Sarebbero avvenute più di 270 morti negli atleti statunitensi dopo la vaccinazione

Oltre 270 atleti ed ex atleti negli Stati Uniti sono morti per arresti cardiaci o altri gravi problemi dopo aver assunto vaccini COVID-19, secondo i dati di una recente lettera peer-reviewed all’editore.

Scritto dal biologo strutturale Panagis Polykretis, e dall’internista e cardiologo certificato Dr. Peter McCullough, i dati citati della lettera hanno rilevato che dal 2021 al 2022, almeno 1.616 arresti cardiaci o altri importanti problemi medici sono stati documentati a livello globale negli atleti vaccinati, con 1.114 di questi fatali.

I dati globali hanno anche mostrato che tra il 2021 e il 2022, ex e attuali atleti americani hanno costituito 279 delle morti.

Gli atleti hanno una minore probabilità di arresto cardiaco e morte cardiaca improvvisa rispetto ai non atleti. Uno studio statunitense del 2016 ha calcolato che i non atleti, rispetto agli atleti, hanno una probabilità 29 volte maggiore di morte cardiaca improvvisa.

Uno dei motivi è perché “gli atleti sono schermati per le cause comuni di morte improvvisa sul campo di gioco”, ha detto McCullough a The Epoch Times.

I giocatori vengono sottoposti a screening per la cardiomiopatia ipertrofica, che costituisce quasi il 50% delle morti cardiache improvvise negli atleti, così come altre anomalie cardiache meno comuni.

Lo screening intensivo è ciò che rende gli sport a livello competitivo più sicuri delle attività sportive quotidiane, ha sostenuto McCullough.

Le morti cardiache improvvise negli atleti sono aumentate dopo la vaccinazione

McCullough ha indicato uno studio europeo che ha monitorato le morti cardiache improvvise negli atleti europei per oltre 38 anni dal 1966 al 2004. Lo studio ha riportato 1.101 morti cardiache improvvise nell’intervallo, che Polykretis ha stimato sarebbero circa 29 morti all’anno.

Negli Stati Uniti, si stima che da 100 a 150 atleti muoiano ogni anno per morte improvvisa.

I dati citati nella lettera, tuttavia, hanno mostrato che solo nel 2022 sono stati segnalati oltre 190 decessi per arresti cardiaci o altri fattori negli atleti attuali ed ex.

Questo non include le morti di atleti con status vaccinali sconosciuti e quelli i cui nomi non sono arrivati nei media.

McCullough ha detto che guardando i dati, “non c’è dubbio”, che le morti cardiache improvvise sono aumentate dopo le vaccinazioni.

Tuttavia, poiché la maggior parte delle morti cardiache improvvise nei media sono di giocatori professionisti competitivi, McCullough ha aggiunto che la raccolta di dati dagli atleti nei college, nelle scuole superiori e in altri campionati internazionali darebbe un quadro più completo.

Ha indicato gli studi che hanno mostrato un elevato aumento della miocardite dopo le vaccinazioni COVID-19.

Prima della pandemia, uno studio del 2017 in Finlandia ha rilevato che i tassi di miocardite erano 19,5 per milione per i bambini di età pari o inferiore a 15 anni. Un altro studio giapponese del 2012 sui ricoveri pediatrici ha riportato tassi ancora più bassi di 2,6 casi per milione nei bambini di età compresa tra 1 mese e 17 anni.

Nei dati rilasciati dai Centers for Disease Control (CDC) and Prevention nel giugno 2021 (pdf), i ricercatori si aspettavano che i tassi di miocardite nei maschi vaccinati di età compresa tra 12 e 17 anni fossero di 63 casi per milione. Entro l’anno successivo, i ricercatori del CDC hanno notato che i numeri di miocardite nei giovani maschi stavano superando i tassi di fondo (pdf).

Uno studio condotto da ricercatori del Kaiser Permanente (pdf), pubblicato nell’agosto 2022, ha stimato che la miocardite sarebbe di 186 casi su un milione, dopo una seconda dose di vaccino in bambini di età compresa tra 12 e 17 anni. Nei maschi, questo numero è stato portato a 377 casi su un milione.

Tuttavia, in studi prospettici, uno studio tailandese ha rilevato che il 2,3% dei bambini che hanno ricevuto due dosi di mRNA ha avuto una lesione cardiaca. Un altro studio ha valutato 777 operatori sanitari che sono stati potenziati e il 2,8% ha riportato una lesione cardiaca.

Ciò significa che se i risultati vengono estrapolati, circa 25.000 persone per milione potrebbero soffrire di lesioni cardiache dopo due o tre dosi di vaccinazioni COVID-19, secondo McCullough.

“Sono molto preoccupato”, ha detto McCullough, “Questo è un problema di salute pubblica. Penso che spetti alle persone rivelare lo stato del vaccino”.

“Vediamo i rapporti di personaggi pubblici o atleti uno dopo l’altro, che muoiono improvvisamente, senza alcuna spiegazione. Spetta alle famiglie, al personale medico, ai medici e ai giornalisti rivelare lo stato del vaccino. Sono vaccini sperimentali e sono collegati alla morte in studi peer-reviewed”.

Uno studio autoptico tedesco ha valutato 25 persone che sono morte inaspettatamente entro 20 giorni dalla vaccinazione. Quattro degli individui sono stati trovati con miocardite senza alcun altro segnale di malattia che potrebbe aver causato la morte inaspettata.

Gli autori hanno concluso che i loro studi autoptici indicavano che le morti erano dovute a insufficienza cardiaca e che la miocardite potrebbe essere “una complicanza potenzialmente letale dopo la vaccinazione anti-SARS-CoV-2 basata su mRNA”.

Va inoltre notato che eventi di miocardite sono stati segnalati anche in pazienti COVID-19 non vaccinati nel 2020 e gli studi hanno dimostrato che il virus può causare danni cardiaci. Ma è discutibile se le lesioni cardiache che i pazienti sperimentano sono causate da miocardite o altri motivi.

Uno studio pubblicato nell’aprile 2022 ha rilevato che gli aumenti di miocardite e pericardite sono statisticamente insignificanti tra gli individui non vaccinati dopo l’infezione da COVID. I ricercatori hanno valutato circa 197.000 pazienti non vaccinati e ci sono stati rispettivamente 9 e 11 casi di miocardite e pericardite.

Uno studio francese che ha monitorato gli arresti cardiaci negli atleti pre-pandemia dal 2005 al 2018 ha anche rilevato che il tasso di arresti cardiaci nello sport è rimasto costante, mentre la sopravvivenza di questi eventi è aumentata grazie all’aiuto degli astanti.

lettera peer-reviewed: n.b. è una procedura di selezione di articoli, proposti da membri della comunità scientifica, eseguita da specialisti nell’ambito in questione (i cosiddetti referee) che ne valuteranno il contenuto e stabiliranno se il lavoro a loro sottoposto è idoneo per la pubblicazione. Cosa significa “idoneo”? L’esperimento descritto deve seguire correttamente il metodo scientifico e vi deve essere coerenza tra premesse, svolgimento e risultato finale. I revisori stabiliranno, quindi, se lo scritto ricevuto dall’editore per la valutazione è da accettare, da modificare ulteriormente per poter essere accettato, o da rigettare.