L’assessore Onorato: «Subito un tavolo con il governo, Roma non sia lasciata sola»

Alessandro Onorato, assessore ai Grandi Eventi, Sport e Turismo di Roma, Roma è in grande difficoltà, di che cosa ha bisogno?
«Serve coraggio e dire chiaramente che Roma da sola non ce la fa, il settore turistico è in ginocchio. Deve intervenire il Governo. Mentre il Paese vive un grande boom economico, che non vedevamo dagli anni ’60, a pagare la crisi sono le grande città d’arte: Roma più di tutti».
In che condizioni sono gli alberghi?
«Stanno subendo una perdita di fatturato dell’85-90%. Consideriamo che solo nei prossimi giorni rischiano di perdere il posto di lavoro circa 8mila persone. Per ogni albergo che chiude si ferma tutto l’indotto che va dalle lavanderie alle pulizie, dai taxi agli ncc, dai tour operator alle guide turistiche. Tra qualche giorno chiuderà l’hotel Cicerone, una strada purtroppo già percorsa da Sheraton e Majestic per un totale di 211 posti di lavoro persi nelle due strutture».
Un duro colpo per l’economia della Capitale?
«Sì, in gioco c’è il tessuto economico romano, ci appelliamo al premier Draghi. Chiediamo un consiglio comunale straordinario con i ministri al turismo e al lavoro per capire insieme come arginare i prossimi licenziamenti e come rilanciare il turismo della Capitale appena superata la pandemia».
Ci sono i fondi?
«I 700milioni di euro messi in manovra dal governo devono servire per il blocco dei licenziamenti e il sostegno agli alberghi e all’indotto nelle città d’arte a iniziare da Roma. E poi servono fondi speciali per evitare la svendita della città».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.