L’efficacia del vaccino COVID-19 precipita contro omicron: dati CDC

IMMOKALEE, FLORIDA – MAY 20: A healthcare worker prepares Moderna COVID-19 vaccines at a clinic set up by Healthcare Network on May 20, 2021 in Immokalee, Florida. The Healthcare Network set up the vaccination site for particularly hard-to-reach populations, including seasonal farmworkers and people with limited proficiency in English. Immokalee sees a large seasonal surge of farmworkers for the winter harvest. (Photo by Joe Raedle/Getty Images)

L’efficacia del vaccino COVID-19 per tutte le fasce d’età è stata molto peggiore contro le varianti del virus Omicron rispetto ai ceppi precedenti, in particolare le sottovarianti attualmente dominanti, secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDCpresentati il 1 ° settembre.

I dati, molti dei quali non sono stati precedentemente pubblicati, mostrano che la protezione contro l’infezione sintomatica e la malattia grave non è così forte contro Omicron, emerso nel dicembre 2021, e le sue sottovarianti.

I dati del CDC’s Increasing Community Access to Testing, un programma di test gratuito, hanno mostrato che l’efficacia del vaccino per un richiamo rispetto a una serie primaria contro l’infezione sintomatica è diminuita rapidamente in tutte le fasce d’età, andando sotto il 50% entro due mesi e diventando negativa intorno ai sei mesi.

Una quarta dose, o secondo richiamo, ha aumentato la protezione, ma la schermatura è scesa rapidamente a meno del 40%, secondo le stime per quelli di 50 anni e più.

Le stime tratte dalla rete VISION del CDC hanno mostrato che le visite al pronto soccorso e alle cure urgenti sono aumentate nel tempo per i vaccinati, con stime di efficacia del vaccino aggiustate per i bambini dai 5 agli 11 anni che sono scese al 18% 150 giorni o più dopo il secondo colpo da solo il 51% 14 a 59 giorni dopo una serie primaria.

Per i giovani dai 12 ai 15 anni, l’efficacia è passata dal 60% a solo il 14% nello stesso periodo di tempo dalla vaccinazione.

I modelli mostrano che l’efficacia del vaccino stava “diminuendo sostanzialmente”, ha detto la scienziata del CDC Ruth Link-Gelles mentre presentava i dati al comitato consultivo sui vaccini dell’agenzia.

I dati di un altro sistema, Cosmos, hanno stimato l’efficacia del vaccino contro le visite al pronto soccorso e alle cure urgenti tra i bambini dai 5 agli 11 anni al 48% dopo una seconda dose, con la protezione che scende all’11% ma sale al 52% con un richiamo.

I bambini di età compresa tra 12 e 15 anni avevano una protezione migliore all’inizio, il 65%, ma la schermatura è scesa al 21% dopo 120 o più giorni. Un booster ha ripristinato parte della protezione, ma 120 o più giorni dopo il booster, la protezione è scesa al 18%.

La protezione contro l’ospedalizzazione erode

Negli ultimi mesi, due sottovarianti di Omicron, BA.4 e BA.5, hanno sempre più spostato altri ceppi virali.

I dati tratti da quei mesi indicano che la protezione conferita dal vaccino era peggiore durante quel periodo.

Gli adulti designati come immunocompetenti – una popolazione raggiunta escludendo gli immunocompromessi – avevano solo il 44% di protezione contro le visite al pronto soccorso e alle cure urgenti durante il periodo in cui BA.4 e BA.5 erano dominanti, secondo i dati di VISION. Quel periodo di tempo è iniziato a metà giugno.

La protezione è scesa al 26% dopo 150 o più giorni.

Un colpo di richiamo ha aumentato la schermatura al 59%, ma la protezione è scesa al 33% dopo 120 o più giorni. Le stime per un secondo booster non sono state conclusive a causa del follow-up limitato, secondo Link-Gelles.

Anche la protezione contro il ricovero in ospedale è diminuita durante il periodo BA.4 / Ba.5, secondo i dati di VISION. Gli adulti immunocompetenti avevano solo il 25% di protezione contro il ricovero in ospedale 150 o più giorni dopo una seconda dose, e un richiamo lo ha aumentato solo al 49%. Inoltre, coloro che hanno ricevuto un booster 120 o più giorni prima avevano solo il 34% di protezione.

Una quarta dose ha aumentato la protezione al 60% e quella protezione è diminuita più lentamente, secondo le stime preliminari.

Altri dati dell’efficacia del vaccino antinfluenzale del CDC nella rete Critically Ill, hanno ancorato l’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione tra gli adulti immunocompetenti al 62% da una serie primaria, ma solo al 33% dopo 150 o più giorni.

Un booster ha aumentato la protezione al 77%, ma questo è sceso al 36% dopo 120 o più giorni.

Una quarta dose ha spostato la protezione al 62% da 7 a 120 giorni dopo il secondo richiamo per gli adulti di età pari o superiore a 50 anni.

Le stime per gli adulti immunocompromessi erano disponibili solo per tre dosi, o una serie primaria e un richiamo. Hanno stimato l’efficacia al 66% dopo un terzo colpo. La schermatura è scesa al 37% dopo oltre 120 giorni.

I booster aggiornati sono stati autorizzati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti questa settimana. I regolatori hanno detto che i booster, che mirano a BA.4 e BA.5, sostituiranno i booster che erano in circolazione dal 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *