Il Ministero della Verità di Biden

da National Review

All’inizio di questa settimana, il segretario del Dipartimento per la sicurezza interna Alejandro Mayorkas ha detto al Congresso che la sua agenzia sta creando un “Consiglio di governance della disinformazione” per combattere la “disinformazione” proveniente dalla Russia mentre ci avviciniamo alle elezioni di medio termine di quest’anno. Il nuovo Comitato per l’informazione pubblica dell’amministrazione Biden sarà guidato da Nina Jankowicz, “una borsista della disinformazione” che, perfettamente, arriva all’amministrazione da un think tank intitolato a Woodrow Wilson. Come Wilson, Mayorkas, lui stesso una fonte di falsità, non spiega sotto quale potere costituzionale propone di supervisionare il discorso.

Diventa noioso sottolinearlo, ma si può immaginare vividamente il tracollo termonucleare a cui il paese sarebbe (giustamente) sottoposto se un presidente repubblicano riunisse un gruppo governativo incaricato di eliminare la “disinformazione”. Con sgomento dei nostri tecnocrati, questa non è l’Europa, dove lo stato può dettare discorsi consentiti e talvolta arresta coloro che non si attengono. Qui, i cittadini sono quelli che chiamano lo stato per spacciare disinformazione, non il contrario.

La sinistra pro-censura, vale a dire la stragrande maggioranza dei democratici contemporanei, ora ha anche Barack Obama a bordo. L’ex campione neoliberista della libertà di parola – una libertà che ha usato aggressivamente per fuorviare il popolo americano quando serviva i suoi interessi di parte – ha affermato durante un recente discorso alla Stanford University che “la gente sta morendo” a causa della disinformazione. E, si sa, se la censura può salvare una vita…

In effetti, questi arbitri della verità non sono solo alcune delle stesse persone che sono andate in giro ripetendo ridicole cospirazioni sulle interferenze straniere per cinque anni; sono anche le stesse persone che hanno usato la minaccia della “disinformazione russa” per mentire e sopprimere le notizie che hanno minato le loro prospettive elettorali, come hanno fatto con la storia del laptop di Hunter Biden. (Quell’equipaggio, sarete sorpresi di apprendere, include Czarina Jankowicz.)

Mettendo da parte un uso così cinico della “disinformazione”, dovremmo davvero credere che un’amministrazione che ci dice a viso aperto che una spesa da 3,5 trilioni di dollari “costa zero dollari” o che mostrare un documento d’identità equivale a Jim Crow 2.0 o che il tuo sesso si basa interamente sulla tua percezione risolverà l’accuratezza della retorica? Jankowicz è stato assunto da un uomo che negli ultimi 50 anni è stato uno dei nostri fabulisti più divertenti.

La maggior parte delle aziende tecnologiche non offre diritti di libera associazione senza ostacoli. Spendono decine di milioni ogni anno a Washington in cerca di rendite e pressioni per regolamenti favorevoli e sono altamente suscettibili alle intimidazioni e alle minacce statali. Ricordiamo che Jen Psaki ha informato i media non molto tempo fa che la Casa Bianca stava “segnalando post problematici per Facebook che diffondevano disinformazione”. Oppure il direttore delle comunicazioni della Casa Bianca Kate Bedingfield sosteneva che le società di social media “dovrebbero essere ritenute responsabili” per le idee di coloro che usano le loro piattaforme. O il chirurgo generale statunitense Vivek Murthy che dice “noi” dobbiamo “sradicare” i discorsi fuorvianti. Ciò che il governo sostiene sia una teoria della cospirazione può essere una possibilità plausibile, come abbiamo appreso quando Facebook, per volere di funzionari governativi, ha vietato storie sulle origini cinesi del Covid. Anche se anche la vera disinformazione o “incitamento all’odio” non sono affare del governo. Se qualche fanboy di Putin vuole dirti che il giorno delle elezioni è il 20 novembre e che gli ebrei dovrebbero essere privati dei loro diritti di voto, è tua responsabilità ignorarlo, non è compito dello stato decidere che è inammissibile.

Mentre lo stato che mette un imprimatur sulla “verità” è pericoloso per la libertà, è anche ridicolo nella pratica. Come persona che giudica la verità, Jankowicz ha dimostrato di essere completamente inadeguato per il lavoro. Dal trattare il dossier Steele (disinformazione russa, a quanto pare) come un fatto (per non parlare di sbagliare le basi della storia) all’usare ripetutamente la sua posizione di “esperta” di disinformazione per respingere la storia di Hunter Biden come un intruglio del “Cremlino“, non è migliore, a quanto pare, del partigiano medio di sinistra sulla CNN.

Naturalmente, arrivare alla verità non è il punto di tutto questo. È per qualsiasi ideale liberale di discorso aperto preferibile permettere alle bugie di penetrare nel flusso di informazioni piuttosto che consentire a una nomenklatura del panel di iniziare a dettare la veridicità di ciò che leggiamo e ascoltiamo. In primo luogo, e soprattutto, perché è autoritario. In secondo luogo, perché non ci si può fidare di coloro che accettano il lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.