Un contadino scopre un mosaico “eccezionale” di epoca bizantina a Gaza con bestie, uccelli, geometria mozzafiato

Foto di Epoch Times
Un palestinese spazza via parti di un pavimento a mosaico di epoca bizantina che è stato scoperto da un contadino a Bureij, nella Striscia di Gaza centrale, il 5 settembre 2022. (Fatima Shbair/AP Photo)

La scorsa primavera, un contadino palestinese stava piantando un nuovo ulivo quando la sua pala ha colpito un oggetto duro. Chiamò suo figlio e, per tre mesi, la coppia scavò lentamente un mosaico ornato di epoca bizantina che gli esperti dicono sia uno dei più grandi tesori archeologici mai trovati a Gaza.

La scoperta ha scatenato l’eccitazione tra gli archeologi e i governanti di Hamas del territorio stanno pianificando un annuncio importante nei prossimi giorni.

Ma sta anche attirando appelli per una migliore protezione delle antichità di Gaza, una fragile collezione di siti minacciati da una mancanza di consapevolezza e risorse, nonché dal costante rischio di conflitto tra Israele e i militanti palestinesi locali.

Il mosaico è stato scoperto a solo mezzo miglio dal confine israeliano. Il pavimento, che vanta 17 iconografie di bestie e uccelli, è ben conservato e i suoi colori sono brillanti.

“Questi sono i più bei pavimenti a mosaico scoperti a Gaza, sia in termini di qualità della rappresentazione grafica che di complessità della geometria”, ha detto René Elter, archeologo della Scuola biblica e archeologica francese di Gerusalemme.

“Mai i pavimenti a mosaico di questa finezza, questa precisione nella grafica e la ricchezza dei colori sono stati scoperti nella Striscia di Gaza”, ha detto.

Elter dice che la pavimentazione a mosaico risale a un tempo tra il 5 ° e il 7 ° secolo. Ma ha detto che uno scavo adeguato deve essere condotto per determinare quando esattamente è stato costruito e se faceva parte di un complesso religioso o secolare.

Elter, che ha condotto ricerche a Gaza in passato, non è stato in grado di visitare il sito, ma ha visualizzato una serie di foto e video scattati da partner di ricerca locali.

Foto di Epoch Times
Un dettaglio raffigurante uccelli su un pavimento a mosaico di epoca bizantina che è stato scoperto di recente da un contadino palestinese a Bureij nella Striscia di Gaza centrale, il 5 settembre 2022. (Fatima Shbair/AP Photo)

La Striscia di Gaza, un’enclave costiera palestinese stretta tra Israele ed Egitto, era una vivace rotta commerciale tra l’Egitto e il Levante nei tempi antichi. La fascia costiera è ricca di resti di antiche civiltà, dall’età del bronzo all’epoca islamica e ottomana.

Tuttavia, i tesori sono raramente protetti. In passato, sono stati saccheggiati. Negli ultimi anni, alcuni sono stati danneggiati o distrutti da progetti di sviluppo o da combattimenti con Israele. Un blocco israelo-egiziano imposto dopo che il gruppo militante di Hamas ha preso il controllo di Gaza nel 2007 ha devastato l’economia, lasciando poche risorse per la protezione delle antichità.

Hamas stesso presta poca attenzione alla conservazione dei siti mentre lotta per soddisfare le esigenze di una popolazione in rapida crescita. Più di 2,3 milioni di persone sono schiacciate nelle sole 115 miglia quadrate (300 chilometri quadrati) della Striscia. Nel 2017, i bulldozer di Hamas hanno distrutto gran parte di un sito contenente i resti di un insediamento dell’età del bronzo di 4.500 anni per realizzare progetti abitativi per i suoi dipendenti.

Foto di Epoch Times
I palestinesi puliscono intorno a un pavimento a mosaico di epoca bizantina che è stato scoperto di recente da un contadino a Bureij, nella Striscia di Gaza centrale, il 5 settembre 2022. (Fatima Shbair/AP Photo)

All’inizio di quest’anno, i bulldozer che scavavano per un progetto abitativo finanziato dall’Egitto nel nord di Gaza hanno portato alla luce una tomba di epoca romana.

Tra i pochi siti conservati a Gaza ci sono il monastero di Sant’Ilarione, che si estende dal tardo Impero Romano al periodo islamico omayyade, e il sito di una chiesa bizantina che è stata restaurata da organizzazioni umanitarie internazionali e aperta quest’anno nel nord della Striscia di Gaza.

Mentre questi siti hanno anche mosaici, Elter ha detto che l’ultima scoperta, nella città centrale di Gaza di Bureij, è “eccezionale”.

Il dipartimento delle antichità gestito da Hamas ha descritto il mosaico come “una grande scoperta archeologica”, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente, dicendo che ci sarà un annuncio formale in seguito.

Foto di Epoch Times
Un dettaglio raffigurante bestie su un pavimento a mosaico di epoca bizantina che è stato scoperto di recente da un contadino palestinese a Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, il 5 settembre 2022. (Fatima Shbair/AP Photo)

Il proprietario del terreno, che ha rifiutato di essere identificato prima dell’annuncio ufficiale, ha coperto la porzione dissotterrata del pavimento a mosaico con fogli di latta. Ha detto che spera di ricevere un risarcimento per proteggere la scoperta unica sulla sua proprietà.

Il pezzo di terra che contiene il mosaico è di circa 5.400 piedi quadrati (500 metri quadrati) e tre punti scavati rivelano scorci del mosaico.

Il più grande dei fori nel terreno, circa 6 piedi per 9 piedi (2 metri per 3 metri), ha i 17 disegni di animali. Gli altri due mostrano intricati motivi di tessere. Le radici di un vecchio ulivo hanno danneggiato parti del mosaico, che sembra essere di circa 250 piedi quadrati (23 metri quadrati) complessivamente di dimensioni.

Foto di Epoch Times
I dettagli di un pavimento a mosaico di epoca bizantina sono scoperti da un contadino palestinese a Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, il 5 settembre 2022. (Fatima Shbair/AP Photo)

Elter ha detto che la scoperta è in “pericolo immediato” perché è così vicina alla barriera di separazione israeliana.

Tali aree lungo la recinzione sono spesso teatro di scontri intermittenti o incursioni israeliane. Proprio il mese scorso, Israele e il gruppo militante della Jihad islamica di Gaza hanno combattuto una feroce battaglia di tre giorni, che ha incluso il bombardamento israeliano di postazioni militanti e l’atterraggio di alcuni razzi palestinesi lanciati male nell’area.

Elter teme anche che gli scavi da parte di persone inesperte possano danneggiare il sito. La sua speranza è che un team di professionisti possa scavare, ripristinare e proteggere correttamente il mosaico.

“È imperativo organizzare rapidamente un intervento di soccorso di emergenza”, ha detto Elter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.