Epatite immuno-mediata con il vaccino Moderna, non più una coincidenza

Abbiamo letto con interesse i recenti casi che suggeriscono la possibilità di epatite immuno-mediata indotta da vaccino con vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna mRNA-1273 per il virus SARS-CoV-2.1234567 Tuttavia, con l’aumento della coorte di individui vaccinati contro COVID-19, i casi precedentemente segnalati non potevano escludere uno sviluppo casuale di epatite autoimmune, che ha un’incidenza di 3/100.000 abitanti all’anno.[8] Il nostro caso dimostra prove conclusive di epatite immuno-mediata indotta dal vaccino con una rapida insorgenza di danno epatico dopo la prima dose di Moderna, che alla riesposizione ha portato a epatite autoimmune acuta grave.

Descrizione del caso

Un uomo caucasico di 47 anni, in precedenza completamente bene, ha ricevuto la sua 1a dose di vaccino Moderna il 26 aprile 2021. Ha notato malessere e ittero 3 giorni dopo. Indagini sui 30esimo Aprile ha mostrato bilirubina sierica 190 μmol/L (normale 0-20), alanina aminotransferasi (ALT) 1.048 U/L (normale 10-49), fosfatasi alcalina (ALP) 229 U/L (normale 30-130), albumina 41 g/L (normale 35-50). L’emocromo, la funzionalità renale e il rapporto internazionale normalizzato (INR) erano normali. I test di funzionalità epatica (LFT) controllati l’ultima volta 4 anni prima erano normali. Ha negato l’uso di paracetamolo e ha riportato un’assunzione minima di alcol. L’ecografia, la TC del torace, dell’addome e del bacino e la risonanza magnetica del pancreas eseguita per escludere la malignità, non hanno mostrato risultati significativi. Le IgG sieriche sono state aumentate a 25,1 g/L (normali 6-16), le IgM 2,2 g/L (0,5-2) e il siero è risultato positivo per gli anticorpi antinucleari. I test sierologici per HAV, HBV, HCV, HEV, EBV e CMV sono risultati negativi.Il suo ittero svanì e le LFT migliorarono: la bilirubina cadde su 25esimo Giugno a 69 μmol/L e ALT a 332 U/L. Il paziente ha ricevuto i suoi 2nd La dose del vaccino Moderna il 6 luglio 2021 (nonostante abbia segnalato l’ittero al centro di vaccinazione) e l’ittero sono tornati pochi giorni dopo. Gli esami del sangue del 20 luglio hanno trovato bilirubina 355 μmol / L, ALT 1.084 U / L e un aumento del tempo di protrombina (PT) di 18,4 secondi. Dopo la biopsia epatica del 21 luglio 2021, è stato iniziato il prednisolone 40 mg / die ed è stato trasferito al nostro servizio.All’esame, era vigile, profondamente itterico, con epatomegalia ma senza ascite. L’ecografia addominale ripetuta ha mostrato un fegato leggermente grasso, un portale pervio e un flusso venoso epatico, senza ascite. La revisione della biopsia epatica ha mostrato epatite acuta attiva: aree diffuse di necrosi ponte, epatite di interfaccia marcata, infiammazione linfoplasmatica inclusi eosinofili, epatociti in palloncino, cellule giganti multinucleate ed emperipolesi (Fig.1). C’era una fibrosi minima, stadio Ishak 1. Il modello di lesione in istologia era coerente con l’epatite acuta, con caratteristiche di epatite autoimmune o possibile danno epatico indotto da farmaci (DILI), innescando un’epatite autoimmune.

Miniatura della figura gr1

Prednisolone 40 mg/die è stato continuato e le LFT sono migliorate (Fig. 1). È stato dimesso con prednisolone e al follow-up, gli esami del sangue continuano a migliorare e il PT si è normalizzato entro 2 settimane.

Discussione

Questo caso illustra l’epatite immuno-mediata secondaria al vaccino Moderna, che in caso di riesposizione involontaria ha portato a un peggioramento del danno epatico con funzione sintetica squilibrata. Questo si è verificato in un uomo pozzo senza altri problemi medici. L’insorgenza dell’ittero associato al vaccino a mRNA è stata insolitamente rapida. Ciò è stato illustrato anche negli altri casi in cui i sintomi si sono sviluppati nell’arco di una mediana di 7 giorni (range 4-35). La latenza è di solito più lunga in altre cause di DILI, ma può variare a seconda della modalità di lesione.La via del vaccino a mRNA innesca citochine pro-infiammatorie tra cui interferone e cross-reattività è stata illustrata tra gli anticorpi contro la proteina spike e gli auto-antigeni.[9],[10]Sette casi di sospetta epatite immuno-mediata sono stati riportati con vaccini a mRNA SARS-2-COV (3 con Pfizer e 4 con Moderna).1234567 L’istologia epatica è stata valutata in ogni caso e i risultati sono stati simili ai nostri, indicando epatite acuta con epatite di interfaccia, infiltrato linfoplasmacitico e assenza di fibrosi. Gli eosinofili come parte dell’infiltrato, che può essere notato in DILI erano presenti in 3 casi. Tutti e 7 i pazienti hanno risposto bene agli steroidi (n = 5 prednisolone, n = 1 budesonide e n = 1 metilprednisolone). In 3 casi c’erano caratteristiche che suggerivano epatite autoimmune casuale: una signora di 35 anni nel suo terzo trimestre di gravidanza con DNA positivo a doppio filamento, una signora di 80 anni con una storia di condizioni autoimmuni e una signora di 41 anni con pannello di auto-anticorpi fortemente positivo dopo entrambe le dosi di vaccinazione. Negli altri 4 casi, un aumento delle IgG, con almeno 1 anticorpo positivo, è stato notato in 3 casi.4567Questo caso ha confermato l’epatite immuno-mediata secondaria al vaccino Moderna, che in caso di riesposizione involontaria ha portato a epatite acuta grave. Il trattamento con terapia con corticosteroidi sembra essere favorevole. Desideriamo sottolineare che le reazioni immuno-mediate dai vaccini a mRNA SARS-CoV-2 sono molto rare e durante la pandemia di COVID, il programma di vaccinazione continua ad essere cruciale. Segnaliamo questo caso per incoraggiare la vigilanza sulle reazioni indotte da farmaci e per sensibilizzare i centri di vaccinazione a incorporarlo nei loro controlli di routine prima di somministrare seconde dosi. Il follow-up a lungo termine di individui identificati sarà essenziale per determinare la prognosi di questa lesione epatica immuno-mediata.

Sostegno finanziario

Gli autori non hanno ricevuto alcun sostegno finanziario per produrre questo manoscritto.

Contributi degli autori

La DG e l’AAJ hanno concettualizzato il lavoro. GT ha scritto la bozza iniziale e tutti gli autori hanno contribuito e approvato il manoscritto finale.

Conflitto di interessi

Gli autori non dichiarano conflitti di interesse che riguardano questo lavoro.Si prega di fare riferimento ai moduli di divulgazione ICMJE di accompagnamento per ulteriori dettagli.

Dati supplementari

Di seguito sono riportati i dati supplementari di questo articolo:

Referenze

    • Bril F.
    • Al Diffalha S.
    • Decano M.
    • Fettig D.M.
    • et al.
    Epatite autoimmune in via di sviluppo dopo la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) vaccino: causalità o casualità?.J Hepatol. 2021; 75: 222-224Visualizza nell’articolo 
    • Rocco A.
    • Sgamato C.
    • Confronta D.
    • Nardone G.
    • et al.
    Epatite autoimmune a seguito del vaccino SARS-CoV-2: potrebbe non essere una vittima.J Hepatol. 2021; 75: 728-729Visualizza nell’articolo 
    • Londono M.C.
    • Gratacos-Gines J.
    • Saez-Penataro J.
    Un altro caso di epatite autoimmune dopo la vaccinazione SARS-CoV-2. Ancora vittime?.J Hepatol. 2021;https://doi.org/10.1016/j.jhep.2021.06.004Visualizza nell’articolo 
    • Ghielmetti M.
    • Schaufelberger H.D.
    • Mieli-Vergani G.
    • Cerny A.
    • et al.
    Epatite acuta autoimmune-simile con anticorpo anti-mitocondriale atipico dopo vaccinazione mRNA COVID-19: una nuova entità clinica?.J Autoimmun. 2021; 123: 102706Visualizza nell’articolo 
    • McShane C.
    • Kiat C.
    • Rigby J.
    • Crosbie O.
    • et al.
    Il vaccino mRNA COVID-19 – un raro fattore scatenante dell’epatite autoimmune?.J Hepatol. 2021; (S0168-8278(21)01896-1)Visualizza nell’articolo 
    • Tan C.K.
    • Wong Y.J.
    • Wang L.M.
    • Ang T.L.
    • et al.
    Epatite autoimmune a seguito di vaccinazione COVID-19: vera causalità o mera associazione?.J Hepatol. 2021; 18 (S0168-8278(21)00424-4)Visualizza nell’articolo 
    • Lodato F.
    • Larocca A.
    • D’Errico A.
    • et al.
    Un caso insolito di epatite colestatica dopo vaccino m-RNABNT162b2 (Comirnaty) SARS-CoV-2: coincidenza, autoimmunità o danno epatico correlato alla droga?.J Hepatol. 2021;https://doi.org/10.1016/j.jhep.2021.07.005Visualizza nell’articolo 
    • Grønbaek L.
    • Otete H.
    • Divieto L.
    • Truffatori C.
    • et al.
    Incidenza, prevalenza e mortalità dell’epatite autoimmune in Inghilterra 1997-2015. Uno studio di coorte basato sulla popolazione.Fegato Int. 2020; 40: 1634-1644Visualizza nell’articolo 
    • Vojdani A.
    • KharrazianO D.
    Potenziale cross-reattività antigenica tra SARS-CoV-2 e tessuto umano con un possibile legame con un aumento delle malattie autoimmuni.Clin Immunol. 2020; 217:108480Visualizza nell’articolo 
    • Teijaro J.R.
    • Farber D.L.
    Vaccini COVID-19: modalità di attivazione immunitaria e sfide future.Nat Rev Immunol. 2021; 21: 195-197Visualizza nell’articolo 

Informazioni sull’articolo

Storia della pubblicazione

Pubblicato online: 04 ottobre 2021Accettato: 26 settembre 2021Ricevuto in forma rivista: 22 settembre 2021Ricevuto il:13 settembre 2021

Fase di pubblicazione

In Press Journal Pre-Proof

Identificazione

DOI: https://doi.org/10.1016/j.jhep.2021.09.031

Diritto d’autore

Crown Copyright © 2021 Pubblicato da Elsevier B.V. per conto dell’Associazione europea per lo studio del fegato. Tutti i diritti riservati.

References
[1] Bril F, Al Diffalha S, Dean M, Fettig DM, et al. Autoimmune hepatitis
developing after coronavirus disease 2019 (COVID-19) vaccine: causality
or casualty? J Hepatol 2021;75(1):222–224.
[2] Rocco A, Sgamato C, Compare D, Nardone G, et al. Autoimmune hepatitis
following SARS-CoV-2 vaccine: may not be a casualty. J Hepatol
2021;75(3):728–729.
[3] Londono MC, Gratacos-Gines J, Saez-Penataro J. Another case of autoimmune hepatitis after SARS-CoV-2 vaccination. Still casualty? J Hepatol

  1. https://doi.org/10.1016/j.jhep.2021.06.004.
    [4] Ghielmetti M, Schaufelberger HD, Mieli-Vergani G, Cerny A, et al. Acute
    autoimmune-like hepatitis with atypical anti-mitochondrial antibody
    after mRNA COVID-19 vaccination: a novel clinical entity?
    J Autoimmun 2021;123:102706.
    [5] McShane C, Kiat C, Rigby J, Crosbie O, et al. The mRNA COVID-19 vaccine –
    a rare trigger of Autoimmune Hepatitis? J Hepatol 2021. S0168-8278(21)
    01896-1.
    [6] Tan CK, Wong YJ, Wang LM, Ang TL, et al. Autoimmune hepatitis following
    COVID-19 Vaccination: true causality or mere association? J Hepatol
    2021;18. S0168-8278(21)00424-4.
    [7] Lodato F, Larocca A, D’Errico A, et al. An unusual case of cholestatic
    hepatitis after m-RNABNT162b2 (Comirnaty) SARS-CoV-2 vaccine: coincidence, autoimmunity or drug related liver injury? J Hepatol 2021.
    https://doi.org/10.1016/j.jhep.2021.07.005.
    [8] Grønbaek L, Otete H, Ban L, Crooks C, et al. Incidence, prevalence and
    mortality of autoimmune hepatitis in England 1997-2015. A populationbased cohort study. Liver Int 2020;40(7):1634–1644.
    [9] Vojdani A, Kharrazian D. Potential antigenic cross-reactivity between
    SARS-CoV-2 and human tissue with a possible link to an increase in
    autoimmune diseases. Clin Immunol 2020;217:108480.
    [10] Teijaro JR, Farber DL. COVID-19 vaccines: modes of immune activation and
    future challenges. Nat Rev Immunol 2021;21:195–197.
    Gloria Shwe Zin Tun*
    Dermot Gleeson
    Amer Al-Joudeh
    Asha Dube
    Department of Gastroenterology and Hepatology, Sheffield Teaching
    Hospitals NHS Foundation Trust, Sheffield, United Kingdom *
    Corresponding author. Address: Department of Gastroenterology
    and Hepatology, Sheffield Teaching Hospitals NHS Foundation Trust,
    Herries Rd, Sheffield, S5 7AU United Kingdom; Tel.: 0114 2715414,
    fax: 0114 3052843.
    E-mail address: g.tun@nhs.net (G.S. Zin Tun)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.