I gruppi di controllo denunciano violazioni elettorali nelle elezioni del 2022 e del 2020 in Florida

FORT LAUDERDALE, FLORIDA – AUGUST 18: Florida Gov. Ron DeSantis listens as Florida Attorney General Ashley Moody speaks during a press conference at the Broward County Courthouse on August 18, 2022 in Fort Lauderdale, Florida. The Governor announced during the press conference that the state’s new Office of Election Crimes and Security has uncovered and are in the process of arresting 20 individuals across the state for voter fraud. (Photo by Joe Raedle/Getty Images)

Un gruppo di base ha presentato prove ai funzionari elettorali della Florida e alle forze dell’ordine la scorsa settimana dimostrando che quasi 1.100 schede elettorali per corrispondenza in una contea sono state emesse da indirizzi non consegnabili nelle elezioni primarie del 23 agosto.

La Florida First Freedom Alliance ha dato ai funzionari elettorali statali un foglio di calcolo contenente i risultati di un controllo incrociato al computer condotto da un altro gruppo di base. Tale audit rappresenta “solo un piccolo frammento” di coloro che hanno richiesto le schede elettorali per corrispondenza nella contea di Orange in Florida, secondo Christopher Gleason, portavoce del gruppo.

I dati rivelano presumibilmente che quasi 1.100 schede elettorali sono state inviate e votate da indirizzi non consegnabili.

“Il problema risultante è che ci sono migliaia di schede elettorali completamente non consegnabili per posta che sono state successivamente consegnate ai funzionari elettorali come schede legittimamente votate per posta”, ha detto Gleason a The Epoch Times.

“Questo è ciò che accade quando le liste di registrazione degli elettori sporche si traducono in un numero enorme di schede elettorali non consegnabili”, ha aggiunto. “La domanda è: chi li vota?”

Il supervisore dell’ufficio elettorale della contea di Orange non ha risposto a una richiesta di commento da parte della stampa.

Il gruppo di Gleason ha utilizzato i dati ottenuti e analizzati da un altro gruppo di base, la Lake County Election Integrity and Voter Protection Coalition.

“Ci sono migliaia di persone in tutta la Florida elencate nelle liste elettorali il cui indirizzo è imperfetto con informazioni incomplete o imprecise: manca una cifra nel codice postale, un complesso di appartamenti con numeri di appartamento imprecisi, incompleti, o nessuno, e parole errate. Piccoli errori. Ma quanto basta per rendere non consegnabile una scheda elettorale per corrispondenza”, ha detto Kris Jurski, portavoce del gruppo Lake County, a Epoch Times

“L’intero gioco è quello di generare schede elettorali non consegnabili, una parte delle quali viene in qualche modo ottenuta e votata da qualcun altro”, ha affermato Jurski.

Dopo aver analizzato le liste elettorali del luglio 2022, il gruppo di Jurski ha informato i funzionari elettorali della Florida che in uno solo dei 27 distretti congressuali statunitensi dello stato (Distretto 11) quasi 60.000 indirizzi residenziali avevano bisogno di aggiornamento e correzione.

Il gruppo ha trovato oltre 30.000 indirizzi residenziali che sono stati designati dal servizio postale degli Stati Uniti come non consegnabili.

Jurski ha detto che ci sono state migliaia di divisioni di indirizzi in cui gli elettori hanno avuto i loro indirizzi temporaneamente modificati nel 2020 e che la pratica continua ancora oggi.

“Eseguire l’interruttore è il modo in cui un attore non autorizzato potrebbe ottenere il voto per corrispondenza di una persona a sua insaputa”, ha affermato Jurski. “Questo potrebbe essere il motivo per cui ci sono così tanti indirizzi ovviamente difettosi tenuti nelle liste di registrazione degli elettori”.

Potrebbe anche spiegare l’esperienza riportata da molti elettori di persona che si sono presentati ai loro seggi elettorali per votare il giorno delle elezioni e sono stati informati dall’operatore elettorale che avevano già votato, ha detto Jurski.

“Migliaia di queste schede vengono votate da qualcuno, quindi giusto in tempo per le elezioni, gli indirizzi vengono scambiati elettronicamente, rendendo lo schema quasi non rilevabile dai funzionari elettorali locali”, ha affermato Jurski. “Questo è il classico furto di identità.”

Ha spiegato che il nome dell’elettore, il numero ID, il numero civico (ma non il nome della sua strada) e tutte le altre informazioni nei suoi registri di voto rimangono gli stessi nelle liste di registrazione.

Ha detto che gli switch sono fatti in basso volume su una vasta area di giurisdizioni e che c’è meno attività di questo tipo durante le primarie perché sono necessari meno voti per influenzare l’esito delle gare rispetto alle elezioni generali.

“Molte elezioni in Florida sono decise da meno dell’uno per cento o anche solo da una manciata di voti, quindi la situazione è molto preoccupante”, ha detto.

Jurski ha detto a Epoch Times che una tela dei cittadini della 12th Street nella città di Clermont nella contea di Lake, condotta il 27 agosto, pochi giorni dopo le elezioni primarie del 23 agosto in Florida, ha trovato i residenti completamente all’oscuro di un passaggio ai loro registri di registrazione degli elettori.

A loro insaputa, richiesta o assenso, tutti gli elettori della 12th Street intervistati hanno cambiato elettronicamente i loro indirizzi per dire Red Belly Road e poi cambiati di nuovo settimane dopo.

“Abbiamo ottenuto 37 dichiarazioni giurate dalle 37 persone registrate per votare sulla 12th Street che attestano che non hanno mai richiesto un cambio di indirizzo.

Foto di Epoch Times
Una scheda informativa dell’elettore rilasciata a un residente del 12th Steet a Clermont, in Florida, con un indirizzo Red Belly Road impreciso. (Foto di cortesia)

“Una coppia sposata residente sulla 12th Street ci ha mostrato due schede informative degli elettori che mostravano i loro nomi e li elencavano in modo impreciso come residenti su Red Belly Road”, ha detto Jurski.

Alan Hays, supervisore delle elezioni nella contea di Lake, ha detto a The Epoch Times in un’intervista telefonica del 5 settembre di essere a conoscenza dell’incidente della 12th Street.

Hays, un repubblicano, ha detto che vuole assicurare alla gente che ogni cambiamento nelle liste elettorali della contea di Lake è stato fatto da “personale autorizzato, direttamente impiegato dalla contea di Lake o contrattato con essa.

“Non stiamo violando alcuna legge. Seguiamo completamente la lettera della legge.

“Non metto in dubbio l’intento dei gruppi di cittadini. In effetti, condivido il loro desiderio di elezioni pure e pulite”.

Hays ha spiegato che i cambiamenti della 12th Street (a Red Belly Road e di nuovo alla 12th Street) sono il risultato del servizio postale degli Stati Uniti che si riferisce al blocco come 12th Street, mentre il Lake County E-911 System chiama la stessa arteria Red Belly Road.

“Mentre stavamo facendo coincidere i nostri distretti con le linee distrettuali recentemente ridisegnate, il consulente che abbiamo impiegato ha utilizzato la designazione E-911 di Red Belly Road invece del nome 12th Street.

“Il nostro ufficio ha scelto di utilizzare l’E-911 Geo Point Data System per il nostro lavoro di ridistrettualizzazione”, ha detto Hays.

Greg Holcomb, direttore del supporto alla sicurezza pubblica e coordinatore del 911 per Lake County, ha dichiarato a Epoch Times: “Non ci siamo mai riferiti alla 12th Street di Clermont come Red Belly Road. Non è mai stata chiamata Red Belly Road.

“C’era una 12th Street nel Wekiva Falls RV Resort che è stata ribattezzata Red Belly Road, ma che era a Sorrento e non ha nulla a che fare con la 12th Street a Clermont. Si trovano alle estremità opposte della contea di Lake”.

I registri del servizio postale degli Stati Uniti mostrano che le comunità hanno codici postali diversi.

In tutti tranne il caso sopra menzionato delle schede informative degli elettori della coppia sposata, il servizio postale ha considerato la posta dei residenti del blocco non recapitabile se portava l’indirizzo di Red Belly Road.

Secondo Jurski, la conoscenza personale di lunga data tra la coppia e il loro corriere postale potrebbe essere stata un fattore nella ricezione delle buste mal indirizzate contenenti le schede informative degli elettori imprecise.

Nella sua lettera ai funzionari elettorali, Gleason ha affermato che le garanzie esistenti previste dalla legge della Florida per prevenire l’uso improprio delle schede elettorali per corrispondenza vengono ignorate da molti supervisori elettorali della contea.

Ha indicato una legge della Florida che disciplina le procedure di voto per corrispondenza, che dice in parte: “Le schede devono essere indirizzate a ciascun elettore all’indirizzo che appare nei registri di registrazione e collocate in una busta che è ben visibile contrassegnata come Non inoltrare”.

La Florida First Freedom Alliance ha fornito alle autorità elettorali screenshot di buste elettorali per posta che sono state inviate agli elettori che non sopportano ciò che sostengono essere l’istruzione richiesta dalla legge “Non inoltrare”.

Invece, le buste dicono solo “Servizio di reso richiesto”.

“Questa è una chiara violazione del linguaggio semplice della legge”, ha affermato Gleason. “Parole specifiche hanno significati specifici nella legge e nei regolamenti postali”.

Foto di Epoch Times
Christopher Gleason, portavoce della Florida First Freedom Alliance. (Foto di cortesia)

Gleason sostiene che l’etichettatura carente non informa in modo chiaro e definitivo i gestori di appartamenti, i gestori di parchi camper o gli impiegati di posta che gestiscono la posta di altre persone che non dovrebbe essere inoltrata.

Come prova del problema, il gruppo di Gleason ha fornito alle autorità uno screenshot di una busta elettorale per posta che era stata inoltrata nella contea di Pinellas.

Prove di eventi simili in altre contee, come Pasco, sono state inviate anche ai funzionari elettorali.

Dustin Chase, il vice supervisore delle elezioni nella contea di Pinellas, non è d’accordo sul fatto che le buste utilizzate dal suo ufficio violino lo statuto.

Chase ha detto a The Epoch Times in un’intervista telefonica: “Dal nostro punto di vista e da quello dei nostri avvocati, stiamo conducendo le elezioni legalmente in conformità con tutte le leggi”.

Chase ha descritto il gruppo di Gleason come “un gruppo molto sincero di patrioti che si dedica a garantire l’integrità delle nostre elezioni. Li rispettiamo”.

Tuttavia, Chase ha affermato che il gruppo non sta capendo che la sezione della legge elettorale della Florida che cita si applica solo alle “elezioni all-mail-in”, come i referendum, in cui nessun candidato o ufficio appare sulla scheda elettorale e non c’è voto di persona.

Gleason sostiene che il semplice linguaggio statutario disciplina la gestione delle schede elettorali per corrispondenza in tutte le elezioni.

Foto di Epoch Times
Una busta contenente materiale elettorale per corrispondenza inviato per posta senza scopo di lucro dalla contea di Pinellas, in Florida (foto di cortesia)

Gleason sostiene anche che lo stesso statuto impone che le schede elettorali per posta siano inviate per posta di prima classe, ma il suo gruppo ha scoperto che molte buste elettorali per posta vengono inviate per posta all’ingrosso o per posta senza scopo di lucro.

Ha anche presentato prove che un gran numero di schede elettorali per corrispondenza sono state inviate agli elettori in condomini o complessi senza numeri di singoli appartamenti specificati, una pratica che secondo lui apre la porta a potenziali frodi elettorali.

Quando a Chase è stato chiesto da Epoch Times di votare per posta da indirizzi non consegnabili, ha risposto: “Non sono sicuro che sia successo, ma se è successo e qualcuno lo sa, dovrebbero segnalare immediatamente la frode alle forze dell’ordine”.

Gleason il suo gruppo è in attesa della risposta dei funzionari elettorali statali e locali alle loro lettere e sono disposti ad aiutarli a ripulire i problemi.

Ha lamentato l’esitazione di alcuni funzionari elettorali a cooperare con i cittadini interessati.

“Spesso ci viene detto che i dati che richiediamo sono inesistenti o che non abbiamo il diritto di vederli. Hanno anche applicato commissioni esorbitanti ad alcune richieste “, ha detto Gleason.

Jurski ha detto che il suo gruppo sta incontrando la stessa resistenza da parte delle autorità elettorali.

“Il nostro problema non è con i lavoratori elettorali onesti, laboriosi e coscienziosi. È con i loro superiori”, ha detto Jurski.

Il 25 agosto, The Epoch Times ha contattato Mark Ard, il direttore degli affari esterni per il Dipartimento di Stato della Florida, con un elenco di domande e una richiesta di commento sulle accuse dei cittadini.

Ard ha confermato la ricezione dell’e-mail ma non ha risposto al momento della stampa.

Il procuratore generale della Florida Ashley Moody, un repubblicano, ha dichiarato in una recente conferenza stampa che gli elettori non idonei che votano sono “un problema”.

Moody ha detto che anche un piccolo numero di tali voti può essere di impatto, citando un seggio al Congresso che è stato vinto per soli cinque voti.

Ha fatto riferimento a un sondaggio che ha rilevato che solo un americano su cinque crede che le nostre elezioni siano “molto sicure”.

“Il governo non può stare senza la fiducia e la fiducia dei nostri cittadini”, ha detto Moody.

Governatore della Florida Ron DeSantis
Il governatore della Florida Ron DeSantis parla durante una conferenza stampa tenutasi presso il tribunale della contea di Broward a Fort Lauderdale, in Florida, il 18 agosto 2022. (Joe Raedle/Getty Images)

Nella stessa conferenza stampa, il governatore della Florida Ron DeSantis, un repubblicano, ha promesso che lo stato avrebbe indagato e arrestato i trasgressori della legge elettorale.

DeSantis ha concentrato le sue osservazioni sugli elettori che hanno votato in due stati diversi e sui cittadini stranieri che si registrano per votare e votano alle elezioni della Florida.

“Sarebbe più facile se avessimo la cooperazione del Dipartimento della Sicurezza Nazionale”, ha detto DeSantis.

“Il governo federale non ha lavorato a stretto contatto con noi. I loro interessi si trovano altrove”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.