Cubaexport, il colosso statale del commercio internazionale, cessa di esistere senza preavviso.

I gestori hanno ricevuto una mail senza ulteriori dettagli sul motivo della chiusura di un’azienda molto redditizia.

La società cubana di esportazione di alimenti e prodotti vari cesserà di esistere tra pochi giorni. I direttori di Cubaexport, il conglomerato statale responsabile delle importazioni e delle esportazioni nel settore alimentare e dei derivati, hanno ricevuto questa settimana un messaggio di avviso della sua fine, senza fornire ulteriori dettagli.

“Vi informiamo ufficialmente della chiusura della società Cubaexport”, inizia così l’e-mail ricevuta dagli amministratori delle società subordinate all’entità. Il testo, firmato da Ernesto Rulan Hidalgo, ha paralizzato centinaia di dipendenti che pensavano di lavorare per un emporio sicuro garantito dal Governo.

La notizia non è da poco. Cubaexport è il grande intermediario, santificato dal partito al governo, tra le esportazioni statali o private e l’appetitoso mercato internazionale. Nessun prodotto di base è stato spostato all’esterno o all’interno dell’isola legalmente senza passare attraverso le sue complessità burocratiche.

Nessun prodotto di base è stato spostato all’esterno o all’interno dell’isola legalmente senza passare attraverso le sue complessità burocratiche

Quando Raúl Castro ha pronunciato il suo discorso conclusivo all’VIII Congresso del Partito Comunista di Cuba, ha messo in chiaro due linee rosse che non potevano essere superate: il commercio estero doveva continuare a essere controllato dallo Stato e i professionisti non potevano esercitare come medici, avvocati o dentisti autonomi. Cubaexport era stato benedetto.

Una volta tracciato quel confine, l’unica cosa rimasta era che le imprese private si appellassero agli enti statali per portare i loro beni fuori dall’isola e offrirli sul mercato internazionale. Cubaexport faceva parte dei pilastri di una formula che ora inizia a incrinarsi o, almeno, a cessare di essere completamente nelle mani dell’Esecutivo cubano.

«Rimango senza un cliente», confessa un amministratore statale dedito alla vigilanza commerciale che questa settimana ha ricevuto l’e-mail che ne annunciava la fine. “Questa è stata l’azienda che ci ha dato più vantaggi e lavoro”, riconosce. “Ci manderanno di nuovo nei campi per sorvegliare le patate dolci e le yucche”, si lamenta.

“Ma non è questo il punto”, avverte Gustavo, un lavoratore associato a Cubaexport a Ciego de Ávila. “Le aziende torcono il collo quando hanno perdite, quando non sono redditizie, ma se c’è un’azienda a Cuba che non ha questi problemi, è Cubaexport, che ha accesso a prodotti e materie prime nazionali a prezzi molto bassi e vende a una percentuale molto più alta nel mercato internazionale.

“Anche i privati ​​sono costretti a importare attraverso di noi, quindi abbiamo ampi margini commerciali. Perché stanno eliminando questa azienda che fattura così tanti soldi ogni mese?”, si chiede il dipendente. “Ciò che ci è stato detto è che sarà rilevata da capitale straniero, che è stato acquistato da un’altra società del Medio Oriente, ma senza ulteriori informazioni”.

“Non si chiamerà più Cubaexport”, dichiara senza mezzi termini un impiegato del conglomerato che risponde al telefono dopo diversi tentativi di comunicazione con l’ente statale dalla redazione di 14ymedio . «Il nome che avrà non ci è ancora chiaro, ma non possiamo più accettare nuove richieste o riconciliazioni pendenti», sottolinea telefonicamente.

L’operaio aggiunge che “presto vi informeremo sui dettagli per stipulare un contratto con la nuova azienda”. Le sue parole hanno scoraggiato molti privati ​​che avevano iniziato ad entrare nel business dell’importazione di materie prime o della vendita dei loro prodotti sul mercato estero. Cubaexport era stato mostrato dai media ufficiali come una garanzia di quel flusso.

“Restiamo all’interno del gruppo Gecomex”, chiarisce un altro dipendente della quasi estinta Cubaexport. “Ma ora ci siamo definiti come una società per azioni”. “Non abbiamo avuto perdite, non c’era bisogno di farlo. Ci sono diverse società statali che si stanno convertendo e cambiando nome”.

“Qui avevamo una vasta gamma di esportazioni. Miele, rum, carbone, bucce, scarti di molluschi, ma dobbiamo aggiungere che tutti gli individui devono passare attraverso questo canale o attraverso altre società statali simili, non c’è altra alternativa”. I segnali della fine di Cubaexport non si sono fatti sentire: “Abbiamo avuto problemi durante la pandemia, ma a partire dallo scorso febbraio l’attività ha iniziato a riaffiorare molto forte”.

“Ci hanno ordinato di paralizzare tutte le esportazioni. Non c’è più operazione tramite Cubaexport perché, se lo facciamo ora senza quella copertura, potremmo perdere la certificazione mondiale di intermediario”, riconosce il lavoratore, il quale teme che le esportazioni che hanno sollevato il volo sono compromessi con lo scioglimento dell’ente.

’14ymedio’ ha cercato di confermare queste speculazioni attraverso una telefonata ad Astilleros del Caribe e un dipendente ha spiegato che la società era in liquidazione e consegnando

“Il nome, la visione, la missione e i dirigenti dell’azienda saranno ristrutturati”, afferma il dipendente, anche se riconosce che non sanno “nulla dei nuovi proprietari”. La Tanneries and Skins Company (Tenpiel) sta attraversando un processo simile, secondo altre fonti.

Siamo molto preoccupati perché una società straniera assorbirà la nostra entità e ha affermato che introdurrà nuove regole”, avverte un lavoratore. La stessa frase si ripete in settori come i cantieri navali, la produzione di carbone o la pappa reale.

Lunedì scorso, i lavoratori di Astilleros del Caribe (Asticar) che attendevano alla fermata il loro trasporto in azienda hanno commentato con preoccupazione le voci secondo cui una società straniera avrebbe acquisito l’azienda e, secondo loro, sarebbero state tutte licenziato. 14ymedio ha cercato di confermare queste speculazioni attraverso una chiamata all’ente e un dipendente ha spiegato che l’azienda era in liquidazione e cedendo. Inoltre, il lavoratore sosteneva che i nuovi investitori sarebbero entrati in carica nel mese di agosto, ma non sapevano chi fossero o altri dettagli, come ad esempio se la stessa attività sarebbe proseguita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.