Hunter Biden chiede al giudice di impedire a sua figlia di prendere il suo cognome

Hunter Biden walks to Marine One on the Ellipse outside the White House May 22, 2021, in Washington, DC. (Photo by Brendan Smialowski / AFP) (Photo by BRENDAN SMIALOWSKI/AFP via Getty Images)

Hunter Biden ha chiesto a un giudice di impedire alla figlia di 4 anni, nata fuori dal matrimonio, di prendere il suo cognome.

Hunter Biden ha fatto la richiesta il 6 gennaio quando il suo avvocato ha presentato una mozione al giudice della Corte del Circuito dell’Arkansas Holly Meyer in risposta a una richiesta di cambio di nome da parte di Lunden Roberts, la madre della Marina Joan Roberts.

Roberts, in una mozione presentata dal suo avvocato al giudice Meyer il 27 dicembre, ha detto che sua figlia “trarrebbe beneficio dal portare il nome della famiglia Biden” dal momento che il cognome è “ora sinonimo di essere ben istruito, di successo, finanziariamente acuto e politicamente potente”.

Ad esempio, il deposito ha nominato il presidente Joe Biden, sua moglie Jill Biden e Beau Biden, che è il defunto fratello di Hunter Biden.

Inoltre, dice che la famiglia Biden, incluso il presidente, rimane “estraniata dal bambino”.

“Nella misura in cui si tratta di cattiva condotta o negligenza, può essere rettificata cambiando il suo cognome in Biden in modo che possa innegabilmente essere conosciuta al mondo come figlia dell’imputato e membro della prestigiosa famiglia Biden”, hanno detto gli avvocati di Roberts.

Hanno aggiunto: “Il bambino non sperimenterà alcuna difficoltà, molestia o imbarazzo portando il cognome di Biden. Invece, aprirà opportunità per lei proprio come ha fatto per altri membri della famiglia Biden”.

Tuttavia, Hunter Biden non era d’accordo con il valore e i benefici del suo cognome, sostenendo che il nome avrebbe “senza dubbio privato questo bambino di un’esistenza pacifica”, secondo il deposito del 6 gennaio.

Ha aggiunto che sua figlia dovrebbe decidere da sola se vuole prendere il suo cognome, una volta che “la denigrazione del nome Biden non è al suo apice”.

Come prova che il suo cognome è contaminato, Hunter Biden ha indicato altri documenti giudiziari di Roberts che menzionavano l’indagine federale sulle sue questioni fiscali e sui suoi rapporti con il gigante energetico ucraino Burisma.

Il procuratore degli Stati Uniti per il Delaware David Weiss, un procuratore nominato dall’ex presidente Donald Trump, sta attualmente indagando su Hunter per presunta frode fiscale, reati di lobbying e riciclaggio di denaro.

Hunter Biden ha accusato i Roberts di essere motivati da una “guerra politica” contro la famiglia Biden.

I “commenti denigratori di Roberts in varie altre mozioni e risposte in questo caso sono evidenti di disprezzo nella comunità per il nome di Biden”.

La lotta sul cognome del bambino fa parte di un caso di paternità contro Hunter Biden. Il caso è stato risolto nel marzo 2020, ma riaperto a settembre dello scorso anno, quando sta cercando di ridurre il pagamento del mantenimento dei figli a causa di “sostanziali cambiamenti materiali” nelle sue “circostanze finanziarie, incluso ma non limitato al suo reddito”.

Il bambino, inizialmente chiamato “Baby Doe” nel caso, è nato nell’agosto 2018 e Roberts ha presentato la causa di paternità nel maggio 2019.

Nel gennaio 2020, il giudice Meyer ha stabilito che Hunter Biden è il padre di Baby Doe, a seguito di un test del DNA.

“I risultati dei test del DNA indicano con quasi certezza scientifica che l’imputato è il padre biologico del bambino in questo caso”, ha scritto Meyer.

Nel suo libro “Beautiful Things”, Hunter Biden ha scritto di aver contestato il caso di paternità di Roberts perché non aveva “alcun ricordo” del loro incontro.

“Le altre donne con cui ero stato durante le furie dopo il mio divorzio non erano certo il tipo da appuntamenti. Soddisferemmo i nostri bisogni immediati e poco altro”, ha scritto Hunter Biden. “Non ne sono orgoglioso.