Lufthansa Swiss aveva sospeso i dipendenti non vaccinati. Ora si trova in forte crisi. Boom di piloti ammalati e voli cancellati per Natale

Ad agosto Lufthansa Swiss aveva imposto l’obbligo del vaccino covid a tutto il personale di volo.

Nel comunicato della compagnia aerea, si segnalava che senza un obbligo di vaccinazione per tutto il personale di cabina la pianificazione dei programmi di volo sarebbe risultato molto difficile. Singole destinazioni e regioni avrebbero potuto non essere più essere servite, con un conseguente significativo ridimensionamento del sistema degli hub.

“Per poter mantenere in futuro la nostra rete di rotte in tutto il mondo e per adempiere al nostro dovere di protezione nei confronti dei nostri dipendenti, è importante intraprendere ora le misure necessarie”, disse il CEO di Lufthansa Swiss Dieter Vranckx.

Nei giorni scorsi, però, un portavoce ha ammesso che la società si trova “a corto di membri d’equipaggio”, sia per le numerose richieste di prepensionamento dopo l’introduzione dell’obbligo e sia perchè oltre 200 dipendenti si oppongono al vaccino.

La carenza di personale di volo è esplosa negli ultimi giorni con numerosi piloti che si sono ammalati.

Un comunicato riporta: “poiché un certo numero di piloti ha riferito di essersi ammalati, alcuni voli intercontinentali verranno cancellati durante il periodo natalizio. Dal 23 al 26 Dicembre il focus principale sarà sui collegamenti attraverso il Nord Atlantico, sui quali entro domenica dovrebbero essere cancellati un totale di sei voli a lungo raggio. È in questa zona di traffico che i passeggeri possono essere riprenotati più facilmente. Cancellato anche il volo di ritorno per il Giappone. “Abbiamo programmato con una riserva molto grande. Ma questo non è abbastanza per il tasso di malattia estremamente alto“, ha affermato un portavoce di Lufthansa”.

Lufthansa ha cancellato, in totale, dozzine di voli a lungo raggio nel periodo natalizio perché troppi piloti hanno riferito di essersi ammalati contemporaneamente. Inoltre, il gruppo ha annunciato giovedì che ridurrà significativamente il suo programma nel nuovo anno a causa della mancanza di domanda. Nel programma dei voli invernali, ogni decimo volo pianificato sarà cancellato e un totale di 33.000 voli saranno cancellati, ha annunciato il CEO Carsten Spohr.

Lufthansa non è sola a soffrire della carenza di personale. Anche la compagnia aerea scandinava SAS ha annunciato nei giorni scorsi di dover cancellare i voli. Martedì scorso, SAS ha cancellato poco più di 30 voli in Svezia, Danimarca e Norvegia. Mercoledì, SAS ha cancellato nove partenze dall’aeroporto di Arlanda a Stoccolma, comprese Parigi, Oslo e Malmö. Giovedì sono cancellate quattro partenze dall’aeroporto di Arlanda. ”Abbiamo un aumento generale dei congedi per malattia proprio come nel resto della società con il personale che è malato o ha qualcuno in famiglia che è malato, e questa è la spiegazione“, afferma Freja Annamatz, responsabile stampa di SAS. 

Tra il 24 e il 25 dicembre sono stati cancellati più di 3000 voli in tutto il mondo. Secondo il sito web FlightAware, le compagnie aeree hanno cancellato 2.325 voli solo alla vigilia di Natale e più di 8.000 voli in più sono partiti in ritardo. Altri 1.400 voli sono stati cancellati il ​​25 dicembre. 

Un quarto dei voli cancellati alla vigilia di Natale sono stati negli Stati Uniti. Le compagnie aeree contattate hanno spiegato le cancellazioni dei voli con le segnalazioni di malattie legate al coronavirus. United Airlines ha dovuto cancellare più di 170 voli, quindi circa il 9% dei voli pianificati. “L’aumento del numero di casi di Omicron a livello nazionale questa settimana ha avuto un impatto diretto sui nostri equipaggi e su tutti i nostri dipendenti”, ha affermato United.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.