Medico della Florida: le famiglie che danno l’ivermectina ai propri cari con COVID-19 negli ospedali vedono miglioramento

Un medico della Florida afferma che le famiglie dei propri cari ricoverati in ospedale con COVID-19 stanno ricorrendo a misure disperate quando i trattamenti approvati hanno fallito.

E quando non è troppo tardi, alcuni hanno visto un enorme successo intrufolando farmaci proibiti dagli ospedali ai pazienti, dice Eduardo Balbona, un internista indipendente a Jacksonville. Eduardo Balbona, MD, ha completato la formazione specialistica in medicina interna presso il National Naval Medical Center e ha prestato servizio come medico presso il Campidoglio degli Stati Uniti, prendendosi cura di senatori, membri del Congresso e giudici della Corte Suprema. (Eduardo Balbona, M.D.)

Ha aiutato dozzine di pazienti gravemente malati a riprendersi usando ivermectina e altri farmaci e integratori non ufficialmente approvati nel trattamento di COVID-19, dice.

Gli ospedali ricevono pagamenti dal governo federale per il trattamento di pazienti con COVID-19. Ma tali pagamenti sono legati al loro uso solo di trattamenti approvati, come delineato nel CARES Act. Quando non c’è più nulla da provare in base a quei protocolli, le famiglie cercano naturalmente alternative, dice Balbona, spesso imparando a conoscere i trattamenti propagandati da medici indipendenti in tutto il paese.

Sperando di provare qualcosa che potrebbe funzionare, le famiglie di tutto il paese hanno intentato cause legali chiedendo ai giudici di intervenire.

In alcuni casi, i giudici hanno ordinato agli ospedali di consentire l’uso di altri trattamenti, come l’ivermectina. Alcuni di questi pazienti gravemente malati sono guariti. In altri casi, i giudici si sono schierati con gli ospedali e hanno rifiutato le richieste delle famiglie di provare.

Nel frattempo, medici indipendenti come Balbona guardano impotenti, sentendo che quando le famiglie chiedono, dovrebbero essere autorizzati a provare farmaci che credono possano trasformare i pazienti in condizioni critiche. Ma i medici indipendenti hanno spesso privilegi ospedalieri limitati e possono essere banditi dal vedere i propri pazienti in alcuni ospedali.

Foto di Epoch Times
Eduardo Balbona, MD, ha completato la formazione specialistica in medicina interna presso il National Naval Medical Center e ha prestato servizio come medico presso il Campidoglio degli Stati Uniti, prendendosi cura di senatori, membri del Congresso e giudici della Corte Suprema. (Eduardo Balbona, M.D.)

Questo è stato il caso di recente per Balbona, che è stato contattato da una moglie preoccupata dopo aver letto su The Epoch Times del suo coinvolgimento nella causa di un’altra famiglia che cercava di provare le sue raccomandazioni.

Sulla base di ciò che la donna gli ha detto, Balbona ha detto che sentiva fortemente che suo marito poteva riprendersi se trattato con il regime che prescrive per i pazienti COVID-19 gravemente malati. Il protocollo di trattamento che segue, con lievi modifiche in base alle esigenze di ciascun paziente, è stato sviluppato dalla Front Line COVID-19 Critical Care Alliance.

“Il marito era molto malato”, ha detto Balbona. “Ha 50 anni, un ragazzo molto forte. Mi ha chiamato disperato perché gli hanno dato remdesivir [in ospedale] e lei li ha fatti smettere, e lui ha iniziato a peggiorare sempre di più. E la sua domanda di ossigeno è aumentata”.

Quando chiamò Balbona per chiedere aiuto, suo marito aveva bisogno di 60 litri di ossigeno al minuto. È troppo alto da gestire a casa, anche con attrezzature mediche noleggiate, ha detto Balbona.

“Se riesci a ridurli a 40 o 50 [litri al minuto] puoi fare ossigeno ad alto flusso a quel livello”, ha detto Balbona a The Epoch Times. “Questo è un sacco di ossigeno.”

Ha detto che ha promesso che ci avrebbe provato se suo marito fosse migliorato abbastanza da tornare a casa. E poi si occupava di gestire le sue cure. Nel frattempo, ha detto, le ha dato delle prescrizioni, in modo che potesse raccogliere i farmaci di cui avrebbe avuto bisogno a casa. Era un venerdì.

In seguito apprese che aveva riempito le prescrizioni, portato i farmaci in ospedale e li aveva dati a suo marito. Martedì, l’uomo è stato dimesso e ha seguito pienamente il protocollo prescritto da Balbona. Pochi giorni dopo, era fuori dall’ossigeno. Ora si sta riprendendo, ha detto Balbona. Ma hanno paura di condividere pubblicamente le loro buone notizie.

Foto di Epoch Times
Un operatore medico cura un paziente non Covid-19 nel reparto di terapia intensiva presso l’UMass Memorial Medical Center di Worcester, nel Massachusetts, il 4 gennaio 2022. (JOSEPH PREZIOSO/AFP via Getty Images)

“Le persone che si intrufolano nell’ivermectina… sono spaventati a morte”, ha detto Balbona. “È sicura che il governo scoprirà chi è” e forse la arresterà per aver dato farmaci non approvati dall’ospedale.

Ha detto che lei gli ha detto: “L’ho fatto. Sapevo che era sbagliato. Non so quali siano le sanzioni. Che cosa potevano farmi?”

E questo è il vero crimine, crede Balbona.

Nel New Hampshire, i legislatori stanno ora prendendo in considerazione una legislazione che renderebbe lo stato il primo nel paese a rendere l’ivermectina disponibile come medicinale da banco e sanzionarla come trattamento protetto per COVID-19. Disegni di legge simili in altri tre stati hanno fallito.

Lo sponsor del disegno di legge, la deputata Leah Cushman (R) è un’infermiera registrata, che ha dichiarato a The Epoch Times: “Non ho assolutamente alcun dubbio che le vite saranno salvate se l’ivermectina di grado umano fosse disponibile per i pazienti COVID”.

Due medici hanno testimoniato sulla sua proposta di legge, avvertendo che la legislazione potrebbe portare a pericolosi effetti collaterali per le persone che usano il farmaco. Ma Cushman crede che avrà i voti per mantenere il disegno di legge in movimento verso la legge.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti non ha approvato l’uso dell’ivermectina come trattamento per COVID-19, sebbene il farmaco sia usato negli esseri umani per trattare una varietà di condizioni.

Una pagina web della FDA che avverte contro l’uso di ivermectina per COVID-19 menziona anche che sono in corso studi clinici che lo indagano come trattamento.

La FDA non ha risposto a una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) che chiedeva dettagli su eventuali segnalazioni di effetti collaterali correlati all’uso di ivermectina – formulazioni per animali e umani – per il trattamento di COVID-19. L’agenzia inoltre non ha risposto a una richiesta FOIA di dettagli sugli studi clinici e quando il farmaco potrebbe raggiungere la fase in cui il suo uso ai sensi del Right To Try Act potrebbe essere consentito.

Gli studi sulla sicurezza e l’efficacia dell’uso di ivermectina nel trattamento per COVID-19 hanno portato tutti o parte dei 22 paesi ad approvarne l’uso. Ma negli Stati Uniti, i medici che si affidano ai pagamenti dei Centers for Medicare & Medicaid Services non sono autorizzati a usarlo.

Quando Balbona ha sentito parlare della proposta di legge, ha immediatamente chiamato due senatori statali e due avvocati che sono pazienti, suggerendo di proporre una legislazione simile in Florida. I legislatori della Florida sono attualmente in sessione a Tallahassee fino all’11 marzo.

“Se riusciamo a ottenere una legislazione che dica: ‘Lascia che il medico faccia ciò che pensa sia meglio’, penso che sarebbe meraviglioso”, ha detto Balbona. “Se il New Hampshire può farlo, perché non possiamo farlo noi?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.