CDC ha dato a Facebook disinformazione sui vaccini COVID-19, mostrano le e-mail

A general view of the Centers for Disease Control headquarters in Atlanta, Georgia on April 23, 2020. – The worldwide death toll from the novel coronavirus pandemic rose to 186,462 on April 23, according to a tally from official sources compiled by AFP at 1900 GMT. (Photo by Tami Chappell / AFP) (Photo by TAMI CHAPPELL/AFP via Getty Images)

Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno passato disinformazione a Facebook mentre i partner lavoravano per combattere la disinformazione, secondo le e-mail appena rilasciate, nell’esempio più recente di funzionari del CDC che fanno affermazioni false o fuorvianti.

In un messaggio del 3 giugno, un funzionario di Facebook ha affermato che il CDC ha aiutato la società a “sfatare le affermazioni sui vaccini COVID e sui bambini” e ha chiesto assistenza per affrontare le affermazioni sui vaccini per neonati e bambini piccoli, inclusa l’affermazione che i vaccini non erano efficaci.

Diverse settimane dopo, dopo che i regolatori statunitensi hanno autorizzato i vaccini Moderna e Pfizer per i bambini piccoli e il CDC li ha raccomandati, un funzionario del CDC ha risposto offrendo informazioni non supportate.

“Le affermazioni secondo cui i vaccini COVID-19 sono inefficaci per i bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni sono false e credere in tali affermazioni potrebbe portare a sostenere l’esitazione del vaccino”, ha scritto il funzionario del CDC. I nomi di tutti i funzionari menzionati in questa storia sono stati redatti nelle e-mail, che sono state rilasciate come parte del contenzioso in corso contro il governo degli Stati Uniti.

“I vaccini COVID-19 disponibili negli Stati Uniti sono efficaci nel proteggere le persone, compresi i bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni, dall’ammalarsi gravemente, dall’essere ricoverati in ospedale e persino dal morire”, ha aggiunto il funzionario del CDC.

Non ci sono prove che i vaccini siano efficaci contro gravi malattie e morte nei bambini piccoli.

Mancanza di informazioni

Zero casi di COVID-19 grave sono stati registrati nello studio di Moderna per bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni, incluso nessuno nel gruppo placebo. Nello studio di Pfizer per bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni, sei dei sette casi di COVID-19 si sono verificati in bambini che hanno ricevuto un vaccino.

“Gli studi clinici non sono stati in grado di rilevare l’efficacia contro le malattie gravi nei bambini piccoli”, ha detto la dottoressa Sara Oliver, un funzionario del CDC, durante una riunione prima che l’agenzia raccomandasse i vaccini per i bambini piccoli.

Inoltre, l’endpoint degli studi era un certo livello di anticorpi, che si ritiene ma non si è dimostrato essere un modo per proteggersi da COVID-19. Il livello era basato sul livello degli adulti nelle prove originali, che sono state completate nel 2020.

Le stime di efficacia per la protezione contro le infezioni hanno mostrato una bassa efficacia per il vaccino di Moderna; Pfizer era più alto, ma era considerato inaffidabile.

“Gli studi non fanno nulla per informarci sul rischio di infezione sintomatica dopo Pfizer e ci mostrano che l’efficacia è scarsa dopo Moderna e non sappiamo quanto potrebbe durare alcuna protezione”, ha detto il dottor Tracy Hoeg, epidemiologo in California, a The Epoch Times via e-mail, aggiungendo che gli studi “non ci hanno dato alcuna informazione sulla riduzione della malattia grave”.

Il CDC, che si autodefinisce “l’agenzia nazionale per la protezione della salute”, afferma sul suo sito web che si è impegnato a basare tutte le sue decisioni “sui dati scientifici di altissima qualità che derivano apertamente e oggettivamente”. I suoi funzionari hanno ripetutamente affermato durante la pandemia che l’agenzia prende decisioni supportate dalla scienza.

Il CDC è stato più cauto all’inizio del 2022, mostrano le e-mail. Quando è stato chiesto di giudicare se le affermazioni fossero false, un funzionario ha detto che l’agenzia “non può parlare con questo fino a quando le aziende farmaceutiche non hanno riportato dati sull’efficacia del vaccino contro gravi malattie o morte nei <5 anni”.

Epoch Times Photo
Un gigantesco cartello digitale è stato visto nel campus della sede centrale di Facebook a Menlo Park, in California, il 23 ottobre 2019. (Josh Edelson/AFP via Getty Images)

“Partenariato importante”

“Grazie mille ancora per aver riunito il team per incontrarci all’inizio di questa settimana, è stato incredibilmente utile. La tua partnership è fondamentale per noi per assicurarci di poter rimuovere affermazioni false e dannose su COVID-19 e vaccini sulla nostra piattaforma “, ha scritto un funzionario di Facebook al CDC a febbraio.

“In seguito al nostro incontro, sto condividendo di seguito la lunga lista di affermazioni che attualmente rimuoviamo relative al vaccino COVID perché le autorità sanitarie pubbliche come il CDC hanno confermato che sono false e potrebbero contribuire a danni fisici imminenti se credute”.

Facebook rimuove ancora i contenuti che affermano che i vaccini COVID-19 non sono efficaci contro malattie gravi o morte, anche se l’efficacia dei vaccini contro l’infezione e la malattia grave è precipitata da quando Omicron è emerso alla fine del 2021, in particolare tra le nuove sottovarianti Omicron.

“Quando diciamo che rimuoveremo le affermazioni secondo cui i vaccini COVID-19 non sono efficaci, ci riferiamo specificamente alle affermazioni secondo cui i vaccini generalmente non proteggono da gravi malattie o morte da COVID-19 o che non forniscono alcuna protezione nel contrarre COVID-19”, afferma Facebook sul suo sito web. “Tuttavia, consentiremo di affermare che qualcuno può ancora contrarre COVID-19 anche se è completamente vaccinato”.

Facebook non cita il CDC sul suo sito. Identifica alcune organizzazioni di cui prende come fatto il consiglio, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite. Dice anche che utilizza “autorità sanitarie governative” per stabilire regole sui contenuti COVID-19.

Il CDC è stato la fonte per rivedere molte delle affermazioni elencate sul sito di Facebook, secondo le e-mail.

L’8 novembre 2021, ad esempio, un funzionario del CDC ha esaminato sette affermazioni e le ha dichiarate tutte false. Tutti e sette sono attualmente elencati come falsi da Facebook.

Ciò include l’affermazione che i vaccini COVID-19 alterano il sistema immunitario, che alcuni esperti dicono sia vero. Include anche l’affermazione che i vaccini COVID-19 alterano il sangue delle persone. Almeno uno studio ha rilevato che molti pazienti vaccinati hanno sangue anormale, mentre i coaguli di sangue sono un noto effetto collaterale del vaccino COVID-19.

Facebook stava “facendo affidamento sulla tua esperienza” per quanto riguarda se alcuni effetti collaterali, tra cui coaguli di sangue e paralisi di Bell, possono essere causati dai vaccini COVID-19, ha detto un funzionario di Facebook all’agenzia il 28 ottobre 2021, in un’altra e-mail.

Epoch Times Photo
E-mail tra Facebook e il CDC in un deposito giudiziario. (Screenshot via The Epoch Times)

“Preso fuori dal contesto”

Facebook non è stata l’unica azienda Big Tech a fare affidamento sul CDC.

Twitter e Google hanno chiesto al CDC di valutare le affermazioni relative a COVID-19 e vaccini, mostrano le e-mail.

Il 16 aprile 2021, ad esempio, un funzionario di Twitter ha dichiarato che il suo team “ha chiesto esempi di contenuti problematici in modo da poter esaminare le tendenze”, aggiungendo: “Tutti gli esempi di disinformazione sono utili, ma in particolare, se si dispone di esempi di frode – come cure covid fraudolente, carte vaccinali fraudolente, ecc., Sarebbe molto utile”.

Il CDC ha risposto con un foglio di calcolo con quattro aree, di cui due relative ai vaccini.

Uno era l’affermazione che i vaccini non erano approvati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. I regolatori non avevano approvato nessuno dei vaccini in quel momento; tutti erano disponibili sotto autorizzazione all’uso di emergenza. Un altro riguardava il Vaccine Adverse Event Reporting System, che è gestito dal CDC e dalle autorità di regolamentazione. Il foglio di calcolo, che non è stato rilasciato, ha spiegato come i dati del sistema di reporting siano stati “presi fuori dal contesto”, ha detto il CDC.

“Grazie mille per questo; abbiamo agito (etichettando o rimuovendo) i Tweet in violazione delle nostre Regole”, ha detto il funzionario di Twitter.

Google, nel frattempo, ha chiesto aiuto con le affermazioni sui vaccini COVID-19 nella primavera del 2020, mostrano le e-mail.

Un precedente comunicato via e-mail da una richiesta del Freedom of Information Act ha mostrato come il CDC si incontrasse regolarmente con le aziende Big Tech come parte degli sforzi per convincerle a reprimere la disinformazione.

I funzionari di Facebook, Twitter, Google e il CDC non hanno risposto alle richieste di commento.

Epoch Times Photo
Siringhe contenenti un vaccino COVID-19 a Needham, Mass., il 21 giugno 2022. (Joseph Prezioso/AFP via Getty Images)

Modello di disinformazione

Il CDC ha incessantemente promosso la vaccinazione durante la pandemia e ha offerto disinformazione in diverse occasioni mentre lo faceva.

Tre alti funzionari, tra cui il direttore dell’agenzia, hanno falsamente detto a giugno, mentre spingevano per l’autorizzazione dei vaccini per i bambini piccoli, che COVID-19 era una delle prime cinque cause di morte per la fascia di età. Nessuno ha ancora offerto un aggiornamento dopo che lo studio che hanno citato, che non è riuscito a riportare con precisione i dati del CDC, è stato corretto.

L’agenzia ha anche fornito false informazioni sul suo monitoraggio della sicurezza del vaccino e degli effetti collaterali del vaccinoha aggiornato la sua definizione di vaccino e ha alterato altre pagine web, in alcuni casi cambiando drasticamente le sue definizioni e consigli.

In un aggiornamento chiave di agosto, il CDC ha ritirato le raccomandazioni per trattare le persone non vaccinate in modo diverso e ha riconosciuto la protezione che una persona riceve dal recupero da COVID-19.

“La disinformazione di ieri è quella di oggi … guida alla salute pubblica, che è un’illustrazione del fatto che la scienza e la censura sono totalmente incompatibili, e che la censura può solo fermare il progresso della scienza e può fermare la sperimentazione di nuove ipotesi e nuove idee cercando di precludere prematuramente queste domande “, Aaron Kheriaty, capo dell’etica medica presso The Unity Project e un querelante nel contenzioso che ha generato le nuove e-mail, ha detto a The Epoch Times. “E semplicemente non è così che funziona la scienza”.

In un’altra e-mail rilasciata nel caso, il CDC ha etichettato diverse affermazioni come disinformazione nonostante la maggior parte delle prove a loro sostegno.

Ad esempio, l’affermazione che “i bambini sani non hanno bisogno di ricevere il vaccino COVID-19” è stata considerata disinformazione anche se alcuni esperti lo hanno detto, indicando il declino dell’efficacia del vaccino, il potere ridotto delle nuove varianti e il fatto che i bambini senza comorbilità non sono mai stati molto in pericolo da COVID-19.

Nel messaggio, che è stato inviato a più di 100 funzionari con college, organizzazioni non profit e altre istituzioni, il CDC ha anche affermato che era disinformazione dire che i vaccini sono inefficaci e non richiesti per i bambini.

Il dottor Todd Porter, un pediatra dell’Illinois, ha detto che si affidava al CDC e ad altri gruppi come l’American Academy of Pediatricians, che si sono allineati strettamente con il CDC durante la pandemia e non hanno necessariamente avuto il tempo di controllare tutte le loro raccomandazioni.

“Questa fiducia e fiducia è stata distrutta durante questa pandemia e forse ciò che mi ha salvato è il mio riconoscimento dell’importanza di First Do No Harm, equilibrio tra rischio e danno e la volontà di mettere in discussione ed essere un pensatore indipendente, anche quando non si adatta alla narrativa”, ha detto a The Epoch Times via e-mail. “Prego solo che molte delle migliaia di pediatri là fuori stiano facendo lo stesso, ma a quale organizzazione possiamo ora rivolgerci?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *