei rapporti sulle prospettive di mercato del 2023 di dieci importanti banche d’investimento da parte di SMB Law Group mostra che la maggioranza è pessimista, con uno di loro (Barclays) che prevede che quest’anno “sarà un lungo e duro slog”.

Goldman Sachs, che SMB ha definito “ottimista” con un punteggio di 6, prevede che gli Stati Uniti “eviteranno di poco la recessione”.

JPMorgan, considerata “moderatamente ottimista” con 7 punti sulla scala del sentiment delle PMI, chiede che il 2023 sia un “anno negativo per l’economia” ma un “anno migliore per i mercati”, con un rischio “basso” di una “profonda recessione guidata dal settore immobiliare del tipo sperimentato nel 2008”, quando un crollo dei mutui subprime si è trasformato in una crisi finanziaria più ampia.

“Il peggio deve ancora venire”

Prima del 2020, l’inflazione era vista come quasi domata. Ma dopo che il COVID-19 ha colpito, mentre il governo e la Federal Reserve hanno inondato le imprese e le famiglie bloccate con trilioni di dollari in stimoli e supporto, l’era della bassa inflazione si è fermata.

Mentre il denaro ha aiutato le imprese a mantenere i lavoratori sui libri paga e ha sostenuto la spesa dei consumatori, ha anche portato a un salto inflazionistico della domanda poiché le catene di approvvigionamento che erano paralizzate dalle restrizioni pandemiche non potevano tenere il passo.

Le fabbriche inattive non sono state in grado di aumentare la produzione abbastanza velocemente da soddisfare il balzo della domanda, una dinamica inflazionistica aggravata dalla carenza di manodopera poiché più persone che erano vicine alla pensione hanno lasciato la forza lavoro in modo permanente durante la pandemia e poiché i generosi controlli di stimolo hanno impedito ad altri di cercare lavoro.

L’inflazione negli Stati Uniti, misurata dall’indice dei prezzi al consumo (CPI), è salita da un minimo dell’era pandemica dello 0,24% nel maggio 2020 a un recente picco del 9% nel giugno 2022.

Di fronte all’impennata dell’inflazione, le banche centrali di tutto il mondo hanno aumentato i tassi di interesse nel tentativo di raffreddare la domanda e alleviare le pressioni sui prezzi, aumentando il rischio di una recessione.

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha dichiarato nel suo ultimo outlook economico globale semestrale, pubblicato a ottobre, che si aspettava che l’inflazione raggiungesse il picco alla fine del 2022, ma ha avvertito che “rimarrà elevata più a lungo di quanto previsto in precedenza”.

L’agenzia internazionale prevede che l’inflazione statunitense scenderà dall’8,1% nel 2022 al 3,5% nel 2023, ma in molti altri paesi dovrebbe essere più alta. Ad esempio, l’inflazione nelle economie avanzate in Europa nel 2023 è prevista al 6,2%, mentre le economie emergenti in Europa dovrebbero vedere l’inflazione a un enorme 19,4%.

Il FMI ha affermato nel suo rapporto che, nonostante le proiezioni per un’inflazione complessivamente più bassa nel 2023, si aspetta più sofferenza economica.

“Più di un terzo dell’economia globale si contrarrà quest’anno o il prossimo, mentre le tre maggiori economie – Stati Uniti, Unione Europea e Cina – continueranno a bloccarsi”, ha detto il FMI nel rapporto.

“In breve, il peggio deve ancora venire, e per molte persone il 2023 sembrerà una recessione”.