Ghislane Maxwell sulla morte di Jeffrey Epstein: “Credo che sia stato assassinato”

di Tom Ozimek – EpochTimes

Ghislaine Maxwell ha detto alla britannica Talk TV in un’intervista in carcere che crede che il suo ex socio e finanziere caduto in disgrazia Jeffrey Epstein sia stato assassinato.

Epstein, che stava affrontando molteplici accuse di traffico sessuale di minori, è stato trovato morto nella sua cella al Metropolitan Correctional Center (MCC) di New York City nell’agosto 2019.

La sua morte è stata ufficialmente dichiarata come un suicidio per impiccagione, ma ci sono state diffuse speculazioni sulla causa. Ad esempio, un patologo forense assunto dal fratello di Epstein ha detto che le fratture multiple trovate nel suo collo erano “molto insolite nelle impiccagioni suicide” e più coerenti con lo strangolamento.

Maxwell, che sta attualmente scontando una condanna a 20 anni in una prigione della Florida per aver aiutato Epstein ad abusare sessualmente di ragazze, ha detto a Talk TV che crede che la morte di Epstein non sia stata un suicidio.

“Credo che sia stato assassinato”, ha detto Maxwell nell’intervista a Talk TV. “Sono rimasta scioccata. Poi mi sono chiesta come fosse successo perché per quanto mi riguardava, stava per … Ero sicuro che avrebbe fatto appello”.

Molte persone si sono unite nello scetticismo sul fatto che Epstein avrebbe potuto togliersi la vita solo un mese dopo essere stato arrestato con l’accusa di traffico sessuale.

In particolare, un certo numero di persone ha sottolineato le connessioni di Epstein con individui potenti, alcuni dei quali potrebbero essere stati implicati in attività illecite con lui e avrebbero voluto tenerlo tranquillo.

Maxwell ha detto in precedenza che a uno dei suoi compagni detenuti è stato offerto denaro per ucciderla e ha tramato per “strangolarla nel sonno”, secondo i documenti del tribunale depositati l’anno scorso dai suoi avvocati prima della sua condanna.

“Questo incidente riflette la brutale realtà che ci sono numerosi detenuti che non esiterebbero a uccidere la signora Maxwell, sia per soldi, fama o semplice ‘credo di strada’”, hanno scritto gli avvocati nel deposito, suggerendo che qualcuno potrebbe aver voluto Maxwell morto abbastanza male da pagarlo.

Maxwell è stata condannata il 28 giugno 2022 a 20 anni di carcere per aver cospirato con Epstein per abusare sessualmente di minori.

Sta scontando la pena nella prigione di bassa sicurezza FCI Tallahassee della Florida.

Domande senza risposta

Le domande hanno turbinato sulle circostanze della morte di Epstein da quando è stato trovato morto il 10 agosto 2019, nella sua cella con un lenzuolo intorno al collo.

La morte di Epstein ha suscitato indignazione per il fatto che un prigioniero di così alto profilo possa essere passato inosservato in una struttura in cui detenuti così famigerati come il signore della droga messicano Joaquin “El Chapo” Guzman e il truffatore di Wall Street Bernie Madoff andavano e venivano senza incidenti.

Epstein era stato messo in guardia suicida circa un mese prima della sua morte dopo essere stato trovato sul pavimento della sua cella il 23 luglio con lividi sul collo. In seguito è stato tolto dalla sorveglianza anti-suicidio e collocato in un’unità abitativa di massima sicurezza dove è stato monitorato meno da vicino, ma che dovrebbe comunque essere controllato ogni mezz’ora.

Due guardie carcerarie che avrebbero dovuto monitorare Epstein sono state accusate dai pubblici ministeri di essersi addormentate e di aver navigato su Internet quella notte piuttosto che controllarlo ogni 30 minuti.

La coppia, Tova Noel e Michael Thomas, avrebbe in seguito ammesso di aver “volontariamente e consapevolmente” falsificato i documenti per far sembrare che stessero seguendo i corretti protocolli di check-in per quanto riguarda Epstein.

Michael Thomas e Tova Noel
Michael Thomas e Tova Noel appaiono con l’accusa di aver falsamente certificato di aver condotto i conteggi dei detenuti durante le ultime ore di Jeffrey Epstein presso la Corte federale di New York City, New York, il 25 novembre 2019. (Jane Rosenberg/courtroom sketch/Reuters)

Nel gennaio 2022, il procedimento penale contro Noel e Thomas è stato abbandonato dopo aver rispettato gli accordi di rinvio dell’azione penale di sei mesi concordati in precedenza, che includevano 100 ore di servizio alla comunità e la cooperazione con un’indagine del Dipartimento di Giustizia (DOJ) sulla morte di Epstein.

Medico legale: “La causa è l’impiccagione”

Il capo medico legale Dr. Barbara Sampson ha decretato la morte di Epstein un suicidio per impiccagione. Ha detto di aver preso la decisione “dopo un’attenta revisione di tutte le informazioni investigative, compresi i risultati completi dell’autopsia”.

Non molto tempo dopo che Sampson dichiarò la morte di Epstein un suicidio, il fratello di Epstein assunse il patologo forense Dr. Michael Baden, che era nella stanza per l’autopsia di Epstein, per rivedere le prove.

Baden, che era il capo medico legale di New York City nel 1970, disse all’epoca che le prove suggerivano che Epstein potesse essere stato assassinato. Ha detto che le ferite di Epstein erano più coerenti con quelle trovate nelle vittime di omicidio e che non aveva visto il tipo di lesioni ossee del collo che Epstein aveva in tutti i suicidi su cui aveva indagato. Baden ha aggiunto, tuttavia, che le sue osservazioni non erano conclusive.

Alcuni esperti hanno affermato che, sebbene non comuni, le lesioni all’osso ioide che Epstein aveva a volte si verificano in impiccagioni suicide, soprattutto nelle persone anziane. Epstein aveva 66 anni al momento della sua morte.

Dopo che Baden ha emesso il suo parere, Sampson ha risposto dicendo che non si dovrebbero trarre conclusioni da un singolo elemento di prova o da un danno insolito.

“Sostengo fermamente la nostra determinazione della causa e delle modalità della morte del signor Epstein”, ha detto nell’ottobre 2019. “La causa è l’impiccagione, il modo è il suicidio”.

«Irregolarità gravi»

L’allora procuratore generale William Barr disse all’epoca che c’erano “gravi irregolarità” nella prigione di Manhattan dove Epstein morì, promettendo che l’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia avrebbe “andato a fondo di ciò che è accaduto” e che “ci sarà responsabilità”. L’indagine continua e nessun rapporto è stato ancora rilasciato.

A seguito delle osservazioni di Barr, l’allora presidente della commissione giudiziaria della Camera, il deputato Jerry Nadler (D-N.Y.) e l’allora membro di rango Doug Collins (R-Ga.) hanno inviato una lettera al Bureau of Prisons ponendo 23 domande sulla morte di Epstein. Nella lettera, hanno citato carenze nel protocollo dei detenuti e hanno richiesto informazioni sulle politiche, le risorse e il personale di prevenzione del suicidio del Bureau of Prisons.

Un rapporto successivo (pdf) preparato dal Bureau of Prisons National Suicide Prevention Coordinator, Psychology Services Branch, Central Office, ha proposto una cronologia degli eventi e delle circostanze che hanno portato alla morte di Epstein.

Il rapporto afferma che un assistente delle strutture ha descritto Epstein come “sconvolto, triste e un po ‘confuso” quando è arrivato al carcere il 6 luglio 2019.

L’assistente è stata citata nel rapporto dicendo che, anche se Epstein ha detto di sentirsi bene, non era convinta e ha scritto che sembrava “stordito e ritirato” e ha consigliato in una e-mail che qualcuno di psicologia dovrebbe parlargli di “essere al sicuro e prevenire qualsiasi pensiero suicida”.

A seguito di un procedimento giudiziario l’8 luglio, Epstein ha negato di avere pensieri suicidi, ma a causa di fattori di rischio è stato messo in osservazione psicologica, un protocollo che è meno restrittivo della sorveglianza suicida. Il rapporto dice che è stato rimosso dall’osservazione psicologica diversi giorni dopo.

A seguito di una valutazione del rischio di suicidio il 23 luglio, Epstein è stato messo in guardia suicida, indica il rapporto. Il giorno dopo, è stato tolto dalla sorveglianza anti-suicidio e rimesso in osservazione psicologica. Il rapporto dice che Epstein stava avendo difficoltà ad adattarsi al suo ambiente dietro le sbarre, compresi problemi di sonno e preoccupazioni per la sua sicurezza.

Un giorno prima della sua morte, i documenti appena aperti riportavano nuovi dettagli sulle accuse di abusi sessuali contro Epstein, con il rapporto che suggeriva che ciò erodeva ulteriormente il suo status e potenzialmente implicava alcuni dei suoi associati.

“La mancanza di connessioni interpersonali significative, una completa perdita del suo status sia nella comunità che tra i soci, e l’idea di trascorrere potenzialmente la sua vita in prigione sono stati probabilmente fattori che hanno contribuito al suicidio del signor Epstein”, osserva il rapporto.

Oltre agli errori procedurali delle guardie la notte della morte di Epstein, il rapporto del BOP afferma che il personale ha commesso diversi altri errori. Ad esempio, qualcuno che compila un modulo di screening per l’assunzione di servizi psicologici per Epstein ha erroneamente spuntato una casella che diceva che non aveva precedenti condanne per reati sessuali, era stato erroneamente identificato come nero e c’erano un certo numero di voci incomplete per Epstein riguardanti la ricezione di servizi come docce e pasti.

Mentre le indagini sulla morte di Epstein continuano, le affermazioni di Maxwell si sono aggiunte alla lista di domande che circondano il caso.