,

AL VIA L’AUTUNNO MUSICALE CON I PRIMI CONCERTI

Dall’11 ottobre al 26 dicembre, la Reggia di Caserta, il Museo Campano di Capua e il Museo Archeologico di Maddaloni, nonché le chiese monumentali di Sessa Aurunca, Carinola, Maddaloni e Piedimonte Matese saranno protagoniste di variegate proposte musicali da Pianofestival, alla Musica da Camera, all’ A-Solo, ai Concerti dell’Orchestra, ad  Estonia Contemporanea. In parallelo anche un ricco carnet di “Altri Eventi”: Educational, Piano Lab, Suoni & Sapori, Electronics Lab, Itinerari Barocchi / Europa Classica, L’atro Suono / Bosphorus Project .

Si parte con gli appuntamenti del primo weekend , da venerdì 11 a domenica 13 ottobre :

  • Venerdì 11 ottobre, ore 19.30 – MUSICA DA CAMERA con Keyong Ham (oboe)e Kamelia Miladinova (pianoforte) su musiche di Bach, Schumann, Dorati, Haas, al Museo Archeologico di Calatia a Maddaloni
  • Sabato 12 ottobre, ore 20.00  – I CONCERTI DELL’ORCHESTRA, dell’Orchestra da Camera di Caserta diretta da Antonino Cascio , con Keyong Ham (oboe) su musiche di Boccherini, Mozart, Haydn presso la Chiesa di S. Giovanni a Villa, a Sessa Aurunca
  • Domenica 13 ottobre, ore  11.30 Il concerto si ripropone nel contesto d’eccezione della Cappella palatina della  Reggia di Caserta
  • E a seguire alle ore 17.30  – PIANOFESTIVAL, Pietro de Maria al pianoforte eseguirà musiche di Rachmaninov, Chopin, presso il Museo Campano di Capua. Grande pianista di rilievo internazionale, la sua intensa attività concertistica lo vede solista con prestigiose orchestre e con direttori quali Roberto Abbado, Gary Bertini, Myung-Whun Chung, Vladimir Fedoseyev, Daniele Gatti, Alan Gilbert, Eliahu Inbal, Marek Janowski, Ton Koopman, Michele Mariotti, Ingo Metzmacher, Gianandrea Noseda, Corrado Rovaris, Yutaka Sado, Sándor Végh, Jonathan Webb. Pietro De Maria è Accademico di Santa Cecilia e insegna al Mozarteum di Salisburgo; inoltre è nel team di docenti del Progetto La Scuola di Maria Tipo nell’ambito dall’Accademia di Musica di Pinerolo.

I cicli Pianofestival, Musica da Camera e A-Solo si svolgeranno in più week end presso il Museo Campano di Capua e il Museo Archeologico di Maddaloni e proporrano concerti di Pietro De Maria, Giuseppe Albanese, Massimiliano Damerini, Olaf John Laneri, Frederic Lagarde e Bruno Canino; in calendario anche Emanuil Ivanov e Aristo Sham – Primi Premi nel 2019 al Concorso Busoni di Bolzano e al Casagrande di Terni -,  Ilya Maximov e Marek Kozak –  vincitori nel 2017 dei Concorsi Viotti di Vercelli e Primavera di Praga -. La sezione cameristica ospiterà invece il Linos Piano Trio –  Primo Premio al Concorso di Musica da Camera di Melbourne nel 2015 -, il  Quartetto Solem e il Quartetto Echos – quest’ultimo premiato dalla critica italiana con il Premio Farulli nell’ambito del Premio Abbiati -, il violinista Charles Wetherbee – già Konzertmeister della Columbus Symphony Orchestra – in duo con la pianista Michelle Schumann, nonchè i solisti ospiti dell’Orchestra.

L’Orchestra da Camera di Caserta, diretta da Antonino Cascio, accanto a nomi affermati del concertismo nazionale ed internazionale quali i violinisti  Vadim Tckijik & Maria Safariants, il flautista Giuseppe Nova, il violinista Giovanni Angeleri – uno dei tre italiani, insieme a Salvatore Accardo, ad avere vinto il Premio Paganini – e  Bruno Canino – protagonista, insieme all’Orchestra del tradizionale Concerto per un Giorno di Festa alla Reggia di Caserta – ospiterà i vincitori dei Concorsi di Monaco e Praga  quali  l’oboista Keyong Ham, il violista Takehiro Konoe, il violoncellista Vaclav Petr e la flautista  Anna Talácková. Come di consueto, i concerti si teranno il sabato sera in provincia –Piedimonte Matese, Carinola, Sessa Aurunca e Aversa – e  la domenica mattina presso la Cappella Palatina della Reggia di Caserta.

ll Museo archeologico di Calatia di Maddaloni ospiterà anche Il Ciclo Estonia Contemporanea, a cura del “madrelingua” Estonian Piano Trio: in programma un percorso antologico nella musica moderna e contemporanea estone con prime esecuzioni.

Nutrito il carnet degli Altri Eventi: Educational: lezioni – concerto per le scuole e a cura di Keyong Ham, Takehiro Konoe, Vaclav Petr, Anna Talácková, Giuseppe Nova e Giovanni Angeleri; Piano Lab: open space per giovani compositori che si cimenteranno con la forma del Notturno e i cui brani saranno eseguiti in prima assoluta da Massimiliano Damerini ed accostati a brani della medesima forma di Chopin, Faurè, Scriabin e Debussy; Electronics Lab / Antichi e Nuovi Linguaggi a cura di Stefano Busiello; Itinerari Barocchi ed Europa Classica a cura dei solisti ed ensemble dell’Orchestra da Camera di Caserta; l’Altro Suono / Bosphorus Project a cura di Sezen Gümüştekin ed Emanuele le Pera; Suoni & Sapori a cura di Asso Imprese Artigiane di Caserta, in concomitanza con i concerti  al Museo Archeologico di Calatia di Maddaloni -.

L’Autunno Musicale è sostenuto dal MIBACT – Direzione Generale Spettacolo e dalla Regione Campania e si avvale della collaborazione di vari enti: la Reggia di Caserta, la Provincia di Caserta e il Museo Campano di Capua, il Polo museale di Napoli e il Museo archeologico di Calatia , i Comuni di Carinola, Maddaloni e Piedimonte Matese, il Centro Unesco Caserta, le Associazioni, Byblos di Piedimonte Matese, Mozart di Sessa Aurunca, Pro Loco di Carinola, Lyons Club Aversa Normanna, Irem e Area Arte.

“MUSICA NEL CHIOSTRO” AL CONVENTO DI CARINOLA

Dalla Corea alla Olanda,  continuano i “percorsi sonori tra Est e Ovest”, con un lungo  un week end di concerti di musica classica d’autore, il 30 e 31 agosto e il 1 settembre al Convento di S. Francesco a Casanova di Carinola, nell’ambito della rassegna “Musica nel Chiostro”

Un  programma di “Summer Concerts” su musiche daHaydn a Schubert a Liszt…da Smetana a Dvorak a Martinou… da Bach a Villa Lobos a Ginastera… da Ravel a 

Shostakovich…a Gershwin”, attraverso le note di solisti internazionali e giovani complessi italiani emergenti e in un incantevole luogo d’arte e cultura della Terra di Lavoro.

Nei prossimi appuntamenti, del 30 e 31 agosto,  va in scena il Lux Piano Trio, costituito nel 2014 a Berlino da tre giovani musicisti sudcoreani (Jae Hyeong Lee, violino-Hoon Sun Chae, violoncello-Eunyoo An pianoforte) ed affermatosi nei più importanti concorsi internazionali, tra cui l’ARD di Monaco. Eseguiranno il 30 agosto musiche di Haydn, Martinů,  Smetana, e il 31 musiche di Rossini, Beethoven, Schubert, Saint – Saëns, Ravel. Il 31 agosto seguirà visita guidata al Convento a cura della Pro –loco di Carinola.

Il 1 settembre è, invece, la volta  del concerto per piano del duo olandese Martijn & Stefan Blaak Piano duo. In duo hanno tenuto concerti in Europa, ospiti di importanti sale e festival, e vari riconoscimenti tra cui il Premio Principessa Christina, l’Holland Young Music Talent e il Modern Competition di Weimar. Il concerto sarà su musiche di Rossini, Beethoven, Schubert,Saint – Saëns,  Ravel.

La rassegna si chiuderà il 7 settembre con il concerto del del pianista russo – americano Michael Bulychev Okser .

Il convento di San Francesco, risalente al XIII secolo, è un vero e proprio tesoro nascosto tra le campagne della frazione Casanova del comune di Carinola, in provincia di Caserta. Secondo diverse fonti fu il santo stesso ad iniziare l’edificazione del Convento. Ancora oggi vi si trova ben conservata la grotta scavata nella roccia che fu giaciglio del Santo. Interamente costruito in muratura di tufo grigio, il Complesso si compone della Chiesa a due navate e del Convento arricchito dal pregevole chiostro. Quest’ultimo ha una struttura quadrangolare con volte a crociera a sesto acuto che si aprono sulla corte centrale – che ricorda quello del Monastero di S. Chiara di Napoli – e con affreschi sulle pareti laterali ispirati alla vita di S. Francesco. Notevoli anche gli affreschi del refettorio attribuibili alla scuola giottesca.

Previsto per alcuni appuntamenti un “Dopo Concerto” con Luoghi & Sapori a cura della Pro-Loco di Carinola: visita guidata al Convento in occasione del concerto del 31 agosto ed esposizione e degustazioni di sapori dell’Ager Falernusa per la serata conclusiva del 7 settembre. 

I concerti concludono l’edizione estiva della rassegna classica “Musica nel Chiostro” a cura dell’Associazione Anna Jervolino e dell’Orchestra da Camera di Caserta, sotto la direzione artistica di Antonino Cascio.

La rassegna è sostenuta dal MiBAC e dalla Regione Campania e alla sua realizzazione collaborano il Comune e  la Pro – Loco di Carinola ed il Convento di S. Francesco di Casanova di Carinola.

L’ingresso ai concerti è libero

 

Segreteria organizzativa

0823 361801 / 339 170 29 06 – info@autunnomusicale.comwww.autunnomusicale.com

Pro Loco di Carinola – 328 4310060 – 320 9291630 – prolococarinola@libero.it

Convento di S. Francesco – 335 8161948

Rosalia Porcaro ad Anacapri

E’ in programma domenica 7 luglio in Piazza San Nicola ad Anacapri lo spettacolo di Rosalia Porcaro. Evento ad ingresso libero con inizio alle ore 21. Lo spettacolo è incentrato sui preparativi del matrimonio di Veronica, operaia che lavora a nero in una fabbrica di borse nel napoletano. Attraverso Veronica e il mondo della fabbrica entriamo in una galleria di personaggi, donne, dalle mille speranze e sogni infranti rappresentative di una Napoli pronta a trovare nella disperazione la forza di reagire e d’inventarsi la vita. Natascia, cantante neomelodica, la commessa Creolina, la signora Carmela delusa dai politici, il bambino Gigino rassegnato a giocare tra i cassonetti, e persino la signora Assundham sfuggita ai missili americani, vivono con assoluto ottimismo la precarietà della loro vita da trasformare così la tragicità del loro mondo in un divertente paradosso.

Milano Flamenco Festival 2019: gli spettacoli al Teatro Strehler

Al Piccolo Teatro Strehler dal 25 al 28 giugno 2019 la 12° edizione del Milano Flamenco Festival, che quest’anno ha come sottotitolo: “Identidad: La libertad de ser/ Identità: La libertà di essere”.

In programma sul prestigioso palco milanese tre spettacoli – tutti in prima nazionale – che gettano uno sguardo approfondito sull’identità dell’universo femminile e sulla libertà di esprimersi.

Gli spettacoli:

Si parte martedì 25 giugno con “¡Viva!”, nuova creazione di Manuel Liñan – Premio Nacional de Danza – che, dopo il successo di novembre 2018, torna al Piccolo con questo nuovo spettacolo (prima europea); mercoledì sarà la volta di De la concepción” con la Compagnia María Moreno (prima europea); infine il 28 giugno andrà in scena la Compagnia Patricia Guerrero con “Distopía”.

Mercoledì 27 giugno (ore 19.00), sul sagrato del Teatro, è invece in programma un Aperitivo con Artista, in compagnia di Patricia Guerrero, nuova rappresentante della generazione più influente di giovani creatori.

Da martedì 25 a giovedì 28 giugno 2019
Orario spettacoli: ore 21.00
Biglietti: da €30,00

 

Chiara De Carlo ed il nuovo “tormentone” estivo “5 coppa C”

Figlia di un chitarrista da cui ha appreso la passione per la musica, insegnante di canto, Chiara De Carlo ha sorpreso un pò  tutti con il brano che sta diventando il tormentone dell’estate 2019 “5 coppa C”

La sua carriera musicale inizia con i Pizzi & blues, un gruppo di 11 elementi, poi il canto, le lezioni con Gaude ed ora le serate nei locali, l’insegnamento a tanti allievi che la seguono con amore, nonché la direzione artistica di un locale a Torino.

Geniale l’intuizione di “giocare” con le misure vertiginose di Chiara, da cui nasce la canzone “5 coppa C”  firmata Luca Sala con  protagonisti Luca Procopio e soprattutto Chiara De Carlo.

Un brano orecchiabile in cui risalta la splendida voce di un’incantevole Chiara con tutta la sua armonia e fisicità mozzafiato.

,

Ravenna, tornano gli spettacoli “al Chiaro di Luna”

La nuova edizione della rassegna estiva Classe al Chiaro di Luna amplia il proprio raggio d’azione ricomprendendo i siti del Parco Archeologico di Classe che dal 15 giugno fino al 30 agosto sono animati da concerti, visite guidate, laboratori didattici, cene a tema storico, conferenze e degustazioni con food truck.

In arrivo nei siti storici classensi artisti del calibro di Lino Guanciale e Marco Morandi, poi grandi tribute band, come i Magic Queen, i Faber’s Social Club e la celebrazione del disco The Wall dei Pink Floyd con i ravennati Like Black Holes in the Sky.

“Sono molto orgogliosa – ha affermato l’assessora alla Cultura, Elsa Signorino – del cartellone degli eventi estivi di Ravenna, molto ricco e articolato, che declina un ventaglio di attività culturali tutte interessanti e di spessore pensate per i residenti e per i turisti. Sono anche molto fiera del successo che sta ottenendo la strada delle collaborazioni realizzate con le altre Istituzioni culturali – fortemente voluta dall’amministrazione – che si sono rivelate capaci di porre in essere un sistema culturale significativo in grado di agire sul sistema economico”.

Il programma

Ad aprire la kermesse, sabato 15 giugno, al Museo Classis gli spettacoli realizzati da Cantieri Danza in collaborazione con RavennAntica.

Si prosegue mercoledì 19 giugno all’Antico Porto di Classe con lo spettacolo di Gianfelice Facchetti e Marco Ciriello Eravamo quasi in cielo. Il figlio del grande capitano dell’Inter, Giacinto Facchetti, rievoca un episodio poco conosciuto della storia del calcio italiano, quello in cui la squadra dei Vigili del Fuoco de La Spezia vinse il Campionato di Guerra nel 1943-44 battendo il Torino di Valentino Mazzola.

Dal 21 al 23 giugno, tra il centro storico e il Museo Classis, rievocazione storica con Ravenna Historia Mundi, primo Festival della Storia.
Infine lunedì 24 giugno, nel parco del Museo Classis, è in programma lo spettacolo Le parole e il mare, con Lino Guanciale, Marco Morandi e Alessandro Vanoli in collaborazione con Ravenna Festival.

Dopo questo ricco preludio, si entra nel vivo della rassegna Classe al Chiaro di Luna, basata sull’idea di declinare il tema della storia antica in tutte le sue sfumature.

Per quanto riguarda i concerti, largo alla musica con un ricca programmazione che rende omaggio ai più grandi interpreti della storia della musica italiana e straniera nella suggestiva atmosfera dell’Antico Porto di Classe: ad aprire la stagione, martedì 25 giugno, i Rouge Cafè, che propongono un viaggio musicale dai Cafè chantant parigini ai ritmi del sud america, con invasioni dei cantautori italiani e stranieri tra Edith Piaf e Piazzolla; il 27 giugno si prosegue con i Black Soul White Noise, che presentano un repertorio che spazia dai Led Zeppelin a Richie Kotzen; il 2 luglio i Ruffu’s suonano i più grandi successi della musica italiana reinterpretati con un sound vivace e rockeggiante.

Il 4 luglio spettacolo di scatenato rock sudista con i Truck ‘66; il 9 luglio tributo al grande Fabrizio De Andrè a vent’anni dalla scomparsa con i Faber’s Social Club; l’11 luglio, a 40 anni dall’uscita della mitica The wall, è la volta dei Like Black Holes in the Sky, cover band dei Pink Floyd; il 16 luglio La Compagnia rende omaggio a Mogol-Battisti, una delle coppie più popolari della musica italiana; il 18 luglio, sulla scia del successo del film Bohemian Rhapsody, è la volta dei Magic Queen con uno show tutto nuovo; il 23 luglio The Harmonic Quartet ripropone i più grandi successi della mitica Mina; il 25 luglio i The Spire U2 ricreano il sound della famosa band irlandese U2; il 30 luglio tocca ai Vansconvolti per un viaggio musicale che ripercorre la storia della musica di Vasco Rossi; infine l’1 agosto il trio sound ravennate degli Upside Band presenta Soul Divas, omaggio alle grandi interpreti della black music.

Tariffa: € 7 ingresso + concerti. Tel. 0544 478100.
In occasione dei concerti, tutte le sere alle 19 sono in programma visite guidate al sito archeologico dell’Antico Porto (tariffa: € 7 ingresso + visita guidata) con possibilità di degustare il cibo da strada con i food truck Vino al Vino, Casa Spadoni e Mama Ely.
Tariffa di € 9 per ingresso + visita guidata + concerti.

Immancabili, e sempre molto partecipate, le attività rivolte ai bambini, un’occasione unica per raccontare e far scoprire la storia al pubblico dei più giovani in maniera originale e mai noiosa.
Si comincia il 26 giugno al Museo Classis con un doppio imperdibile appuntamento dedicato a Topolino: alle ore 16 Facciamo Topi e Paperi a Ravenna! Laboratorio di fumetto. Roberto Gagnor e Luca Usai sceneggiatore e disegnatore di Topolino, insegneranno ai ragazzi come nasce una storia di paperi e topi, dall’idea al soggetto, dalla sceneggiatura al disegno. Tariffa: € 10 a bambino (accompagnatori gratuito).
Alle ore 18.30 si prosegue con Paperi, Barbari e Bizantini! Topolino e il mondo Disney raccontano la Storia di Ravenna… con i mosaici! Roberto Gagnor e Luca Usai, sceneggiatore e disegnatore di Topolino, raccontano la nascita, i retroscena e le idee dietro alle storie della Storia dell’Arte di Topolino. Tariffa: € 5 a partecipante, comprensivo di ingresso al Museo. Prenotazione obbligatoria per entrambi
gli eventi: tel. 0544 473678.
La programmazione prosegue fino al 21 agosto.

Tutti i lunedì, all’Antico Porto di Classe, ci saranno originali laboratori a cura del Teatro del Drago, di Associazione Cartabianca – Laboratori creativi e di Blu Sole – Arte, sensi, emozioni ma anche divertenti letture tenute da Momo – Libreria per ragazzi. Tutte queste attività sono a pagamento.
Tariffa: € 6 a bambino (accompagnatori gratuito).

Tutti i mercoledì, invece, ad eccezione del 14 agosto, al Museo Classis, sono previsti laboratori esperienziali di mosaico con l’utilizzo di tessere di smalto e marmo a cura della Sezione Didattica di RavennAntica. Attraverso un procedimento guidato, i partecipanti realizzano un simbolo presente nelle raffigurazioni musive dei monumenti di Ravenna. Questi laboratori, inseriti nel progetto “Ravenna per mano”, sono gratuiti. Prenotazione obbligatoria: tel. 0544 473717.

Un’altra bella novità di questa edizione sono le conferenze a tema a cura dei professori dell’Università degli Studi di Bologna, che nelle sere del mercoledì, dal 3 al 31 luglio, alle ore 21, presso la sala conferenze del Museo Classis, illustreranno le ultime scoperte delle missioni archeologiche all’estero: nell’ordine Samarcanda, Albania, Egitto, Turchia e Iraq. L’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’Ordine della Casa Matha, è ad ingresso libero.
Tutte le conferenze, alle ore 20.15, sono precedute da una visita guidata al Museo Classis Ravenna.
Tariffa: € 5 ingresso + visita guidata. Tel. 0544 473717.

I racconti sul cibo nel corso della storia, invece, sono affidati a Claudio Cavallotti, cuoco ed esperto di cucina antica che torna a grande richiesta negli spazi dell’Antico Porto di Classe con A tavola con gli antichi.
A partire dal 28 giugno proporrà una serie di conversazioni, accompagnate da sfiziosi assaggi, spaziando dagli Etruschi ai gladiatori, dai Celti ai Bizantini fino ad analizzare le tracce dell’antico nei cibi e nelle bevande di oggi. Tariffa: € 18 ingresso + visita guidata + degustazione. Tel. 0544 478100.

Si segnala, infine, la rassegna Mosaico di Notte, che dal 3 luglio al 30 agosto propone, oltre ai tradizionali circuiti del centro storico, nella sera del mercoledì il tour Mausoleo di Teodorico e Museo Classis Ravenna e tutti i venerdì il tour Antico Porto di Classe e Basilica di Sant’Apollinare.
In entrambe le serate è previsto il servizio di bus navetta. Tariffa: € 15. Prenotazione obbligatoria: tel. 0544 35755 – 35404 – 482838.

Villaggio per la Terra, tutti gli eventi in programma a Roma il 22 Aprile

Il 22 aprile giornata inaugurale per la ricorrenza dell’Earth Day, la Giornata della Terra. Il resto degli eventi ospitati sulla Terrazza del Pincio e al Galoppatoio, si snoderà tra giovedì 25 aprile e lunedì 29. Spettacoli, attività, concerti, mostre, dedicate a tematiche ambientali e sociali.

Parte il 22 aprile, a Roma, a Villa Borghese, il Villaggio per la Terra, manifestazione ambientale che ospiterà concerti, spettacoli, attività sportive, laboratori didattici, attività per bambini, incontri tematici e performance artistiche e culturali, dedicate alla Terra e alla sensibilizzazione verso le tematiche ambientali e sociali.

La rassegna ambientale, dopo l’inaugurale concerto del 22 aprile, ricorrenza dell’Earth Day, la  Giornata della Terra, si snoderà tra  giovedì 25 aprile e lunedì 29 aprile. Gli eventi saranno organizzati nella duplice location della Terrazza del Pincio e del Galoppatoio di Villa Borghese.

Il Villaggio per la Terra è ideato e organizzato da Earth Day Italia, il main partner italiano dell’Earth Day Network, e dal Movimento dei Focolari, fondato dalla cattolica Chiara Lubich, ed è realizzato in collaborazione con  il MIUR , il Ministero dell’Ambiente, Roma Capitale e altri.
La grande manifestazione ambientale si inserisce nel contesto delle celebrazioni nazionali dell’Earth Day – Giornata della Terra, celebrata per la prima volta il 22 aprile 1970, quando 20 milioni di cittadini americani, su spinta di politici di spicco come Garylord Nelson e Robert Kennedy, si mobilitarono per una manifestazione a difesa della Terra, per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali.

Il programma completo su http://www.villaggioperlaterra.it/program.php?reset=1

 

Sold out al Brancaccino di Roma con Giorgio Colangeli

Si è concluso con grande successo “L’uomo, la bestia e la virtù”, uno dei classici pirandelliani che proprio nel 2019 festeggia i cento anni dal debutto sulle scene, ed è stato uno dei testi più rappresentati del drammaturgo siciliano.

Giorgio Colangeli veste i panni del “trasparente” professor Paolino nella rilettura registica di Giancarlo Nicoletti di uno dei classici pirandelliani, “L’uomo, la bestia e la virtù”, co-protagonista al fianco del pluripremiato attore, un vulcanico Filippo Gili interpreta il Capitano Perella, al loro fianco  la talentuosa Valentina Perrella, pronta a calarsi nelle vesti della “virtuosa” signora Perella. E ancora, Cristina Todaro, Alessandro Giova, Diego Rifici, Alessandro Solombrino e il giovane Francesco Petit-Bon, a completare il validissimo cast di una rilettura fortemente contemporanea e concreta dell’universo pirandelliano, fuori dal “pirandellismo” di maniera, nel tentativo di riportare la poetica dell’autore Premio Nobel ad un universo essenziale, umano, comico e tragico al tempo stesso e nuovamente attuale.

In considerazione della grande richiesta dello spettacolo, è in preparazione una tournèe in alcune regioni italiane ed un arrivederci a Roma per la prossima stagione!!!

FOTO Luana Belli

Gabriele Cirilli al Teatro Manzoni di Roma

Dopo i sold out fatti registrare nella passata stagione con “Tale e Quale Show… Again!”, Gabriele Cirilli torna a teatro con il suo nuovo spettacolo “Mi piace” che porterà in lungo e in largo per l’Italia: in 7 mesi “toccherà” ben 33 città. Si è iniziato martedì 23 ottobre dal Teatro Sociale di Sondrio. Tra le date più attese, quella in programma mercoledì 20 febbraio al Teatro Manzoni di Monza (inizio ore 21).

Dalla commedia degli equivoci al cabaret attraverso monologhi, canzoni e balletti: sul palco l’artista sarà protagonista di una vera e propria rappresentazione che attraversa tutti i generi del teatro comico in una prova d’attore completa e sfaccettata.

Già dal titolo si capisce il mood della messa in scena, legato al nostro rapporto con l’oramai inseparabile telefonino (grande protagonista sul palco) e il mondo della comunicazione 2.0 che sta influenzando e cambiando la vita e le abitudini di qualsiasi essere umano: “Viviamo tutti per un Like, in italiano Mi piace – spiega Cirilli – . La nostra vita è un continuo avere e dare un giudizio, sin dalla mattina quando ci alziamo e ci guardiamo allo specchio oppure quando scegliamo un vestito, gli amici da frequentare, quando ordiniamo al ristorante o quando scegliamo di andare in vacanza, i programmi tv da guardare, il film al cinema da vedere, il politico da votare, la musica da ascoltare o i libri da leggere, la dieta da fare, la squadra di calcio da tifare, le persone da seguire sui social. Insomma Mi piace è la parola chiave della nostra esistenza”.

Lo show, ovviamente, sarà all’insegna della grande allegria e ironia di Cirilli, tra gli artisti più amati dal pubblico italiano per la sua versatilità e il suo sempre essere pronto a mettersi in gioco con nuove sfide. “Ridere è fondamentale per me perché la risata è contagiosa – le sue parole – è una medicina, un rimedio contro tutto il nero che ci opprime.  Un sorriso illumina di più della corrente elettrica e costa molto meno. Ho abbracciato questa fede e… mi piace quando vedo le persone star bene col sorriso sulle labbra”. Uno spettacolo, questo, dove saranno toccati anche temi su cui riflettere: “Mi piace essere comico e commovente al tempo stesso, è l’espressione della mia maturità artistica, di un mattatore della risata che ha ormai conquistato il grande pubblico. Mi piace riuscire a creare col pubblico un’interazione giusta per far sì che il mio messaggio venga recepito e apprezzato”.

Lo show, che vede anche la presenza dell’attore Umberto Noto, celebra inoltre i 30 anni di carriera di Gabriele Cirilli, nel luogo che più ama: il palcoscenico: “È l’unico luogo dove mi sento davvero me stesso”. Oltre a “Mi piace”, l’attore sarà impegnato in questi mesi anche con il musical “La famiglia Addams”.

“Mi piace” è uno spettacolo scritto da Gabriele Cirilli, Maria De Luca, Giorgio Ganzerli, Alessio Tagliento e Gianluca Giugliarelli. Regia di Claudio Insegno. Produzione MA.GA.MAT. Srl.

Cirilli ha avuto la fortuna, la determinazione e il privilegio di imparare il “mestiere”, con umiltà e determinazione, dai più grandi artisti del teatro e del cinema italiano. Inizia la sua formazione al Laboratorio di Esercitazioni Sceniche di Roma diretto da Gigi Proietti. Da qui tante collaborazioni in teatro, nel cinema e nella fiction tv, in qualità d’interprete non solo comico, accanto a grandi artisti; nomi prestigiosi, pietre miliari, come Flavio Bucci, Piera Degli Esposti, Lina Sastri, Michele Placido, Lino Banfi, Paolo Villaggio, Nino Manfredi, Alberto Sordi, ma anche tante giovani promesse.

Scrive insieme ad autori storici come Vincenzo Cerami e ha avuto la fortuna di lavorare con il Premio Oscar Nicola Piovani. Le regie dei suoi spettacoli sono state affidate a nomi di grande rilievo come Ugo Gregoretti, Antonio Calenda e Pietro Garinei che nel 2003 gli aprì le porte del Teatro Sistina di Roma, tempio della commedia musicale. Da qui i suoi spettacoli presero il via girando tutta l’Italia in un consenso di applausi e di critica.

In televisione è stato tra i protagonisti in sette edizioni di “Tale e Quale Show”, il varietà di punta di Rai1 condotto da Carlo Conti.

Little Steven a Milano il 13 marzo

Torna in Italia Little Steven, lo storico chitarrista della E Street Band di Bruce Springsteen, reduce dai successi televisivi di Soprano e Lillyhammer. Little Steven, all’anagrafe Steven Van Zandt, sarà all’Alcatraz di Milano il 13 giugno, accompagnato da The Disciples of Soul.