Pnrr: ok da giunta capitolina a bandi per efficientamento energetico 10 teatri e cinema

Interventi per 4,25 mln, Gualtieri: “Rilanciamo e ammoderniamo cinema e teatri pubblici”; Gotor: “Occasione imperdibile”.

alternate text
Fotogramma

Realizzare importanti lavori di efficientamento energetico delle sale di cinema e teatri pubblici della Capitale grazie ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) per contribuire al loro rilancio, diminuendo i costi di gestione e ammodernando le strutture per renderle più attrattive per il pubblico. È l’obiettivo della delibera approvata oggi dalla Giunta capitolina su proposta dell’assessore alla Cultura, Miguel Gotor. Il provvedimento autorizza l’amministrazione a partecipare a un avviso pubblico del Ministero della Cultura finanziato con 200 milioni di euro di fondi del Pnrr, presentando progetti – per complessivi 4,25 milioni – di rigenerazione energetica, promozione dell’ecoefficienza e riduzione dei consumi per 12 sale di 10 cinema e teatri pubblici di Roma, ossia il Nuovo Cinema Aquila, la Casa del Cinema e i teatri: dell’Opera, Argentina, India (Sala A e Sala B), Quarticciolo, Tor Bella Monaca (Sala grande e Sala piccola), del Lido, Globe Theatre e Torlonia.

“Intendiamo rilanciare e ammodernare i cinema e teatri pubblici” ha spiegato il Sindaco Roberto Gualtieri. “Con la delibera approvata oggi portiamo avanti progetti per interventi di efficientamento energetico concreti e sostenibili, capaci di sfruttare i fondi del Pnrr. Vogliamo rispondere a quella domanda di innovazione e di aggregazione sociale che viene dalla città – ha concluso il primo cittadino – investendo sull’offerta culturale e sulla sicurezza e l’efficienza di tante strutture di Roma, come già fatto per le biblioteche”.

“I teatri e i cinema – ha commentato l’assessore Miguel Gotor – sono luoghi di cultura di primaria importanza ma sono anche fondamentali luoghi di aggregazione sociale e di incontro tra le generazioni. Migliorare l’efficienza energetica delle sale significa, per queste strutture, avere nuove e concrete prospettive di futuro perché non solo verranno abbattuti significativamente i loro costi, tra climatizzazione, illuminazione e sicurezza, ma anche perché questo contribuirà a renderle più moderne e all’altezza di quanto richiede il pubblico. Anche in questo ambito quella offertaci dal Pnrr è un’occasione imperdibile”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.