Come Biden ha scatenato un tumulto globale con le sue parole contro Putin

Dichiarando che il leader russo “non può rimanere al potere”, il presidente degli Stati Uniti sembrava suggerire un drastico cambiamento nella politica degli Stati Uniti, provocando una corsa da parte dei funzionari della Casa Bianca.

Durante la sua campagna presidenziale, il presidente Biden ha spesso ricordato al suo pubblico il peso pesante che le parole di un presidente possono portare.

“Le parole di un presidente contano”, ha detto più di una volta. “Possono muovere i mercati. Possono mandare i nostri coraggiosi uomini e donne in guerra. Possono portare la pace”.

Possono anche, come Biden ha scoperto sabato, scatenare un tumulto globale nel bel mezzo di una guerra.

Con nove parole ad-libbed alla fine di un discorso di 27 minuti, Biden ha creato una distrazione indesiderata alle sue osservazioni altrimenti forti chiedendo che il presidente russo Vladimir Putin fosse espulso dall’incarico.

“Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere”, ha detto Biden.

È stata una dichiarazione notevole che avrebbe invertito la politica dichiarata degli Stati Uniti, contrastando direttamente le affermazioni di alti funzionari dell’amministrazione, tra cui il segretario di Stato Antony Blinken, che hanno insistito sul fatto che il cambio di regime non è sul tavolo. È andato oltre i presidenti degli Stati Uniti durante la Guerra Fredda, e ha immediatamente riverberato in tutto il mondo mentre leader mondiali, diplomatici ed esperti di politica estera cercavano di determinare cosa ha detto Biden, cosa significava – e, se non lo intendeva, perché lo ha detto.

Poco dopo il discorso, un funzionario della Casa Bianca ha cercato di chiarire i commenti.

“Il punto del presidente era che a Putin non può essere permesso di esercitare il potere sui suoi vicini o sulla regione. Non stava discutendo del potere di Putin in Russia o del cambio di regime”, ha detto il funzionario.

La linea di Biden non è stata pianificata ed è stata una sorpresa per i funzionari statunitensi, secondo una persona che ha familiarità con il discorso che ha parlato a condizione di anonimato per discutere di una situazione delicata. All’indomani dell’osservazione, i giornalisti si sono affrettati a trovare aiutanti di Biden e a cercare chiarezza sul presidente che apparentemente sostiene un cambio di regime in Russia.

Ma gli assistenti di Biden hanno esitato, rifiutandosi di commentare mentre si affrettavano a creare una risposta.

IL DISCORSO INTEGRALE DI BIDEN

Grazie, grazie, grazie. Per favore, se hai un posto, sii seduto. Se non lo fai, sali sul palco.

Mille Grazie. È un grande onore essere qui. Signor Presidente, mi dicono che lei è laggiù da qualche parte. Eccoti. Grazie, signor Presidente.

“Non abbiate paura.” Furono le prime parole al primo discorso pubblico del primo papa polacco dopo la sua elezione nell’ottobre del 1978. Erano parole che sarebbero arrivate a definire Papa Giovanni Paolo II. Parole che cambierebbero il mondo.

Giovanni Paolo II portò il messaggio qui a Varsavia nel suo primo viaggio di ritorno a casa come papa nel giugno del 1979. Era un messaggio sul potere – il potere della fede, il potere della resilienza e il potere del popolo.

Di fronte a un sistema di governo crudele e brutale, è stato un messaggio che ha contribuito a porre fine alla repressione sovietica nella terra centrale e nell’Europa orientale 30 anni fa. Era un messaggio che supererà la crudeltà e la brutalità di questa guerra ingiusta.

Quando Papa Giovanni Paolo II portò quel messaggio nel 1979, l’Unione Sovietica governò con un pugno di ferro dietro una cortina di ferro.

Poi, un anno dopo, il movimento Solidarnosc ha preso piede in Polonia. E mentre so che non poteva essere qui stasera, siamo tutti grati in America e in tutto il mondo per Lech Walesa.

Mi ricorda quella frase del filosofo Kierkegaard: “[F]aith vede meglio nel buio”. E ci sono stati momenti bui.

Dieci anni dopo, l’Unione Sovietica crollò e la Polonia e l’Europa centrale e orientale sarebbero presto state libere. Nulla di quella battaglia per la libertà era semplice o facile. È stata una lunga e dolorosa battaglia non per giorni e mesi, ma per anni e decenni.

Ma siamo riemersi nella grande battaglia per la libertà: una battaglia tra democrazia e autocrazia, tra libertà e repressione, tra un ordine basato sulle regole e uno governato dalla forza bruta.

In questa battaglia, dobbiamo avere gli occhi lucidi. Questa battaglia non sarà vinta in giorni o mesi. Dobbiamo darci da fare per la lunga lotta che ci attende.

Signor Presidente, signor Primo Ministro, signor sindaco, membri del Parlamento, ospiti illustri e il popolo polacco, e sospetto alcune persone dell’Ucraina che sono qui: Siamo riuniti qui al Castello Reale in questa città che occupa un posto sacro nella storia non solo dell’Europa, ma dell’infinita ricerca di libertà dell’umanità.

Per generazioni, Varsavia è rimasta dove la libertà è stata messa in discussione e la libertà ha prevalso.

In effetti, è stato qui a Varsavia quando una giovane rifugiata, fuggita dal suo paese d’origine, dalla Cecoslovacchia, era sotto la dominazione sovietica, è tornata a parlare e solidarizzare con i dissidenti.

Il suo nome era Madeleine Korbel Albright. Divenne una delle più ardenti sostenitrici della democrazia nel mondo. Era un’amica con cui servivo. La prima donna segretario di stato d’America. È morta tre giorni fa.

Ha combattuto tutta la sua vita per i principi democratici essenziali. E ora, nella perenne lotta per la democrazia e la libertà, l’Ucraina e il suo popolo sono in prima linea a combattere per salvare la loro nazione.

E la loro coraggiosa resistenza fa parte di una lotta più ampia per i principi democratici essenziali che uniscono tutte le persone libere: lo stato di diritto; elezioni libere ed eque; la libertà di parlare, di scrivere e di riunirsi; la libertà di culto a scelta; libertà di stampa.

Questi principi sono essenziali in una società libera. Ma lo hanno sempre fatto– sono sempre stati sotto assedio. Sono sempre stati combattuti. Ogni generazione ha dovuto sconfiggere i nemici mortali della democrazia. Questa è la via del mondo – perché il mondo è imperfetto, come sappiamo. Dove gli appetiti e le ambizioni di pochi cercano per sempre di dominare la vita e le libertà di molti.

Il mio messaggio al popolo ucraino è il messaggio che ho consegnato oggi al ministro degli Esteri e alla difesa dell’Ucraina, che credo siano qui stasera: siamo con voi. Periodo.

I combattimenti di oggi a Kiev e Mariupol e Kharkiv sono l’ultima battaglia di una lunga lotta: Ungheria, 1956; Polonia, 1956, poi di nuovo 1981; Cecoslovacchia, 1968.

I carri armati sovietici schiacciarono le rivolte democratiche, ma la resistenza continuò fino a quando, nel 1989, il muro di Berlino e tutti i muri della dominazione sovietica caddero. Sono caduti. E il popolo ha prevalso.

Ma la battaglia per la democrazia non poteva concludersi e non si è conclusa con la fine della Guerra Fredda.

Negli ultimi 30 anni, le forze dell’autocrazia sono rianimate in tutto il mondo. I suoi tratti distintivi sono quelli familiari: disprezzo per lo stato di diritto, disprezzo per la libertà democratica, disprezzo per la verità stessa.

Oggi, la Russia ha strangolato la democrazia – ha cercato di farlo altrove, non solo nella sua patria. Sotto false affermazioni di solidarietà etnica, ha invalidato [sic] le nazioni vicine.

Putin ha il coraggio di dire che sta “de-nazificando” l’Ucraina. È una bugia. È solo cinico. Lui lo sa. Ed è anche osceno.

Il presidente Zelensky è stato eletto democraticamente. È ebreo. La famiglia di suo padre fu spazzata via nell’Olocausto nazista. E Putin ha l’audacia, come tutti gli autocrati prima di lui, di credere che potrebbe fare bene.

Nel mio paese, un ex presidente di nome Abraham Lincoln ha espresso lo spirito opposto per salvare la nostra Unione nel bel mezzo di una guerra civile. Egli disse: “Cerchiamo di avere fede che il diritto fa la forza”. “Il diritto fa la forza.”

Oggi, ora abbiamo di nuovo quella fede. Decidiamo di mettere in atto la forza delle democrazie per contrastare i denigns [sic] dei nostri – i disegni dell’autocrazia. Ricordiamoci che la prova di questo momento è la prova di tutti i tempi.

Il Cremlino vuole dipingere l’allargamento della NATO come un progetto imperiale volto a destabilizzare la Russia. Niente è più lontano dalla verità. La NATO è un’alleanza difensiva. Non ha mai cercato la scomparsa della Russia.

In vista dell’attuale crisi, gli Stati Uniti e la NATO hanno lavorato per mesi per coinvolgere la Russia per evitare una guerra. L’ho incontrato di persona e gli ho parlato molte volte al telefono.

Di volta in volta, abbiamo offerto una vera diplomazia e proposte concrete per rafforzare la sicurezza europea, migliorare la trasparenza e costruire la fiducia da tutte le parti.

Ma Putin e la Russia hanno accolto ciascuna delle proposte con disinteresse per qualsiasi negoziato, con menzogne e ultimatum. La Russia è stata incline alla violenza fin dall’inizio.

So che non tutti voi avete creduto a me e a noi quando continuavamo a dire: “Stanno per attraversare il confine. Stanno per attaccare”.

Ripetutamente, ha affermato, “Non abbiamo alcun interesse per la guerra”. Garantito che non si sarebbe mosso.

Ripetutamente dicendo che non avrebbe invaso l’Ucraina.

Ripetutamente dicendo che le truppe russe lungo il confine erano lì per “l’addestramento” – tutti e 180.000.

Semplicemente non c’è giustificazione o provocazione per la scelta della guerra da parte della Russia. È un esempio di uno dei più antichi impulsi umani: usare la forza bruta e la disinformazione per soddisfare una brama di potere e controllo assoluti.

Non è altro che una sfida diretta all’ordine internazionale basato su regole stabilito dalla fine della seconda guerra mondiale.

E minaccia di tornare a decenni di guerra che hanno devastato l’Europa prima che l’ordine internazionale basato sulle regole fosse messo in atto. Non possiamo tornare su questo punto. Non possiamo.

La gravità della minaccia è il motivo per cui la risposta dell’Occidente è stata così rapida e così potente e così unificata, senza precedenti e travolgente.

Costi rapidi e punitivi sono le uniche cose che porteranno la Russia a cambiare rotta.

A pochi giorni dalla sua invasione, l’Occidente si era mosso congiuntamente con le sanzioni per danneggiare l’economia russa.

La Banca Centrale russa è ora bloccata dai sistemi finanziari globali, negando al Cremlino l’accesso al fondo di guerra che ha nascosto in tutto il mondo.

Abbiamo puntato al cuore dell’economia russa fermando le importazioni di energia russa negli Stati Uniti.

Ad oggi, gli Stati Uniti hanno sanzionato 140 oligarchi russi e i loro familiari, sequestrando i loro guadagni mal generati: i loro yacht, i loro appartamenti di lusso, le loro dimore.

Abbiamo sanzionato più di 400 funzionari del governo russo, compresi gli architetti chiave di questa guerra.

Questi funzionari e oligarchi hanno tratto enormi benefici dalla corruzione legata al Cremlino, e ora devono condividere il dolore.

Anche il settore privato sta agendo. Oltre 400 multinazionali private si sono ritirate dal fare affari in Russia – hanno lasciato completamente la Russia – dalle compagnie petrolifere a McDonald’s.

Come risultato di queste sanzioni senza precedenti, il rublo viene quasi immediatamente ridotto in macerie. L’economia russa – questo è vero, tra l’altro. Ci vogliono circa 200 rubli per eguagliare un dollaro.

L’economia è sulla buona strada per essere dimezzata nei prossimi anni. L’economia russa era classificata come l’11a più grande economia del mondo prima di questa evasione [sic] – invasione. Presto non si classificherà nemmeno tra i primi 20 al mondo.

Nel loro insieme, queste sanzioni economiche sono un nuovo tipo di arte di governo economica con il potere di infliggere danni che rivaleggiano con la potenza militare.

Queste sanzioni internazionali stanno indebolendo la forza russa, la sua capacità di ricostituire il suo esercito e la sua capacità – la sua capacità di proiettare potere. Ed è Putin – è Vladimir Putin che è da biasimare, punto.

Allo stesso tempo, accanto a queste sanzioni economiche, il mondo occidentale si è unito per fornire al popolo ucraino livelli incredibili di assistenza militare, economica e umanitaria.

Negli anni precedenti l’invasione, noi, l’America, avevamo inviato oltre 650 milioni di dollari, prima che attraversassero il confine, in armi in Ucraina, comprese attrezzature antiaeree e anti-armatura.

Dall’invasione, l’America ha impegnato altri 1,35 miliardi di dollari in armi e munizioni.

E grazie al coraggio e al coraggio del popolo ucraino, le attrezzature che abbiamo inviato e che i nostri colleghi hanno inviato sono state utilizzate con effetti devastanti per difendere la terra e lo spazio aereo ucraini. Anche i nostri alleati e partner si sono fatti avanti.

Ma come ho chiarito: le forze americane sono in Europa – non in Europa per impegnarsi in un conflitto con le forze russe. Le forze americane sono qui per difendere gli alleati della NATO.

Ieri ho incontrato le truppe che stanno servendo a fianco dei nostri alleati polacchi per rafforzare le difese di prima linea della NATO. Il motivo per cui abbiamo voluto chiarire è il loro movimento sull’Ucraina: non pensate nemmeno di muovervi su un solo pollice di territorio della NATO.

Abbiamo un sacro obbligo – abbiamo un sacro obbligo ai sensi dell’articolo 5 di difendere ogni centimetro di territorio della NATO con tutta la forza del nostro potere collettivo.

E all’inizio di oggi, ho visitato il vostro Stadio Nazionale, dove migliaia di rifugiati ucraini stanno ora cercando di rispondere alle domande più difficili che un essere umano possa porre: “Mio Dio, cosa mi succederà? Cosa succederà alla mia famiglia?”

Ho visto le lacrime negli occhi di molte madri mentre le abbracciavo; i loro bambini piccoli – i loro bambini piccoli non sanno se sorridere o piangere. Una bambina ha detto: “Signor Presidente” – parlava un po’ di inglese – “mio fratello e mio padre – stanno andando bene? Li rivedrò?” Senza i loro mariti, i loro padri, in molti casi, i loro fratelli o sorelle che sono rimasti a combattere per il loro paese.

Non ho dovuto parlare la lingua o capire la lingua per sentire l’emozione nei loro occhi, il modo in cui mi stringevano la mano, e i bambini piccoli si sono aggrappati alla mia gamba, pregando con la disperata speranza che tutto questo fosse temporaneo; apprensione che possano essere forse per sempre lontani dalle loro case, quasi con tristezza debilitante che questo sta accadendo di nuovo.

Ma sono stato anche colpito dalla generosità del popolo di Varsavia – del resto, tutto il popolo polacco – per la profondità della loro compassione, la loro volontà di raggiungere – aprendo i loro cuori.

Stavo dicendo al sindaco che si stanno preparando ad aprire i loro cuori e le loro case semplicemente per aiutare. Voglio anche ringraziare il mio amico, il grande chef americano, José Andrés, e il suo team che ha aiutato a sentire [sic] quelli – nutrendo coloro che desiderano essere liberi.

Ma aiutare questi rifugiati non è qualcosa che la Polonia o qualsiasi altra nazione dovrebbe portare da sola. Tutte le democrazie del mondo hanno la responsabilità di aiutare. Tutti. E il popolo ucraino può contare sugli Stati Uniti per adempiere alle proprie responsabilità.

Ho annunciato, due giorni fa, che accoglieremo 100.000 rifugiati ucraini. Ne abbiamo già 8.000 a settimana che arrivano negli Stati Uniti di altre nazionalità.

Forniremo quasi 300 milioni di dollari di assistenza umanitaria, fornendo decine di migliaia di tonnellate di cibo, acqua, medicine e altre forniture di base.

A Bruxelles, ho annunciato che gli Stati Uniti sono pronti a fornire più di 1 miliardo di dollari, in aggiunta, in aiuti umanitari.

Il Programma Alimentare Mondiale ci ha detto che, nonostante gli ostacoli significativi, almeno un po’ di sollievo sta arrivando alle principali città dell’Ucraina, ma non a Metropol [sic] – no, scusatemi, Mar- – non a Mariupol, perché le forze russe stanno bloccando le forniture di soccorso.

Ma non cesseremo i nostri sforzi per ottenere aiuti umanitari ovunque sia necessario in Ucraina e per le persone che sono uscite dall’Ucraina.

Nonostante la brutalità di Vladimir Putin, non ci siano dubbi sul fatto che questa guerra sia già stata un fallimento strategico per la Russia. Avendo perso i figli io stesso – so che non è un conforto per le persone che hanno perso la famiglia.

Ma lui, Putin, pensava che gli ucraini si sarebbero ribaltati e non avrebbero combattuto. Non molto di uno studente di storia. Invece, le forze russe hanno incontrato la loro partita con la coraggiosa e rigida resistenza ucraina.

Piuttosto che rompere la determinazione ucraina, le tattiche brutali della Russia hanno rafforzato la determinazione.

Piuttosto che separare la NATO, l’Occidente è ora più forte e più unito di quanto non sia mai stato.

La Russia voleva meno di una presenza della NATO al suo confine, ma ora ha [sic] una presenza più forte, una presenza più grande, con oltre centomila truppe americane qui, insieme a tutti gli altri membri della NATO.

In effetti, la Russia è riuscita a causare qualcosa che sono sicuro non avesse mai voluto: le democrazie del mondo sono rivitalizzate con uno scopo e un’unità trovati in mesi che una volta avevamo impiegato anni per realizzare.

Non sono solo le azioni della Russia in Ucraina che ci stanno ricordando la benedizione della democrazia. È il nostro paese – il suo paese, il Cremlino, sta imprigionando i manifestanti. Duecentomila persone sarebbero già partite. C’è una fuga di cervelli – lasciare la Russia. Chiudere le notizie indipendenti. I media statali sono tutta propaganda, bloccando l’immagine di obiettivi civili, fosse comuni, tattiche di fame delle forze russe in Ucraina.

C’è da meravigliarsi, come ho detto, che 200.000 russi abbiano lasciato il loro paese in un mese? Una notevole fuga di cervelli in un così breve periodo di tempo, che mi porta al mio messaggio al popolo russo:

Ho lavorato con i leader russi per decenni. Mi sono seduto dall’altra parte del tavolo dei negoziati risalendo fino al premier sovietico Alexei Kosygin per parlare del controllo degli armamenti al culmine della Guerra Fredda.

Ho sempre parlato direttamente e onestamente con voi, il popolo russo.

Lasciatemi dire questo, se siete in grado di ascoltare: voi, il popolo russo, non siete nostri nemici.

Mi rifiuto di credere che accolgaate con favore l’uccisione di bambini e nonni innocenti o che accettiate ospedali, scuole, reparti di maternità che, per l’amor di Dio, vengono colpiti con missili e bombe russe; o città circondate in modo che i civili non possano fuggire; rifornimenti tagliati e tentativi di affamare gli ucraini fino alla sottomissione.

Milioni di famiglie sono state cacciate dalle loro case, tra cui la metà di tutti i bambini dell’Ucraina. Queste non sono le azioni di una grande nazione.

Di tutte le persone, voi, il popolo russo, così come tutte le persone in tutta Europa, avete ancora il ricordo di essere stati in una situazione simile alla fine degli anni ’30 e ’40 – la situazione della seconda guerra mondiale – ancora fresca nella mente di molti nonni della regione.

Che cosa – qualunque cosa abbia vissuto la vostra generazione – sia che abbia vissuto l’assedio di Leningrado o ne abbia sentito parlare dai vostri genitori e nonni – stazioni ferroviarie traboccanti di famiglie terrorizzate in fuga dalle loro case; notti al riparo in scantinati e cantine; mattina seduti tra le macerie nelle vostre case – questi non sono ricordi del passato. Non più. Perché è esattamente quello che l’esercito russo sta facendo in Ucraina in questo momento.

26 marzo 2022. Pochi giorni prima – siamo al ventunesimo – eri una nazione del 21 ° secolo con speranze e sogni che le persone di tutto il mondo hanno per se stessi e la loro famiglia.

Ora, l’aggressione di Vladimir Putin ha tagliato voi, il popolo russo, fuori dal resto del mondo, e sta riportando la Russia al 19 ° secolo.

Questo non è quello che sei. Questa non è la riserva futura: ve lo meritate per le vostre famiglie e per i vostri figli. Vi sto dicendo la verità: questa guerra non è degna di voi, il popolo russo.

Putin può e deve porre fine a questa guerra. Il popolo americano è con voi e con i coraggiosi cittadini ucraini che vogliono la pace.

E il mio messaggio al resto d’Europa: questa nuova battaglia per la libertà ha già reso alcune cose cristalline.

In primo luogo, l’Europa deve porre fine alla sua dipendenza dai combustibili fossili russi. E noi, gli Stati Uniti, aiuteremo. Ecco perché proprio ieri, a Bruxelles, ho annunciato un piano con il presidente della Commissione europea per far superare all’Europa l’immediata crisi energetica.

A lungo termine, per una questione di sicurezza economica e nazionale e per la sopravvivenza del pianeta, dobbiamo tutti muoverci il più rapidamente possibile verso l’energia pulita e rinnovabile. E lavoreremo insieme per aiutare a farlo in modo che i giorni in cui ogni nazione fosse soggetta ai capricci di un tiranno per i suoi bisogni energetici siano finiti. Devono finire. Devono finire.

E in secondo luogo, dobbiamo combattere la corruzione proveniente dal Cremlino per dare al popolo russo una giusta possibilità.

E infine, e più urgentemente, manteniamo l’unità assoluta – dobbiamo – tra le democrazie del mondo.

Non basta parlare con fioritura retorica, di nobilitare parole di democrazia, di libertà, uguaglianza e libertà. Tutti noi, anche qui in Polonia, dobbiamo fare il duro lavoro della democrazia ogni giorno. Anche il mio paese.

Ecco perché – ecco perché sono venuto di nuovo in Europa questa settimana con un messaggio chiaro e determinato per la NATO, per il G-7, per l’Unione Europea, per tutte le nazioni amanti della libertà: dobbiamo impegnarci ora ad essere in questa lotta a lungo termine. Dobbiamo rimanere uniti oggi e domani e dopodomani e per gli anni e i decenni a venire.

Non sarà facile. Ci saranno dei costi. Ma è un prezzo che dobbiamo pagare. Perché l’oscurità che guida l’autocrazia non è in definitiva all’altezza della fiamma della libertà che illumina le anime delle persone libere ovunque.

Di volta in volta, la storia dimostra che è dai momenti più bui che segue il più grande progresso. E la storia dimostra che questo è il compito del nostro tempo, il compito di questa generazione.

Ricordiamoci: il colpo di martello che ha fatto cadere il muro di Berlino, la potenza che ha sollevato la cortina di ferro non sono state le parole di un solo leader; sono stati i popoli d’Europa che, per decenni, hanno combattuto per liberarsi.

Il loro puro coraggio ha aperto il confine tra Austria e Ungheria per il picnic paneuropeo. Si unirono per la Via Baltica.

Hanno difeso Solidarnosc qui in Polonia. E insieme, era una forza inconfondibile e innegabile del popolo che l’Unione Sovietica non poteva sopportare. E lo stiamo vedendo ancora una volta oggi con il coraggioso popolo ucraino, dimostrando che il loro potere di molti è più grande della volontà di qualsiasi dittatore.

Così, in quest’ora, che le parole di Papa Giovanni Paolo II brucino come oggi: “Mai, mai rinunciare alla speranza, mai dubitare, mai stancarsi, mai scoraggiarsi. Non abbiate paura”.

Un dittatore intenzionato a ricostruire un impero non cancellerà mai l’amore di un popolo per la libertà. La brutalità non ridurrà mai la loro volontà di essere liberi. L’Ucraina non sarà mai una vittoria per la Russia – perché le persone libere si rifiutano di vivere in un mondo di disperazione e oscurità.

Avremo un futuro diverso – un futuro più luminoso radicato nella democrazia e nei principi, nella speranza e nella luce, nella decenza e nella dignità, nella libertà e nelle possibilità.

Per l’amor di Dio, quest’uomo non può rimanere al potere.

Dio vi benedica tutti. E che Dio difenda la nostra libertà. E che Dio protegga le nostre truppe. Grazie per la pazienza. Grazie. Grazie. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.