Il vaccino COVID-19 di Pfizer collegato alla coagulazione del sangue: FDA

Il vaccino COVID-19 di Pfizer è stato collegato alla coagulazione del sangue negli individui più anziani, secondo la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.

I ricercatori della FDA, elaborando i dati di un database di persone anziane negli Stati Uniti, hanno scoperto che l’embolia polmonare – coagulazione del sangue nei polmoni – ha raggiunto la soglia iniziale per un segnale statistico e ha continuato a soddisfare i criteri dopo una valutazione più approfondita.

Altri tre risultati di interesse – una mancanza di ossigeno al cuore, un disturbo piastrinico nel sangue chiamato trombocitopenia immunitaria e un altro tipo di coagulazione chiamato coagulazione intravascolare – inizialmente hanno sollevato bandiere rosse, hanno detto i ricercatori. Valutazioni più approfondite, come i confronti con le popolazioni che hanno ricevuto vaccini antinfluenzali, hanno mostrato che questi tre non soddisfano più la soglia statistica per un segnale.

I ricercatori hanno esaminato i dati relativi a 17,4 milioni di americani anziani che hanno ricevuto un totale di 34,6 milioni di dosi di vaccino tra il 10 dicembre 2020 e il 16 gennaio 2022.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Vaccine il 1 ° dicembre.

La FDA ha dichiarato che non stava intraprendendo alcuna azione sui risultati perché non dimostrano che i vaccini causano nessuno dei quattro risultati e perché i risultati “sono ancora in fase di indagine e richiedono uno studio più solido”.

Il dottor Peter McCullough, capo consulente medico della Truth for Health Foundation, ha dichiarato a The Epoch Times via e-mail che il nuovo documento “corrobora le preoccupazioni dei medici che il grande aumento dei coaguli di sangue, la progressione della cardiopatia aterosclerotica e le malattie del sangue sono indipendentemente associate alla vaccinazione COVID-19”.

Pfizer non ha risposto a una richiesta di commento.

Come è stata fatta la ricerca

I ricercatori della FDA, con l’assistenza dei ricercatori dei Centers for Medicare & Medicaid Services (CMS), hanno analizzato i dati del database CMS. Includevano beneficiari di Medicare Fee-for-Service di età pari o superiore a 65 anni che hanno ricevuto un vaccino entro il periodo di tempo, sono stati arruolati quando sono stati vaccinati e sono stati arruolati per una “finestra di tempo pulita” prima della vaccinazione. La finestra era di 183 giorni o 365 giorni, a seconda del risultato.

Circa 25 milioni di persone ricevono il Medicare Fee-for-Service, ma solo circa 17 milioni sono stati vaccinati durante il periodo di tempo studiato.

I ricercatori hanno utilizzato test probabilistici per rilevare un aumento del rischio di uno o più dei 14 esiti dopo la vaccinazione. L’obiettivo era vedere se la vaccinazione può aumentare il rischio di esiti avversi, come l’embolia polmonare o la coagulazione del sangue nei polmoni. Se un risultato raggiungeva una certa soglia statistica, ciò significava che poteva aumentare il rischio.

I risultati iniziali del monitoraggio della sicurezza hanno rilevato un aumento del rischio di quattro eventi, ha annunciato la FDA il 12 luglio 2021. Erano gli stessi quattro delineati nel nuovo documento, che è il primo aggiornamento che l’agenzia ha dato sulla questione dal suo annuncio.

A partire dal 15 gennaio 2022, sono stati rilevati 9.065 casi di mancanza di ossigeno al cuore, noto come infarto miocardico acuto, hanno rivelato i ricercatori nel nuovo studio. Alla stessa data, sono stati rilevati 6.346 casi di embolia polmonare, 1.064 casi di trombocitopenia immunitaria e 263 casi di coagulazione.

Foto Epoch Times
Una delle tabelle del nuovo documento.

L’analisi primaria ha mostrato un segnale di sicurezza per tutti e quattro gli esiti. I ricercatori hanno provato a regolare i numeri utilizzando diverse variabili. Ad esempio, a un certo punto si sono adeguati alla variazione dei tassi di fondo o ai tassi di ciascun risultato nella popolazione generale prima della pandemia. Dopo alcuni aggiustamenti, non tutti, l’infarto miocardico, la trombocitopenia immunitaria e la coagulazione intravascolare hanno cessato di essere statisticamente significativi.

L’embolia polmonare, tuttavia, ha continuato ad essere statisticamente significativa, hanno detto i ricercatori. L’embolia polmonare è una condizione grave che può portare alla morte.

I limiti dello studio includevano possibili falsi segnali e possibili segnali mancati a causa di fattori come i parametri specificati erroneamente.

Le condizioni che non hanno innescato un segnale includevano ictus, infiammazione cardiaca e appendicite.

I segnali sono stati rilevati solo dopo la vaccinazione Pfizer. Le analisi per i segnali dopo la ricezione dei vaccini Moderna e Johnson & Johnson non hanno mostrato alcuna preoccupazione.

Moderna e Johnson & Johnson non hanno risposto alle richieste di commento.

Effetti collaterali

Tutti e tre i vaccini sono stati collegati a una serie di effetti collaterali. L’infiammazione cardiaca è causalmente legata ai vaccini di Moderna e Pfizer, hanno confermato gli esperti di tutto il mondo, mentre Johnson & Johnson è stata associata a coaguli di sangue.

Altre condizioni, come l’embolia polmonare, sono state segnalate alle autorità e descritte negli studi, anche se alcuni documenti non hanno riscontrato alcun aumento del rischio dopo la vaccinazione.

Circa 4.214 segnalazioni di embolia polmonare post-vaccinazione, incluse 1.886 segnalazioni dopo aver ricevuto il vaccino di Pfizer, sono state segnalate al sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino degli Stati Uniti a partire dal 9 dicembre.

Alla stessa data, 1.434 segnalazioni di infarto miocardico post-vaccinazione, di cui 736 dopo aver ricevuto il vaccino di Pfizer; 469 segnalazioni di trombocitopenia immunitaria post-vaccinazione, di cui 234 dopo aver ricevuto il vaccino di Pfizer; e sono state segnalate 78 segnalazioni di coagulazione intravascolare post-vaccinazione, di cui 42 dopo aver ricevuto il vaccino di Pfizer.

I rapporti al sistema possono essere fatti da chiunque, ma la maggior parte sono presentati da operatori sanitari, mostrano gli studi. Il numero di segnalazioni è sottostimato, secondo gli studi.

Il nuovo studio afferma che la FDA “crede fermamente che i potenziali benefici della vaccinazione COVID-19 superino i potenziali rischi di infezione da COVID-19”. Nessuna prova è stata citata a sostegno della credenza.

La FDA si incontrerà con il suo comitato consultivo sui vaccini nel gennaio 2023 sul futuro dei vaccini COVID-19, poiché i vaccini hanno funzionato molto peggio contro Omicron e le sue sottovarianti.

McCullough ha dichiarato a The Epoch Times: “Un difetto del sistema di sorveglianza CMS è che non ha catturato l’infezione da SARS-CoV-2 precedente e successiva che accentua il rischio cumulativo di vaccinazione COVID-19. Dato il gran numero di individui che sono stati vaccinati, la frazione attribuibile alla popolazione dei problemi medici attribuiti ai vaccini è enorme. Sono preoccupato per il futuro onere per il sistema sanitario come conseguenza della vaccinazione indiscriminata di massa contro il COVID-19″.