“Si vive una volta sola”: ecco perché i giovani della YOLO Generation rifiutano i lavori

TREVISO – La generazione “YOLO” è un problema per il mondo del lavoro. Ed è un fenomeno che sta prendendo piede anche nel trevigiano. Letteralmente significa “You only live once”, “tu vivi una volta sola” ed è un termine entrato nel gergo colloquiale giovanile grazie anche alla spinta musicale del rapper Drake che lo ha inserito in diverse sue canzoni arrivando addiritutta a definirlo “The Motto” (il motto). 

Ed oggi è un fenomeno sempre più comune, soprattutto tra i giovani che si approcciano al mondo del lavoro e che, davanti ad una proposta lavorativa nel fine settimana, sempre più spesso rispondono “No, vivo una volta sola”. Una risposta tipica di chi si identifica in questa YOLO Generation

I giovani YOLO rinunciano o addirittura abbandonano forme di lavoro stabili, anche con contratti a tempo indeterminato per trasformare le proprie passioni in lavoro, cercando spesso la notorità tramite i social network o i vari siti e piattaforme online. A New York questo fenomeno ha assunto il nome di “Great resignation” (tradotto letteralmente, grande rinuncia”. I sociologi lo definiscono “illanguidirsi”. Mentre nei bar e nelle piazze, lo chiameremo semplicemente un “tirare i remi in barca”, un “fare dietrofront”, un “tirarsene fuori”. E di fatto è una forma di pensionamento anticipato e autoimposto

Nell’ultimo anno e mezzo, spinto anche dalla pandemia, questo fenomeno ha preso sempre più piede. Anche nel territorio trevigiano. A sottolinearne la presenza il presidente di Confcommercio Federico Capraro.

“Questa YOLO Generation è nata nell’ultimo anno e mezzo – spiega – In un colloquio di lavoro su tre che abbiamo fatto questa estate, ci è stato detto di “no” e la motivazione è stata che si vive una volta sola. Ma è così da sempre. Si è sempre vissuti una volta sola. C’è rassegnazione, sterilità, mancanza di voglia di fare impresa. Ma il lavoro oggi non è più un bisogno di sicurezza per il futuro, perché mi devo comprare una cosa, una macchina o devo mettere su famiglia. Un lavoro oggi è un avere benessere, una prospettiva, una soddisfazione, uno stare bene. La YOLO Generation ci porta da un lato verso un baratro, dall’altro vero un futuro diverso“. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.