Trump risponde ai rapporti sui documenti nucleari

L’ex presidente Donald Trump ha detto che i rapporti secondo cui l’FBI stava presumibilmente cercando documenti sulle armi nucleari nella sua residenza di Mar-a-Lago sono una “bufala” e l’hanno paragonata a affermazioni di anni che era un agente russo.

“La questione delle armi nucleari è una bufala, proprio come la Russia, la Russia, la Russia era una bufala, due impeachment erano una bufala, l’indagine Mueller era una bufala e molto altro”, ha scritto Trump su Truth Social venerdì mattina.

L’ex presidente ha affermato che “le stesse persone squallide [sono] coinvolte” nel fare accuse sulle armi nucleari e si è chiesto perché gli agenti dell’FBI non abbiano presumibilmente permesso ai suoi avvocati di ispezionare il loro lavoro a Mar-a-Lago lunedì. L’FBI, ha detto, ha fatto sì che la sua squadra “aspettasse fuori al caldo” e “non avrebbe permesso loro di avvicinarsi nemmeno”.

Fonti anonime hanno detto al Washington Post e ad altri media storici giovedì sera che documenti classificati relativi alle armi nucleari sono stati perquisiti dall’FBI. Non è chiaro se gli agenti dell’FBI abbiano recuperato qualcosa.

Né l’FBI né il Dipartimento di Giustizia hanno rilasciato commenti pubblici sull’ultima accusa, ed entrambe le agenzie non hanno approfondito il motivo per cui gli agenti hanno fatto il passo senza precedenti di fare irruzione nella casa di un ex presidente.

L’ex comandante in capo ha anche fatto riferimento a un dossier di affermazioni per lo più smentite scritto dall’ex spia britannica Christopher Steele, che è stato assunto da una società di ricerca dell’opposizione che è stata a sua volta utilizzata da uno studio legale allineato ai democratici per conto della campagna di Hillary Clinton del 2016. Alla fine del 2019, l’ispettore generale del Dipartimento di Giustizia, Michael Horowitz, ha scoperto che c’erano numerosi errori e omissioni quando l’FBI ha richiesto mandati segreti per sorvegliare i membri della campagna di Trump del 2016.

L’avvocato di Trump Christina Bobb ha detto a Fox News giovedì che i rapporti del Washington Post sono un tentativo di seminare paura tra la popolazione americana.

“Questo è ciò che fanno i democratici. Non hanno alcuna buona ragione per fare quello che hanno fatto. Il patetico presser che Merrick Garland ha tenuto per tre minuti era insufficiente, quindi hanno dovuto creare paura”, ha detto Bobb all’outlet, aggiungendo: “Non sono su un terreno solido … dovevano inventare qualcosa che potenzialmente terrorizzasse il pubblico americano a rinunciare liberamente alle loro libertà costituzionali”.

Maggiori dettagli

Il procuratore generale Merrick Garland giovedì ha detto di aver “approvato personalmente” la ricerca dell’FBI, ma non ha potuto discutere cosa o perché gli agenti delle forze dell’ordine federali stavano indagando. Ha parlato pochi istanti dopo che il Dipartimento di Giustizia ha presentato una mozione per sbloccare il mandato di perquisizione nel caso, arrivando un giorno dopo che un giudice del caso ha ordinato all’agenzia di presentare una risposta in richiesta alle richieste di diversi gruppi di sbloccarlo.

Foto di Epoch Times
Le forze dell’ordine locali sono state viste di fronte alla casa dell’ex presidente Donald Trump a Mar-A-Lago a Palm Beach, in Florida, il 9 agosto 2022. (Giorgio Viera/AFP via Getty Images)

I documenti del tribunale depositati dal Dipartimento di Giustizia hanno affermato che “il chiaro e potente interesse del pubblico a comprendere ciò che è accaduto in queste circostanze pesa pesantemente a favore dell’apertura dei sigilli”. La mozione per sbloccare parti del mandato, tra cui una “ricevuta di proprietà redatta che elenca gli oggetti sequestrati ai sensi della perquisizione”, è stata firmata dal procuratore degli Stati Uniti Juan Gonzalez e da un funzionario del DOJ sul controspionaggio, Jay Bratt.

Giovedì sera, Trump ha scritto sui social media che ha accettato che il mandato potesse essere reso pubblico.

“Non solo non mi opporrò al rilascio di documenti relativi al raid e all’irruzione non americani, ingiustificati e inutili nella mia casa di Palm Beach, in Florida, Mar-a-Lago, sto facendo un ulteriore passo avanti INCORAGGIANDO il rilascio immediato di quei documenti, anche se sono stati redatti dai democratici di sinistra radicale”, ha scritto l’ex presidente.

È stato lo stesso Trump a confermare il raid dell’FBI sul suo account Truth Social lunedì sera. A seguito della divulgazione, i principali repubblicani hanno chiesto al Dipartimento di Giustizia di rilasciare documenti e fornire le ragioni dell’escalation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.