Noi due, l’autismo raccontato in un film

In attesa dell’uscita il prossimo 5 maggio, “Noi due” (Here We Are) si presenta dal 21 al 23 marzo al pubblico italiano con un tour nelle sale di Bologna, Milano e Roma, alla presenza del regista Nir Bergman (creatore della serie cult In Treatment) e della sceneggiatrice Dana Idisis. La prima proiezione del tour si terrà lunedì 21 marzo alle ore 21.30 presso il Cinema Galliera di Bologna, in via Matteotti 27, alla presenza del regista Nir Bergman.
La serata patrocinata da Comunità Ebraica di Bologna e da MEB Museo Ebraico di Bologna vede la collaborazione di ANGSA – Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici – Bologna. Dopo Drive My Car, un nuovo, intenso road movie per la Tucker Film: il 5 maggio arriva al cinema Noi due (Here We Are), firmato dall’israeliano Nir Bergman e coprodotto dall’italiana Rosamont. A viaggiare attraverso Israele – in bici, in pullman, in treno – sono un padre e il figlio ventenne. Un giovane uomo, speciale e complicato, che deve fare i conti con un disturbo dello spettro autistico. E con la prima (grande) scelta della propria vita…

Tel Aviv. Oggi. Aharon, ex disegnatore di talento ed ex marito di Tamara, ha rinunciato alla carriera e ai legami per dedicarsi totalmente al figlio Uri. È una dimensione parallela ed esclusiva, quella dentro cui camminano assieme, fatta di complicità e di abitudini incrollabili, di giornate rassicuranti e sempre uguali. Uri, per Ahron, è ancora un bambino, un bambino che ama la pasta a forma di stella, i pesci del suo acquario e “Gloria di Umberto Tozzi, ma Tamara sa che il tempo ha bussato alla porta: Uri, piccolo adulto, ha bisogno di aprirsi lentamente al mondo. Agli altri. Alla condivisione di nuovi riti e di nuovi spazi. Una prospettiva, la “nuova casa”, che spezza il cuore del padre e terrorizza il figlio. Accettare il trasferimento in un centro specializzato o tentare di fuggire, maldestramente, negli Stati Uniti?

Selezionato a Cannes e premiatissimo in patria, Noi due affronta il tema dell’autismo con la tenerezza leggera di una commedia on the road e l’intensità poetica di un dramma familiare, mettendo in campo un cast luminoso (a cominciare dai due straordinari protagonisti: Shai Avivi e Noam Imber) e alternando, senza strappi, commozione e sorrisi. Una riflessione a tutto campo sull’amore, sulla libertà e sulle fragilità che abitano dentro ognuno di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.