L’Ucraina è pronta a discutere di neutralità, dice Zelensky

Il presidente ucraino afferma che Kiev è stata lasciata a se stessa poiché la NATO ha “paura” di darle garanzie

L'Ucraina è pronta a discutere di neutralità, dice Zelensky

Accusando l’Occidente di lasciare l’Ucraina per affrontare Mosca da solo, venerdì il presidente Volodymyr Zelensky ha affermato di non aver paura di negoziare la fine dell’ “invasione russa”, ma di aver bisogno di garanzie di sicurezza per farlo.

Parlando nelle prime ore del mattino da Kiev, Zelensky ha affermato di aver contattato i “partner” in Occidente per dire loro che era in gioco il destino dell’Ucraina.

“Ho chiesto loro: siete con noi?” disse Zelensky. “Hanno risposto che sono con noi, ma non vogliono portarci nell’alleanza. Ho chiesto a 27 leader europei se l’Ucraina sarà nella NATO, l’ho chiesto direttamente a loro: tutti hanno paura e non hanno risposto”. 

“Siamo stati lasciati soli. Chi è pronto ad andare in guerra per noi? Sinceramente non vedo nessuno. Chi è pronto a dare all’Ucraina garanzie di adesione alla NATO? Onestamente, tutti hanno paura”, ha aggiunto il presidente.

La Russia ha inviato truppe in Ucraina giovedì, con il presidente Vladimir Putin che ha dichiarato un’operazione militare speciale per “smilitarizzare e denazificare” il paese. Da allora Mosca ha detto a Kiev che avrebbe preso in considerazione la possibilità di negoziare con il governo Zelensky se avesse accettato di discutere, tra le altre cose, dello status di neutralità per il paese.

In un discorso di venerdì, Zelensky si è detto disponibile a parlare della possibilità di uno status neutrale per l’Ucraina, ma ha insistito sul fatto che il suo paese ha bisogno di garanzie di terze parti. 

“Non abbiamo paura della Russia, non abbiamo paura di parlare con la Russia, di parlare di tutto: garanzie di sicurezza per il nostro Paese e uno status neutrale. Ma ora non siamo nella NATO: quali garanzie di sicurezza avremo? Quali paesi li daranno?” ha detto, prima di aggiungere che dovrebbero esserci colloqui per porre fine all’offensiva militare russa.

Giovedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che “lo stato neutrale e il rifiuto di ospitare sistemi d’arma [offensivi]” sono le “linee rosse” di Putin per l’Ucraina e che la palla era ora nel campo di Kiev. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.