Covid, governo francese: “Obbligo vaccinale non è il modo più efficace” | Gb, continua la discesa dei contagi

Il portavoce Gabriel Attal difende la scelta del pass sanitario: “Dopo l’annuncio in 12 milioni di francesi sono andati a farsi vaccinare”. In Gran Bretagna i nuovi casi sono 141.472

L’obbligo di vaccinazione contro il Covid non è il modo più efficace per incoraggiare le persone a immunizzarsi. Lo ha dichiarato il portavoce del governo francese, Gabriel Attal. “Abbiamo scelto il pass sanitario e poi quello vaccinale, lo confermiamo”, ha detto comunque commentando le manifestazioni contro le misure adottate. Con l’aumento dei casi il Parlamento sta discutendo di escludere i test per poter entrare nei locali o prendere treni.

Manifestazioni e pass – Nella giornata di sabato circa 100mila persone hanno manifestato a Parigi contro le misure del governo. “Abbiamo scelto il pass sanitario e poi quello vaccinale, lo confermiamo”, ha detto Attal. Le persone in Francia devono attualmente mostrare una prova di vaccinazione o un test negativo per entrare in ristoranti, bar o utilizzare i treni interregionali, ma con l’aumento dei casi il Parlamento, appunto, sta discutendo di escludere i test.

No all’obbligo – “Dopo l’annuncio del pass sanitario, 12 milioni di francesi sono andati a farsi vaccinare”, ha ricordato, “e quando abbiamo annunciato la trasformazione della tessera sanitaria in tessera vaccinale abbiamo assistito a un nuovo aumento”. Attal ha poi ribadito che la strategia dell’obbligo vaccinale non è “altrettanto efficace”, nei Paesi che l’hanno scelta “non abbiamo assistito a un forte aumento delle vaccinazioni come è avvenuto in Francia”.

In Gran Bretagna contagi in calo – In Gran Bretagna intanto prosegue, per il quinto giorno di fila, il calo dei contagi, dopo il picco di oltre 200mila registrato martedì. I nuovi casi sono 141.472, circa cinquemila in meno rispetto a sabato. Lo indica il bollettino delle autorità sanitarie di Londra, secondo cui i morti nelle ultime 24 ore sono stati 97, anch’essi in calo rispetto ai 313 del giorno prima, quando erano state superate le 150mila vittime in totale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.