Le autopsie mostrano che la vaccinazione COVID-19 probabilmente ha causato un’infiammazione cardiaca fatale: studio

di Zachary Stieber ·a cura di Epoch Times

Un grave effetto collaterale legato ai vaccini COVID-19 può portare alla morte, secondo un nuovo studio.

La miocardite post-vaccinazione, una forma di infiammazione cardiaca, è stata identificata in un sottogruppo di persone morte “inaspettatamente” a casa entro 20 giorni dalla ricezione di un vaccino COVID-19. I ricercatori hanno analizzato le autopsie che erano state eseguite sulle persone e hanno condotto ulteriori ricerche, incluso lo studio di campioni di tessuto.

I ricercatori hanno iniziato con un gruppo di 35, ma ne hanno esclusi 10 da ulteriori analisi perché sono state identificate altre cause di morte. Dei restanti 25, i ricercatori hanno identificato prove di miocardite in cinque.

Tutte e cinque le persone hanno ricevuto un vaccino Moderna o Pfizer entro sette giorni dalla loro morte, con una media di 2,5 giorni. L’età media della popolazione era di 58 anni. Nessuna delle persone ha avuto un’infezione da COVID-19 prima di essere vaccinata e i tamponi nasali sono risultati negativi.

I risultati dell’autopsia combinati con la mancanza di prove di altre cause di morte e di come la vaccinazione sia avvenuta poco prima delle morti hanno permesso ai ricercatori di dire che per tre dei casi, la vaccinazione era la “probabile causa” della miocardite e che la condizione cardiaca “era la causa della morte improvvisa”.

In uno degli altri casi, si credeva che la miocardite fosse la causa della morte, ma i ricercatori hanno rilevato un virus dell’herpes, una spiegazione alternativa per l’incidenza dell’infiammazione cardiaca. Il caso rimanente non includeva una spiegazione alternativa per la miocardite, ma i ricercatori hanno detto che l’impatto dell’infiammazione era “discreto e osservato principalmente nel grasso pericardico”. Hanno classificato i due casi come possibilmente causati dalla vaccinazione.

“In generale, un nesso causale tra miocardite e vaccinazione anti-SARS-CoV-2 è supportato da diverse considerazioni”, hanno detto i ricercatori, tra cui la “stretta relazione temporale con la vaccinazione”; “l’assenza di qualsiasi altra malattia cardiaca preesistente significativa”; e il test negativo per eventuali “agenti infettivi che causano miocardite”.

Le limitazioni includevano la piccola dimensione della coorte.

Lo studio (pdf) è stato pubblicato da Clinical Research in Cardiology il 27 novembre. I ricercatori lavorano tutti per l’ospedale universitario di Heidelberg. Sono stati finanziati dalle autorità tedesche.

Moderna e Pfizer non hanno risposto alle richieste di commento.

La meticolosa esclusione di possibili cause oltre alla vaccinazione segnala che i casi sono “la punta dell’iceberg”, ha detto a The Epoch Times il dottor Andrew Bostom, un esperto di cuore con sede nel Rhode Island.

“Se c’è una persona apparentemente sana che muore improvvisamente nel sonno, in sostanza, questi sono in genere i casi che vengono sottoposti ad autopsia, e chiaramente il risultato più comune è una qualche forma di malattia coronarica aterosclerotica. Ma fondamentalmente lo hanno escluso in questi casi. E poi hanno escogitato la causa più plausibile prossima è la vaccinazione “, ha detto. “E quindi suggerisce che il fenomeno potrebbe effettivamente essere più ampio di quanto si sospettasse”.

Miocardite

La miocardite è una grave condizione cardiaca che può manifestarsi come dolore toracico e in genere porta il malato a cercare cure ospedaliere.

I medici di solito sconsigliano tutta o la maggior parte dell’attività fisica per un periodo di tempo.

Le cause includono batteri, virus e febbre.

La miocardite acuta si risolve in circa la metà dei casi nelle prime due o quattro settimane, hanno scoperto i ricercatori, ma un altro quarto presenta problemi a lungo termine e molti degli altri portano alla morte o al trapianto di cuore.

L’incidenza della miocardite tra i destinatari del vaccino COVID-19 era più alta del previsto, hanno scoperto i ricercatori negli Stati Uniti, in Israele e in altri paesi. I tassi più alti sono stati rilevati nei giovani, in particolare nei giovani maschi.

Le stime dei tassi di incidenza tipica della miocardite sono da 0,2 a 2,2 per milione di persone entro sette giorni. Le segnalazioni al Vaccine Adverse Event Reporting System mostrano tassi più elevati per i maschi di età compresa tra 5 e 49 anni e le femmine di età compresa tra 12 e 29 anni. Il tasso più alto è stato di 75,9 per milione di seconde dosi somministrate. I rapporti al sistema non dimostrano la causalità, ma il sistema soffre di una grave sottostima, secondo gli studi, indicando che i tassi sono ancora più alti.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) continuano a raccomandare la vaccinazione praticamente per tutte le persone di età pari o superiore a 6 mesi, affermando che i benefici dei vaccini superano i rischi. Alcuni esperti non sono d’accordo, dicendo che gli effetti collaterali come la miocardite inclinano il calcolo verso i rischi più alti in alcune fasce d’età.

I funzionari governativi hanno ripetutamente affermato che la maggior parte dei casi di miocardite si risolve in poche settimane, ma i ricercatori del CDC hanno scoperto a settembre che molti giovani che hanno sperimentato la miocardite post-vaccinazione avevano ancora risultati anormali della risonanza magnetica mesi dopo.

L’incidenza è stata molto più bassa tra le persone anziane, secondo le autorità statunitensi, che hanno rifiutato di rendere pubblici i risultati dell’autopsia delle persone che muoiono dopo la vaccinazione e vari studi.

Il nuovo studio “suggerisce che abbiamo perso alcuni gravi casi di miocardite nei nostri studi”, ha detto su Twitter il dottor Tracy Høeg, epidemiologo che consiglia il Dipartimento della Salute della Florida.

Causalità

Diversi vaccini sono stati collegati alla miocardite e ad una condizione correlata, la pericardite. Sono prodotti da Moderna e Pfizer e sono i due più ampiamente somministrati negli Stati Uniti e in Germania.

Entrambi i vaccini utilizzano la tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA).

Causalità significa che un vaccino causa una condizione.

I migliori ricercatori del CDC hanno detto (pdf) che le prove attuali mostrano un nesso causale tra i colpi di mRNA e l’infiammazione cardiaca. Anche altri ricercatori hanno raggiunto questa conclusione.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti avverte i potenziali destinatari del vaccino che “i dati post-marketing dimostrano un aumento dei rischi di miocardite e pericardite, in particolare entro 7 giorni dalla seconda dose”.

Bostom ha detto che le prove che ha esaminato mostrano un nesso causale.

“È certo come la maggior parte delle associazioni che diciamo sono confermate in medicina”, ha detto.

Alcuni studi hanno identificato COVID-19 come un’altra causa di miocardite e pericardite, ma altri hanno indicato che potrebbe non essere associato.

Altri risultati dell’autopsia

Prima dello studio tedesco, altri ricercatori in tutto il mondo avevano riportato i risultati di autopsie di persone morte improvvisamente dopo la vaccinazione.

Nel 2021, i ricercatori statunitensi hanno riferito che due adulti hanno sviluppato miocardite entro due settimane dalla vaccinazione COVID-19 e non sono stati in grado di trovare cause diverse dalla vaccinazione.

Nel 2021, i ricercatori della Corea del Sud hanno riferito che dopo aver esaminato la morte di un uomo di 22 anni morto cinque giorni dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer, hanno determinato che la causa principale era “miocardite, causalmente associata” al vaccino.

A gennaio, i ricercatori neozelandesi hanno riferito che il vaccino Pfizer era probabilmente responsabile di un’improvvisa miocardite che ha portato alla morte di una donna di 57 anni, scrivendo che “altre cause sono state scartate con ragionevole certezza”.

A febbraio, i ricercatori di diversi stati degli Stati Uniti hanno riferito che due adolescenti morti poco dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer hanno avuto un’infiammazione cardiaca e che l’infiammazione è stata la causa principale della morte.

A maggio, i ricercatori del CDC hanno riferito che un ragazzo è morto dopo aver sperimentato un’infiammazione cardiaca post-vaccinazione, con la miocardite ancorata come causa della morte.

A settembre, un ricercatore tedesco ha riferito che un 55enne morto quattro mesi dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer è morto di miocardite e ha affermato che “questi risultati indicano che la miocardite, così come gli eventi tromboembolici a seguito dell’iniezione di vaccini basati su geni che inducono picchi, sono causalmente associati a una risposta immunologica dannosa all’agente codificato”.

E proprio di recente, i ricercatori giapponesi hanno riportato i risultati di un uomo di 27 anni che è morto 28 giorni dopo il ricovero dopo la vaccinazione.