Il composto della cannabis inibisce la replica SARS-CoV-2 in celle umane del polmone

I ricercatori negli Stati Uniti hanno condotto una rappresentazione di studio quella un’infezione inibita composto dell’impianto della cannabis con il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo in celle umane del polmone.

SARS-CoV-2 è l’agente responsabile della pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) che continua a spazzare il globo che rappresenta una minaccia alla salute pubblica globale ed all’economia mondiale.

Marsha Rosner dall’università di Chicago nell’Illinois ed in colleghi ha trovato che cannabidiol (CBD) ed il suo metabolita 7-OH-CBD potente ha bloccato la replica SARS-CoV-2 in celle epiteliali del polmone.

Il CBD ha inibito l’espressione genica virale ed ha invertito molti degli effetti che il virus ha sulla trascrizione del gene ospite.

Il composto egualmente ha indotto l’espressione degli interferoni – proteine di segnalazione delle cellule che sono prodotte dalle cellule ospiti come risposta iniziale all’invasione virale.

Ancora, l’incidenza dell’infezione SARS-CoV-2 spettava ad un ordine di grandezza più basso in un gruppo dei pazienti che stavano catturando CBD, rispetto ai pazienti abbinati che non stavano catturando CBD.

“Questo studio evidenzia CBD ed il suo metabolita attivo, 7-OH-CBD, come gli agenti preventivi potenziali e trattamenti terapeutici per SARS-CoV-2 alle fasi iniziali di infezione,„ dice Rosner ed il gruppo.

Una versione della pubblicazione preliminare della pubblicazione è disponibile sul ” server ” del bioRxiv*, mentre l’articolo subisce la revisione tra pari.

La diffusione della rapida di SARS-CoV-2 evidenzia l’esigenza di nuovi trattamenti

Da quando lo scoppio COVID-19 in primo luogo ha cominciato a Wuhan, Cina, alla fine del dicembre 2019, la diffusione rapida di SARS-CoV-2 piombo a più di 119,5 milione infezioni ed ha causato più di 2,64 milione morti.

Sebbene i vaccini recente-approvati ora stiano srotolandi in molti paesi, il virus ancora sta spargendosi rapido. Rosner ed i colleghi dicono che questo evidenzia l’esigenza dei metodi alternativi, specialmente fra le popolazioni con ad accesso limitato ai vaccini.

Tuttavia, “fin qui, poche terapie sono state identificate che bloccano la replica SARS-CoV-2 e la produzione virale,„ scrivono i ricercatori.

Più circa SARS-CoV-2 e CBD

Il virus SARS-CoV-2 soprattutto registra le cellule ospiti attraverso l’associazione di una proteina virale di superficie chiamata punta all’enzima di conversione dell’angiotensina umano 2 (ACE2) del recettore cellulare ospite.

Il genoma virale poi è tradotto in due grandi polipeptidi che sono fenduti dalle proteasi virali MPro e PLPro per produrre le proteine richieste per la replicazione virale, l’installazione e germogliare.

Rosner ed i colleghi dicono che, sebbene limitati, alcuni studi abbiano riferito che determinati cannabinoidi hanno effetti antivirali contro il virus dell’epatite C ed altri virus.

Ancora, una soluzione orale di CBD già è approvata dal food and drug administration degli Stati Uniti per il trattamento dell’epilessia.

L

L’uso della dose elevata CBD in pazienti è correlato significativamente con una riduzione della positività COVID-19. Associazioni fra uso del farmaco di cannabinoido ed i risultati dei test riferiti COVID-19 fra gli adulti esaminati alla medicina dell’università di Chicago (n=93,565 totale). P*: i P-valori della positività delle percentuali della popolazione paziente specificata hanno confrontato alla positività delle percentuali di tutti i pazienti (positivo COVID-19 di 10% fra 93.565 pazienti). Destra del mezzo: 85 pazienti hanno catturato CBD prima della loro data di prova di COVID. In alto a destra: 82 dei 85 pazienti hanno catturato CBD approvato dalla FDA (Epidiolex®) e sono stati abbinati a 82 dei 93.167 pazienti (comandi abbinati) con un modello del punteggio di tendenza contiguo il più vicino che segnasse i pazienti secondo i loro dati demografici e le loro diagnosi e farmaci registrati a partire dai due anni prima del loro COVID-19 provano. i P-valori sono stati calcolati facendo uso del test esatto di Fisher bilaterale.

Che cosa lo studio corrente ha compreso?

Per verificare l’effetto di CBD sulla replica SARS-CoV-2, i ricercatori hanno pretrattato le celle umane di carcinoma del polmone A549 che esprimono ACE-2 (A549-ACE2) con 0-10μM CBD per 2 ore prima dell’infezione loro con SARS-CoV-2.

L’analisi delle celle 48 ore più successivamente ha indicato che CBD potente aveva inibito la replicazione virale nelle celle.

Poiché CBD è consumato spesso come componente di un estratto sativa della cannabis, il gruppo ha studiato se altri cannabinoidi potrebbero anche inibire l’infezione SARS-CoV-2, particolarmente quelli con le strutture strettamente connesse.

Notevolmente, il solo agente che potente ha inibito la replicazione virale era CBD; attività limitata o nessun’antivirale è stata esibita dagli altri strutturalmente simili cannabinoidi provati.

Ancora, il metabolita 7-OH-CBD, il principio attivo di CBD nel trattamento di CBD dell’epilessia, anche replica efficacemente inibita SARS-CoV-2 nelle celle A549-ACE2.

Espressione virale efficacemente eliminata del RNA di CBD

Quando i ricercatori valutati se CBD potrebbe impedire la fenditura proteolitica da Mpro o da PLpro, essi hanno trovato che CBD non ha avuto effetto sull’attività di qualsiasi proteasi.

Ciò piombo il gruppo supporre che trattamenti della cellula ospite degli obiettivi di CBD.

Coerente con questa ipotesi, l’ordinamento del RNA delle celle infettate A549-ACE2 ha trattato con CBD per 24 ore ha rivelato la soppressione significativa dei cambiamenti di SARS-CoV-2-induced nell’espressione genica.

Il CBD efficacemente ha eliminato l’espressione virale del RNA, compreso codifica del RNA per la proteina della punta.

Sia SARS-CoV-2 che CBD hanno avviato i cambiamenti significativi nell’espressione genica cellulare, compreso l’espressione di parecchi fattori di trascrizione.

Ulteriore analisi del RNA della cellula ospite ha indicato che dai i cambiamenti indotti da virus quasi completamente sono stati invertiti, ma piuttosto che le celle che ritornano ad uno stato normale delle cellule, le celle di CBD+virus-infected hanno somigliato a quelle curate con CBD solo.

Che cosa circa la segnalazione dell’interferone?

Poichè l’infezione con SARS-CoV-2 è conosciuta per sopprimere la via di segnalazione dell’interferone, i ricercatori hanno provato se CBD potrebbe sopprimere l’infezione virale introducendo questa via.

Alcuni geni sono stati indotti da CBD sia nell’assenza che nella presenza di SARS-CoV-2, compreso i geni che codificano i ricevitori dell’interferone ed i mediatori della via di segnalazione dell’interferone.

Inoltre, CBD efficacemente ha invertito l’induzione virale delle citochine che possono avviare una risposta hyperinflammatory micidiale chiamata “la tempesta di citochina„ durante gli stadi avanzati dell’infezione.

“Così, CBD ha il potenziale non solo di fungere da agente antivirale alle fasi iniziali di infezione ma anche proteggere il host da un sistema immunitario iperattivo agli stadi avanzati,„ dice Rosner ed il gruppo.

L’incidenza SARS-CoV-2 era più bassa in pazienti che hanno catturato CBD

Per concludere, il gruppo ha valutato l’incidenza dell’infezione SARS-CoV-2 fra 82 pazienti che erano stati CBD prescritti prima della prova SARS-C0V-2 ed ha abbinato i pazienti che non erano stati CBD prescritti.

In maniera sconvolgente, l’incidenza di SARS-CoV-2 era soltanto 1,2% fra i pazienti ha prescritto CBD, rispetto a 12,2% fra i pazienti abbinati che non stavano catturando CBD.

“La riduzione sostanziale del rischio di infezione SARS-CoV-2 approssimativamente di ordine di grandezza in pazienti che hanno catturato CBD approvato dalla FDA evidenzia l’efficacia potenziale di questa droga nel combattimento dell’infezione SARS-CoV2,„ dice Rosner ed i colleghi.

“Sosteniamo ai i test clinici controllati a placebo con attenzione progettati con le concentrazioni conosciute e formulazioni alto-caratterizzate per definire il ruolo di CBD nell’impedire e nel trattamento dell’infezione iniziale SARS-CoV-2,„ concludono. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *