TRIENNALE MILANO: DUE MOSTRE RENDONO OMAGGIO A GIOVANNI GASTEL 

The people I like I gioielli della fantasia sono le due mostre con cui Triennale Milano rende omaggio al fotografo, recentemente scomparso Giovanni Gastel (Milano, 1955 –2021). 

The people I like

Curata da Uberto Frigerio con allestimento di Lissoni Associati, questa mostra è realizzata in collaborazione con il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.

L’esposizione presenta oltre 200 ritratti in grande formato, la maggior parte in bianco e nero. Si tratta di una sorta di ritratto collettivo di anime, che Gastel ha incontrato nel corso della sua carriera quarantennale. Tra i personaggi ritratti: Barack Obama, Marco PannellaForattiniEttore SottsassGermano Celant, Mimmo JodiceFiorello, ZuccheroTiziano Ferro, Vasco Rossi, Roberto Bolle, Bebe Vio, Bianca Balti, Luciana LittizzettoFranca SozzaniMiriam Leone, Monica Bellucci, Mara Venier, Carolina Crescentini

©Giovanni Gastel, Bebe Vio

Con questo progetto Gastel consacra il “ritratto” opera artistica per eccellenza. Modelle, attrici, artisti, operatori del settore, vip, cantanti, musicisti, politici, giornalisti, designer, chef fanno parte del caleidoscopio di fotografie esposte senza un ordine preciso né un’appartenenza a un determinato settore o categoria. I ritratti non sono percepiti come semplici rappresentazioni della fisionomia umana, ma lasciano trasparire un significato interiore più vero: lo scopo è quello di indagare ciò che va aldilà dell’esteriorità, cogliendo la complessità del soggetto.

Nella parte finale del percorso espositivo trovano spazio 80 immagini della serie dei colli neri, dei ritratti ai margini della spiritualità dell’anima. 

I gioielli della fantasia

La seconda mostra, realizzata in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea, presenta 20 immagini di un più ampio progetto commissionato a Gastel da Daniel Swarowsky Corporation nel 1991 per l’omonimo libro, tradotto in quattro lingue, e la mostra di gioielli del XX secolo, entrambi curati da Deanna Farneti Cera. 

Giovanni Gastel, I gioielli della fantasia, 1991

Gastel dà vita a una reinterpretazione fantastica e immaginaria dei gioielli da cui emerge tutta la sua straordinaria vena creativa. 

Le fotografie in mostra sono state donate da Lanfranco Colombo a Regione Lombardia e sono conservate presso il Museo di Fotografia Contemporanea.

I Partner Istituzionali Eni e Lavazza, l’Institutional Media Partner Clear Channel e il Technical Partner ATM sostengono Triennale Milano anche per questo progetto espositivo. 

RF2A2575-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2537-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2524-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2581-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2597-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2620-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2648-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia
RF2A2665-©-Triennale-Milano-foto-Gianluca-Di-Ioia

Vademecum

Giovanni Gastel. Un omaggio

The People I like
A cura di: Uberto Frigerio
Progetto di allestimento: Lissoni Associati
Prodotta da: Image Service in collaborazione con il MAXXI

I gioielli della fantasia
In collaborazione con: Museo di Fotografia Contemporanea

Biglietti: 8 euro

Orari di Triennale Milano: martedì – domenica
11.00 – 20.00 (ultimo ingresso alle 19.00)

Triennale Milano
viale Alemagna 6
20121 Milano
T. +39 02 724341
www.triennale.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.