Federica Pellegrini Underwater: il documentario sulla campionessa arriva al cinema come film evento

L’occasione per conoscere meglio la offre la sala cinematografica: Federica Pellegrini Underwater è il documentario su di lei in arrivo il 10, 11 e 12 gennaio.

La vedremo nuovamente dal 19 gennaio su Sky in qualità di giurata dell’edizione 2022 di Italia’s Got Talent, ma il fatto che il suo sia un volto che abbiamo conosciuto attraverso le schermo televisivo è soltanto una conseguenza del talento che le appartiene.
Come ben sappiamo, Federica Pellegrini vanta una carriera sportiva inimitabile essendo la nuotatrice italiana che ha conquistato il maggior numero di riconoscimenti. Prima campionessa olimpionica azzurra del nuoto con la medaglia d’oro a Pechino 2008 nei 200 stile libero, record ad oggi imbattuto, la ragazza veneta ha vissuto una favola durata quasi vent’anni, iniziata con l’argento ai Giochi di Atene nel 2004 e illuminata da 53 medaglie internazionali, delle quali 6 ori ai Mondiali (otto volte su 8 sul podio mondiale nei 200 sl)) e 7 agli Europei. Impressionante il numero di record di una carriera che si è conclusa la scorsa estata con l’olimpiade di Tokio 2020. Per due anni Federica Pellegrini ha inseguito questo suo ultimo grande traguardo sportivo. Il finale perfetto di una carriera irripetibile: raggiungere la quinta finale olimpica consecutiva nella stessa specialità, prima donna nella storia del nuoto.

Federica Pellegrini: il trailer del documentario, al cinema il 10, 11 e 12 gennaio

È possibile ripercorrere la vita e l’esperienza sportiva della campionessa nelle sale cinematografiche grazie al documentario Federica Pellegrini UNDERWATER, prodotto da Fremantle e distribuito da Notorious Pictures come un’uscita evento in arrivo al cinema il 10, 11 e 12 gennaio 2022. Il film documenta fedelmente la faticosa marcia di avvicinamento a Tokyo 2020 e la tanto agognata finale nella ‘sua’ gara, i 200 metri stile libero. Un obiettivo che si rivelerà ancora più difficile del previsto. Tra allenamenti massacranti, crisi fisiche e psicologiche, l’irrompere della pandemia nel corso della preparazione, riscatti e rivincite, la Divina si mette in gioco davanti alle telecamere come non aveva mai fatto prima.

Ma Federica Pellegrini UNDERWATER racconta anche una storia che parte da lontano, la storia di una ragazzina tenace e introversa, fortemente determinata, col sostegno dei genitori, a perseguire i suoi sogni sportivi fino a diventare la più grande nuotatrice italiana di tutti i tempi e una delle più fenomenali nuotatrici a livello mondiale. Un racconto intimo in cui la campionessa italiana più seguita e celebrata di sempre decide di mostrare anche le proprie fragilità, aprendo le porte di una dimensione segreta, sino ad ora tenuta gelosamente nascosta: il rapporto e l’amore con il coach Matteo Giunta; e poi, il legame indissolubile e profondo con i genitori, le gioie domestiche e i ricordi dolorosi, come la morte dell’allenatore che l’ha fatta entrare nella leggenda (Alberto Castagnetti) e la bulimia attraversata durante l’adolescenza. Passato e presente s’intrecciano senza soluzione di continuità disegnando un ritratto dal vero che mostra il dietro le quinte di un’impresa e di una carriera fuori dal comune.

Il materiale di repertorio – le gare, le vittorie, ma anche i video inediti dei suoi esordi, girati in casa con una camerina VHS – e le riprese della vita pubblica e privata di Federica durante gli ultimi due anni compongono un film-documentario unico che non vuole essere puramente celebrativo, ma soprattutto personale ed emotivo. Le musiche originali di Federica Pellegrini UNDERWATER sono state ideate e composte da Samuel, autore e compositore estremamente prolifico, artista con all’attivo numerose collaborazioni, frontman e co-fondatore dei Subsonica e fondatore dei Motel Connection, con cui ha realizzato due colonne sonore. Il documentario è diretto da Sara Ristori e scritto da Valdo Gamberutti, Sara Ristori e Davide Savelli con Alessandro Caroni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.