FDA e Pfizer sapevano che il vaccino COVID causava immunosoppressione


The concept of test and DNA molecule research.

da Epoch Times

Il 1 ° aprile 2022, un altro lotto di 11.000 documenti Pfizer è stato rilasciato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. I dati dello studio Pfizer rivelano che l’immunità naturale era efficace quanto il jab e che gli effetti collaterali del vaccino erano più gravi nei minori di 55 anni.

Con un altro lotto di 11.000 documenti Pfizer, rilasciati il 1 ° aprile 2022, i vecchi sospetti hanno guadagnato nuovo sostegno. Come riportato dal co-conduttore di “Rising” Kim Iversen (video sopra), la prima rivelazione bomba è che l’immunità naturale funziona, e Pfizer lo sa da sempre.

I dati degli studi clinici hanno mostrato che non c’era differenza nei risultati tra quelli con precedente infezione da COVID e quelli che hanno ricevuto il vaccino. Nessuno dei due gruppi ha avuto una grave infezione. L’immunità naturale era anche statisticamente identica al colpo in termini di rischio di infezione.

I giovani adulti hanno maggiori probabilità di sperimentare effetti collaterali

La seconda rivelazione è che gli effetti collaterali dei colpi erano più gravi nelle persone più giovani, di età compresa tra 18 e 55 anni, rispetto a quelli di età pari o superiore a 55 anni. (Il rischio di effetti collaterali è aumentato anche con dosi aggiuntive, quindi il rischio era più alto dopo la seconda dose rispetto alla prima.)

Come molti di noi hanno sempre detto, il rischio di COVID grave è drammaticamente inferiore nei giovani rispetto a quelli sopra i 60 anni, il che rende inaccettabile un elevato rischio di effetti collaterali.

Come notato da The Naked Emperor su Substack,[1] “con un vaccino che sta producendo reazioni ed eventi avversi più frequenti e più gravi negli individui più giovani, il vaccino avrebbe dovuto essere limitato a coloro che erano effettivamente a rischio di COVID-19 grave”.

I documenti Pfizer mostrano un alto tasso di miocardite

È interessante notare che la documentazione di Pfizer include anche informazioni mediche che i media mainstream e i fact checker hanno etichettato come disinformazione o disinformazione. Un modulo di consenso pediatrico elenca diversi possibili effetti collaterali, tra cui un tasso di miocardite di 10 su 100.000 – molto maggiore del tasso di 1 su 50.000 (cioè 2 su 100.000) precedentemente riportato.

Sappiamo anche che la miocardite è molto più frequente nei giovani maschi, quindi per loro il rischio è significativamente superiore a 10 su 100.000, poiché costituiscono la maggior parte di queste lesioni.

Il potenziamento anticorpo-dipendente non è stato escluso

Molti di coloro che hanno avvertito della possibilità che i vaccini di mRNA causino un aumento anticorpo-dipendente (ADE) – una situazione in cui si finisce per essere più suscettibili a gravi infezioni di quanto non si sarebbe stato altrimenti – sono stati idemonizzati dai media ed etichettati come diffusori di disinformazione.

Eppure il modulo di consenso di Pfizer afferma chiaramente: “Sebbene non sia stato visto fino ad oggi, non si può ancora escludere che il vaccino studiato possa rendere più grave una successiva malattia COVID-19”. Come notato da Iversen, se ADE non fosse davvero di alcuna preoccupazione, il modulo di consenso non lo includerebbe. Eppure eccolo qui.

La malattia potenziata associata al vaccino (VAED) è anche elencata come “Importante rischio potenziale” nella Tabella 5 a pagina 11 di un documento chiamato “5.3.6 Analisi cumulativa dei rapporti sugli eventi avversi post-autorizzazione”. [2]

Al 28 febbraio 2021, Pfizer aveva 138 casi di VAED sospetto, 75 dei quali erano gravi, con conseguente ospedalizzazione, disabilità, conseguenze potenzialmente letali o morte; un totale di 38 casi si sono rivelati letali e 65 sono rimasti irrisolti. [3] Z4|

Inoltre, come notato dal Daily Expose,[5] “Gli studi clinici di fase 3 sono progettati per scoprire effetti collaterali frequenti o gravi prima che un vaccino sia approvato per l’uso, incluso l’ADE. Ma qui sta il problema, [perché] nessuno dei vaccini COVID-19 ha completato gli studi di fase 3”.

Lo studio di fase 3 di Pfizer dovrebbe essere completato l’8 febbraio 2024[6] – quasi due anni da oggi! Nonostante ciò, Pfizer ha concluso nella sua presentazione alla FDA che “Nessuno dei 75 casi potrebbe essere definitivamente considerato come VAED”.

“Non potevano concludere definitivamente che la colpa era del VAED quando il 75% dei casi confermati di ‘break-through’ segnalati erano malattie gravi con conseguente ospedalizzazione, disabilità, conseguenze potenzialmente letali della morte?” Il Daily Expose chiede. [7]

Pfizer sapeva dell’immunosoppressione

Un’altra affermazione rivelatrice trovata nei documenti è questa:

“La valutazione clinica di laboratorio ha mostrato una diminuzione transitoria dei linfociti che è stata osservata in tutte le età e gruppi di dosaggio dopo la dose 1, che si è risolta entro circa una settimana …”

In altre parole, Pfizer sapeva che, nella prima settimana dopo il vaccino, persone di tutte le età hanno sperimentato l’immunosoppressione transitoria, o in altre parole, un indebolimento temporaneo del sistema immunitario, dopo la prima dose.

Come notato da Iversen, questo potrebbe aver distorto i tassi di infezione, poiché le persone non sono state considerate parzialmente vaccinate fino a 14 giorni dopo il loro primo colpo,11 e ufficialmente completamente vaccinate due settimane dopo la seconda dose.

Se le persone sono suscettibili alle infezioni durante quella prima settimana, ma vengono contate come non vaccinate durante quel periodo, questo fa sembrare che i non vaccinati siano più inclini all’infezione quando semplicemente non è vero. Lo studio di Pfizer ha mostrato che l’infezione era significativamente più comune nel gruppo vaccino rispetto al gruppo placebo – 409 contro 287 – entro i primi sette giorni del vaccino.

Completamente Vaccinati hanno maggiori probabilità di morire di COVID

Il fatto che Pfizer e la Food and Drug Administration degli Stati Uniti fossero a conoscenza del vaccino che causava immunosoppressione è incriminante, ora che i dati del governo britannico mostrano che, rispetto ai non vaccinati, coloro che hanno ricevuto due dosi sono:[8]

  • Fino a tre volte più probabilità di essere diagnosticati con COVID-19
  • Due volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale con COVID-19
  • Tre volte più probabilità di morire di COVID-19

I documenti di Pfizer ammettono che c’è stato un calo temporaneo della funzione immunitaria dopo la prima dose, ma i dati del mondo reale che mostrano un aumento del rischio di infezione grave e morte a causa di COVID tra i doppi colpi suggeriscono che l’ADE potrebbe effettivamente essere in gioco anche in seguito.

Il grafico sottostante, creato dal Daily Expose,[9] utilizzando i dati del rapporto di sorveglianza del vaccino UKHSA per la settimana 13, 2022 [10] (pagine 40 e 45), rivela chi ha maggiori probabilità di contrarre COVID. E il tasso di infezione per triple-vaxxed è persino superiore al double vaxxed.

tasso di casi covid-19

Il grafico successivo è stato creato dal Daily Expose[11] utilizzando i dati delle pagine 41 e 45, confrontando i tassi di ospedalizzazione COVID.

tasso di ospedalizzazione covid-19

E, infine, c’è un confronto dei tassi di mortalità, basato sulle pagine 44 e 45 del rapporto di sorveglianza del vaccino UKHSA per la settimana 13, 2022. [12] Chiunque abbia più di 40 anni e che sia stato doppiamente colpito ha ora maggiori probabilità di morire di COVID rispetto a una persona non vaccinata della stessa età.

tasso di mortalità covid-19

Efficacia negativa del vaccino nel mondo reale

Il Daily Expose continua a calcolare e rappresentare graficamente il tasso di efficacia reale del vaccino COVID, ed è una notizia terribile:[13]

“Se i tassi per 100.000 sono più alti tra i vaccinati, cosa che sono, allora questo significa che le iniezioni di COVID-19 stanno dimostrando di avere un’efficacia negativa nel mondo reale. E usando la formula di efficacia del vaccino di Pfizer possiamo decifrare con precisione quale sia effettivamente l’efficacia del mondo reale tra ogni fascia di età.

Formula del vaccino di Pfizer: Tasso non vaccinato per 100k – Tasso vaccinato per 100k / Tasso non vaccinato per 100k x 100 = Efficacia del vaccino …

Questi dati mostrano che tutte le persone vaccinate due volte di età superiore ai 18 anni hanno tra 2 e 3 volte più probabilità di essere infettate, con un’efficacia del vaccino del meno 87% tra i 18 ei 29 anni e un’efficacia del vaccino del meno 178% tra gli over 80.

Tutte le persone vaccinate due volte di età superiore ai 30 anni hanno tra 0,2 e 2 volte più probabilità di essere ricoverate in ospedale, con un’efficacia del vaccino del meno 1% tra i 30 ei 39 anni e un’efficacia del vaccino del -76% tra gli over 80.

Il seguente grafico mostra l’efficacia del vaccino COVID-19 nel mondo reale contro la morte tra la popolazione doppiamente vaccinata in Inghilterra, in base ai tassi di mortalità forniti sopra …

Tutte le persone vaccinate due volte di età superiore ai 40 anni hanno tra 2 e 3 volte più probabilità di morire di COVID-19, con un’efficacia del vaccino del -90% tra i 30 ei 39 anni e un’efficacia del vaccino del -156% tra gli over 80. “

efficacia del vaccino covid-19

Pfizer ha assunto 600 per elaborare un carico di report senza precedenti

Negli ultimi due anni, abbiamo tenuto d’occhio il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti, scuotendo la testa increduli mentre i numeri aumentavano di centinaia ogni singola settimana, superando rapidamente le lesioni per ogni altro vaccino combinato negli ultimi 32 anni. [14]

Al 25 marzo 2022, ci sono state 1.205.753 segnalazioni relative al vaccino COVID, tra cui 145.781 ricoveri e 26.396 decessi. [15] Non c’è mai stato un prodotto medico nella storia moderna che possa essere paragonato. Niente è stato così dannoso e letale come queste iniezioni sperimentali.Tra dicembre 2020 e la fine di febbraio 2021, Pfizer ha spedito 126.212.580 dosi del suo vaccino mRNA in tutto il mondo. Diviso per 158.000 effetti collaterali, otteniamo un tasso di eventi avversi per dose di quasi 1:800.

In una precedente serie di documenti, abbiamo appreso che Pfizer ha ricevuto 42.086 casi clinici contenenti un totale di 158.893 eventi nei primi tre mesi del lancio. In quel rilascio, il numero di dosi spedite è stato cancellato, ma nel rilascio del 1 ° aprile 2022, è stato lasciato non redatto, il che significa che ora possiamo calcolare il tasso di eventi avversi segnalati a Pfizer in quei primi tre mesi.

Tra dicembre 2020 e la fine di febbraio 2021, Pfizer ha spedito 126.212.580 dosi del suo vaccino mRNA in tutto il mondo. Diviso per 158.000 effetti collaterali, otteniamo un tasso di eventi avversi per dose di quasi 1 su 800,[16] che è semplicemente follemente irresponsabile.

Ora abbiamo anche la documentazione che mostra che Pfizer, entro la fine di febbraio 2021, aveva assunto 600 dipendenti a tempo pieno aggiuntivi per elaborare l’afflusso senza precedenti di segnalazioni di eventi avversi e prevedeva che entro la fine di giugno 2021 avrebbero finito per assumere più di 1.800. [17]

Alla fine, il vaccino COVID passerà alla storia come il più grande malaffare medico mai verificatosi con la partecipazione volontaria di entrambe le aziende farmaceutiche e delle agenzie di regolamentazione. E non c’è fine in vista.

Nel marzo 2022, la FDA è andata avanti e ha autorizzato le dosi 4 e 5, sulla base di uno studio preprint[18][19] che ha rilevato che un quarto colpo di Moderna era efficace all’11% e ha causato effetti collaterali nel 40% dei destinatari, e un quarto colpo di Pfizer era efficace al 30% e ha causato effetti collaterali nell’80% delle persone.

Non sono sicuro di cosa ci vorrà perché questo incubo di salute pubblica finisca e perché le parti responsabili siano ritenute responsabili della loro negligenza criminale, ma a quanto pare, non abbiamo ancora colpito l’indignazione della massa critica.

Originariamente pubblicato il 14 aprile 2022 su Mercola.com

Fonti e riferimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.