Milano celebra Leonardo a 500 anni dalla morte

A 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, Milano – città in cui il genio ha vissuto il periodo più fecondo e creativo – si prepara a celebrarlo con un palinsesto di iniziative e mostre lungo 9 mesi, da maggio 2019 a gennaio 2020. Gli eventi sono stati presentati al Castello Sforzesco. Cuore delle manifestazioni sparse in città sarà proprio il Castello, da cui prenderanno il via le celebrazioni il 2 maggio 2019 e che per l’occasione riaprirà la Sala delle Asse svelando al pubblico il ‘Monocromo’ leonardesco dopo l’ultima fase di restauri. Sempre tra le mura del Castello Sforzesco saranno allestite altre due mostre: il percorso multimediale ‘Milano di Leonardo’ nella Sala delle Armi – che ricostruirà virtualmente la Milano al tempo vinciano – e la mostra ‘Leonardo e la Sala delle Asse tra natura, arte e scienza’ con una selezione di disegni originali dell’artista e dei leonardeschi, che rivela le relazioni iconografiche e stilistiche tra Da Vinci, i maestri d’Oltralpe e quelli di ambito toscano.

Festa di San Giovanni a Torino: il programma degli eventi

Torino si appresta a festeggiare, come ogni anno, San Giovanni, il suo santo patrono. Numerosi anche in questo 2018 gli appuntamenti in programma sabato 23 e domenica 24 giugno.

Programma

Sabato 23 giugno

Murazzi del Po: ore 14.00 – 18.00 – “Cittadini e turisti: tutti in canoa”. Uscite sul fiume. Lezioni di canoa e canottaggio

Piazza Statuto – Via Garibaldi – Piazza Castello, ore 17.00 – “Aspettando San Giovanni – Sfilata inaugurale con la partecipazione di un Team della Rappresentativa Nazionale Majorettes F.I.G.M. accompagnato dal Corpo Musicale Torinese in occasione del “Bands and Majorettes Meeting” – Eurobanda 2018, a cura della Pro Loco Torino, della Federazione Italiana Gruppi Majorettes e dell’Associazione Regionale Piemontese Bande Musicali.

Lungo le vie del centro, corteo storico alle ore 18.30 – 22.00; sfilata in costumi d’epoca.

Palazzo Civico, ore 20.00 – “Premio Tesi di Laurea su Torino” – Consegna al Sindaco della Città della tesi di laurea vincitrice , a cura dell’ Associazione Premio Tesi di Laurea su Torino.

Piazza Castello, ore 22.00, accensione del tradizionale Farò.

Domenica 24 giugno 2018

Duomo, ore 10.00 – Gianduja e Giacometta con i personaggi dello Storico Carnevale di Ivrea attendono le Autorità sul sagrato; ore 10.30, Messa solenne e distribuzione dei pani della Carità.

Piazza Castello, ore 10.00, motoraduno  a cura Sezione di Torino – Motoraduno VVF Italia; ore 10.00 – 13.00, “Pompierinpiazza”  e per i più piccini con “Pompieropoli” si può diventare pompiere per un giorno.

Murazzi del Po, ore 14.00 – 18.00: “Cittadini e turisti: tutti in canoa”, uscite sul fiume: lezioni di canoa e canottaggio.

Corso Moncalieri 18, ore 10.00 – 21.00 – Torneo di beach volley “San Giovanni 2018” – con sedici squadre, miste, aperto a tutti, a cura del Circolo Amici del Fiume.

Via Morgari 14, alla Casa del Quartiere di San Salvario, ore 11.00 – 12.30: “Il farò portatile” – Laboratorio di creazione di lanterne luminose nel cortile della Casa per bambini dai 6 ai 10 anni, a cura dell’Associazione Culturale Pentesilea.

Mastio della Cittadella, ore 11.30 – 14.30 e 17.30: tre momenti recitativi del “1706 : San Giovanni di guerra”, la rievocazione storica.

Fiume Po, ore 14.30 – 19.00 – Regata di canottaggio (Castello del Valentino – Circolo Amici del Fiume), a cura del Circolo Amici del Fiume; ore 19.00 – 21.30 – “Palio in canoa” (Ponte Umberto I – Circolo Amici del Fiume).

Piazza Carlo Felice – Via Roma – Piazza San Carlo, ore 18.30 Partenza sfilata della Fanfara dei Bersaglieri da Piazza Carlo Felice e arrivo ore 19 in Piazza San Carlo, a cura dell’Associazione Nazionale Bersaglieri Sezione Lamarmora di Torino.

Piazza Vittorio Veneto, ore 16.00 – Partenza sfilata auto storiche con Gianduja, Giacometta e le Giacomette, per le vie del centro cittadino, a cura della Famija Turineisa in collaborazione con Automotoretrò e Registro Fiat Italiano.

Piazza Castello, ore 21.15 – 22.15 – Esibizione musicale “Percorsi sonori anni ‘70 – ’80 ”, a cura dell’Associazione Largabanda, in seguito spettacolo finale con giochi di luce e coerografie aeree di droni luminosi

Scenario festival a Cattolica

Spettacoli per ragazzi e famiglie per la Finale del Premio Scenario infanzia con otto corti teatrali, un laboratorio teatrale per adolescenti curato da Babilonia Teatri: con questo ricco programma si presenta la prima edizione di Scenario Festival che si svolge dal 21 al 24 giugno.

Giunto quest’anno alla sua settima edizione, il Premio Scenario Infanzia, l’ultimo concorso nato in casa Scenario, organizza la sua tappa finale in una cornice speciale. La prima edizione di Scenario Festival ospita infatti gli otto corti teatrali di venti minuti in gara per aggiudicarsi il più prestigioso riconoscimento nazionale, nel quadro festivo di una rassegna di spettacoli e iniziative che appartengono al percorso svolto in questi anni da Scenario a fianco delle giovani generazioni.

Tutti gli artisti ospiti di Scenario Festival sono stati premiati o segnalati da Scenario. Teatropersona, Principio Attivo Teatro, Davide Giordano, Valentina Dal Mas: dal percorso immersivo della fiaba vissuta in prima persona dagli spettatori (Il Principe Mezzanotte), al gioco fra cartone animato e film muto di due figurine che si affrontano in una battaglia che ha a che fare con quella eterna della vita (Storia di un uomo e della sua ombra), alla sfida di un ragazzino speciale, affetto dalla sindrome di Asperger, che affronta i suoi limiti e le sue paure coinvolgendo il pubblico in un  gioco interattivo (John Tammet fa sentire le persone molto così :-?),  fino a Danya, la bambina  di nove anni che non  sa ancora scrivere e che imparerà a farlo con l’aiuto di quattro amici immaginari (Da dove guardi il mondo?). A loro si aggiunge un testimonial d’eccezione: Marco Baliani. Fondatore di Scenario nel 1987, Baliani riprende per quest’occasione un suo spettacolo di culto, Frollo, che ha inaugurato la narrazione teatrale per l’infanzia e che non mancherà di suscitare la stessa immancabile magia.

Una festa della creatività giovanile che farà dimenticare per quattro giorni quanto sia difficile nel nostro paese trovare luoghi e progetti che accompagnino e sostengano i giovani artisti favorendone l’incontro con il pubblico.  Il Comune di Cattolica ha deciso di mettere a disposizione i suoi spazi, il Teatro della Regina, il Salone Snaporaz, il palcoscenico all’aperto di piazza Roosevelt, il Museo della Regina, disegnando un cantiere diffuso della creatività, del gioco, dell’incontro. Ma soprattutto ha colto, nella collaborazione con Scenario, l’opportunità di offrire quattro giornate speciali al pubblico dei suoi teatri, alle famiglie dei villeggianti, agli studenti in alternanza scuola-lavoro (grazie alla collaborazione con l’Istituto Tecnico Economico Tecnologico Bramante Genga di Pesaro), ai bambini dei centri estivi, agli spettatori teatrali più esperti e assidui che da tutt’Italia non mancano di seguire ad ogni edizione l’appuntamento con il prestigioso concorso nazionale.

Ad aprire il Festival giovedì 21 giugno alle ore 18.30 al Teatro della Regina sarà “Il Principe Mezzanotte” della Compagnia Teatropersona, regia di Alessandro Serra, spettacolo per un pubblico dai 5 anni e per famiglie, finalista del Premio Scenario infanzia 2008, premiato come miglior spettacolo dall’osservatorio critico degli studenti. A seguire nel Foyer del Teatro si svolgerà il brindisi di inaugurazione del Festival.
Alle ore 21.30 in Piazza Roosevelt Principio Attivo Teatro presenta “Storia di un uomo e della sua ombra (mannaggia ‘a mort)”, regia di Giuseppe Semeraro, spettacolo dai 5 anni e per un pubblico di famiglie, finalista del Premio Scenario infanzia 2010, Premio Eolo Awards 2010, Premio Amici di Emanuele Luzzati – XXIX Festival Nazionale Teatro Ragazzi 2010.

Nuovi linguaggi per i nuovi spettatori: venerdì 22 giugno la Finale del Premio Scenario infanzia presenterà gli otto corti teatrali di venti minuti in gara per il premio nazionale destinato al teatro per l’infanzia e la gioventù.
Alle ore 11.00 al Salone Snaporaz si potranno visionare “Fratellino e Fratellina” di Asini Bardasci (Mondavio) e “Lonely” di Officine Montecristo (Arezzo), alle ore 16.00 “Cosmonauti degli Universi” di Valentina Pagliarani (Cesena), “Dreaming Beauty” di Madalena Reversa (Padova), “Rautalampi” di Compagnia Garofoli/Nexus (Roma).
Alle ore 21.30 nello spazio all’aperto allestito in Piazza Roosevelt si potranno vedere “Domino” di Generazione Eskere (La Spezia), “Storto” di inQuanto teatro (Firenze) e “Come quando è primavera” di Binario1310 (Roma). Tutti gli spettacoli prevedono un accompagnamento alla visione per il pubblico giovane.

Gli otto progetti finalisti saranno valutati da una Giuria presieduta da Maria Maglietta (attrice e regista) e composta da Stefano Cipiciani (direttore di Fontemaggiore, vicepresidente dell’Associazione Scenario), Cira Santoro (ATER Circuito Regionale Multidisciplinare dell’Emilia Romagna), Cristina Valenti (docente di Discipline dello Spettacolo, Università di Bologna, presidente dell’Associazione Scenario, direttrice artistica di Scenario Festival), Federica Zanetti (docente di Didattica e Pedagogia Speciale, Università di Bologna).
Al termine della Finale, la Giuria assegnerà un premio di 8.000 Euro al vincitore, come sostegno produttivo ai fini del completamento dello spettacolo.

Sabato 23 giugno alle ore 17.30 al Salone Snaporaz si svolgerà la presentazione del libro “Scenari del terzo millennio. L’osservatorio del Premio Scenario sul giovane teatro” a cura di Cristina Valenti, Titivillus Editore, e alle ore 18.00 la Premiazione del Premio Scenario infanzia 2018.
Alle ore 21.00 in Piazza Roosevelt appuntamento imperdibile per spettatori di tutte le età con “Frollo” di Marco Baliani. La voce straordinaria di Baliani evocherà i mille ambienti e personaggi in cui si svolge la storia di Frollo, bambino di pastafrolla che diventerà umano attraverso un viaggio fatto di prove di coraggio e di privazione.
A seguire, alle ore 22.30, Davide Giordano presenta “John Tammet fa sentire le persone molto così :-?”, spettacolo vincitore del Premio Scenario infanzia 2012, rivolto ad un pubblico dai 9 anni e alle famiglie.

Ultimo appuntamento domenica 24 giugno alle ore 21.30 in Piazza Roosevelt con “Da dove guardi il mondo?” di e con Valentina Dal Mas, vincitore del Premio Scenario Infanzia 2017, per un pubblico dai 6 anni e per famiglie.

Babilonia Teatri, una delle compagnie più interessanti del teatro d’arte contemporaneo, sabato 23 e domenica 24 giugno, condurrà “Dietro lo specchio” un laboratorio teatrale per adolescenti dai 12 ai 17 anni nei suggestivi spazi, all’aperto e al chiuso, del Museo della Regina, con esito finale aperto al pubblico domenica 24 alle ore 18.30 nel cortile del Museo (iscrizione gratuita; per informazioni 392.9433363). Il laboratorio – che si svolgerà il sabato dalle 10.00 alle 13.00 e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16.00 alle 18.00 – si concentrerà da una parte sul lavoro di gruppo, sulla forza dell’insieme, sulla necessità dell’ascolto, sulle dinamiche dell’agire corale e coeso. Dall’altra chiederà a ognuno di mettersi in gioco, mettendo da parte qualsiasi idea di tecnica e qualsiasi forma di difesa per aprirsi e scoprirsi, lasciando emergere quelle parti di sé che generalmente nel vivere sociale sono celate. Il lavoro procederà quindi attraverso continui passaggi dal singolo al coro e viceversa per creare una dinamica schizofrenica, ma a nostro modo di vedere necessaria per restituire fino in fondo la potenza del fare teatro.

In caso di pioggia gli spettacoli previsti in Piazza Roosevelt si svolgeranno al Salone Snaporaz.

Porgramma:
Giovedì 21 giugno
ore 18.30 – Teatro della Regina
Il Principe Mezzanotte | Compagnia Teatropersona
A seguire, nel foyer del Teatro, brindisi di inaugurazione di Scenario Festival

ore 21.30 – Piazza Roosevelt
Storia di un uomo e della sua ombra (mannaggia ‘a mort) | Principio Attivo Teatro

Venerdì 22 giugno
Premio Scenario infanzia 2018: la Finale
ore 11 – Salone Snaporaz
Fratellino e Fratellina | Asini Bardasci (8-12 anni)
Lonely | Officine Montecristo (8-15 anni)

ore 16 – Salone Snaporaz
Cosmonauti degli Universi | Valentina Pagliarani (8-12 anni)
Dreaming Beauty | Madalena Reversa (14-18 anni)
Rautalampi | Compagnia Garofoli/Nexus (12-18 anni)

ore 21.30 – Piazza Roosevelt
Domino | Generazione Eskere (8-12 anni)
Storto | inQuanto teatro (13-18 anni)
Come quando è primavera | Binario1310 (9-13 anni)

SABATO 23 GIUGNO

ore 17.30 – Salone Snaporaz
Scenari del terzo millennio. L’osservatorio del Premio Scenario sul giovane teatro
Presentazione del libro a cura di Cristina Valenti, Titivillus Editore

ore 18.00 – Salone Snaporaz
Premio Scenario infanzia 2018: Premiazione

ore 21.00 – Piazza Roosevelt
Frollo | Marco Baliani

ore 22.30 – Piazza Roosevelt
John Tammet fa sentire le persone molto così:-? | Davide Giordano

DOMENICA 24 GIUGNO

ore 18.30 – Cortile Museo della Regina
Dietro lo specchio
Esito finale aperto al pubblico del laboratorio teatrale condotto da Babilonia Teatri

ore 21.30 – Piazza Roosevelt
Da dove guardi il mondo? |Valentina Dal Mas

I LUOGHI DEL FESTIVAL
Teatro della Regina, Piazza della Repubblica 28
Salone Snaporaz, Piazza Mercato 15
Piazza Roosevelt, Spazio antistante il Palazzo Municipale
Museo della Regina, Via Giovanni Pascoli 23

All’India, “Roma Città Mondo” progetto giovani e cultura

Al via dal 17 al 28 giugno al Teatro India, “Roma Città Mondo”. Festa teatrale dell’intercultura, un progetto del Teatro di Roma, Teatro Nazionale realizzato con il sostegno di MiBACT e Siae a favore dei giovani e per la cultura. Un’occasione per interrogarsi e confrontarsi sul significato e sull’idea di “città” intesa come luogo dalle mille fratture e differenze, dai mille tessuti da ricucire attraverso il teatro.

Un programma di spettacoli e laboratori ad ingresso libero dedicato ad artisti, cittadini e associazioni che vedono nella periferia zone di contatto, che affrontano il tema della diversità, della distanza metaforica e fisica dal centro e da sé, proponendo il teatro sociale come possibile risposta, veicolo di accoglienza, di dialogo interculturale, di inclusione e di crescita personale e collettiva. “Roma Città Mondo” apre le porte alla città domenica 17 giugno (ore 21) al Teatro India con il debutto nazionale di “Famiglia”, con protagonista Marcello Fonte – palma d’oro al Festival di Cannes 2018 per “Dogman” di Matteo Garrone – in scena con gli attori ex detenuti del gruppo Fort Apache, per la regia di Valentina Esposito.

L’OffOff Theatre riparte con 35 spettacoli

E’ una stagione dedicata alla città che l’ha visto nascere e in cui in breve tempo si è insediato, ritagliandosi uno spazio di tutto rispetto nel folto panorama dei teatri romani. L’OffOff Theatre di Via Giulia, attraverso la voce del suo direttore artistico Silvano Spada, lancia la sua seconda stagione che partirà il 12 Ottobre 2018 per concludersi 19 Maggio 2019, con un programma pregno di grandi contenuti e con particolare attenzione a Roma e ai grandi interpreti come Maddalena Crippa alle prese con “Le Metamorfosi” di Ovidio, oppure Pino Strabioli e Sabrina Knaflitz con il viaggio nella Roma sessantottina di “Carta Straccia”, passando per “Sto Diventando Un Uomo” con Eva Robin’s, fino a Dario Ballantini con l’omaggio ad Ettore Petrolini.

Napoli Teatro Festival

Inizia l’undicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia. Finanziato dalla Regione Campania, diretto da Ruggero Cappuccio e organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello presenta una programmazione, fino al 10 luglio, che propone tra teatro, danza, letteratura, cinema, video/performance, musica e mostre, 215 eventi, 34 location coinvolte per 33 giorni di spettacoli. L’edizione 2018 comincia l’8 giugno con l’apertura delle mostre su Tomasi di Lampedusa e sul popolo saharawi, con i debutti del Teatro de los Sentidos (“Un attimo prima”, ore 18,19.30 e 21 a Palazzo Fondi), di Carlo Cerciello (“Regina Madre” con Imma Villa e Fausto Russo Alesi, ore 19 al Teatro Nuovo), di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri del Teatro Vadoca (“Il seme della tempesta”, ore 21 al Teatro Bellini), di Lorenzo Salveti e gli allievi della Scuola di Teatro dello Stabile di Napoli (“Shakespeare & Shakespeare”, ore 21.30 al Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale) e con i buskers del “Napoli Strit Festival” il progetto speciale di Ettore De Lorenzo (dalle ore 19 nel Centro Storico). L’inaugurazione del Festival è in mattinata, a mezzogiorno nella Sala d’Ercole di Palazzo Reale, con l’apertura al pubblico della mostra Giuseppe Tomasi di Lampedusa (1896-1957): un lettore europeo, dedicata all’autore de Il Gattopardo. Curata da Gioacchino Lanza Tomasi e José Vicente Quirante Rives, con il coordinamento di Kalimera estudio, è prodotta dalla Fondazione Campania dei Festival con Palazzo Reale – Polo Museale della Campania. Anna Imponente, Gioacchino Lanza Tomasi e Ruggero Cappuccio introdurranno al percorso tra manoscritti, oggetti personali, fotografie e libri della biblioteca personale di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. La mostra resterà aperta fino al 10 luglio. Istantanee appassionate dal Sahara Occidentale, dal Fronte Polisario, nel lavoro di Romeo Civilli. Inaugura a Palazzo Fondi, alle ore 17, la seconda mostra fotografica del Napoli Teatro Festival Italia, “Sahara te quiero”, (aperta fino all’8 luglio) il racconto di un viaggio che si fa testimonianza viva di una della tante guerre dimenticate che si combattono nel mondo. “L’obiettivo del mio reportage – così Romeo Civilli – è portare l’attenzione su una questione della quale si parla pochissimo. Non è trovare una risposta, ma condividere le mie domande, accendere una piccolissima luce dove ora c’è il buio”. Il movimento Polisario viene fondato il 10 maggio 1973 con l’intento di ottenere l’indipendenza del Sahara Occidentale dall’occupazione militare della Spagna, del Marocco e della Mauritania. Nel 1975, la Spagna cede i territori alle altre due nazioni e nello stesso anno il Polisario ottiene il riconoscimento dall’Onu e il diritto all’autodeterminazione del popolo saharawi dalla Corte dell’Aja. Nel 1976 è proclamata la Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi, attualmente riconosciuta da 76 stati. Contemporaneamente il Marocco realizza militarmente l’annessione unilaterale dei territori. Nel 1979 la Mauritania si ritira e cede al Fronte il territorio occupato ma l’accordo è respinto dal Marocco che invade l’area. I combattimenti continuano tuttora sebbene dal 1991 sia stato siglato il “cessate il fuoco”. Sull’argomento si segnala, martedì 12 giugno alle ore 17.00 si l’incontro con Fatima Mahfud, vice rappresentante del Fronte Polisario per l’Italia, Repubblica Sahrawi. Alle ore 18.00, a Palazzo Fondi (in via Medina) debutta lo spettacolo Un attimo prima – Un esperienza poetica, frutto del laboratorio tenuto per il Festival da Gabriella Salvaterra del Teatro de Los Sentidos fondato da Enrique Vargas. Un lavoro teatrale che immerge il pubblico in un’esperienza di drammaturgia sensoriale: parole e silenzi, immagini ed oscurità, sollecitazione di tutti i sensi. E non è dunque un caso se nei crediti dello spettacolo si ritrova la voce “paesaggio olfattivo” a cura di Giovanna Pezzullo e Nelson Jara. In scena Laura Bernard, Loredana D’Agruma, Paola De Cicco, Chiara Donizelli, Giulia Eugeni, Anna Gallo Selva, Claudia Gilardi, Umberto Giorgione, Gabriella Indolfi, Maria Livia Passaretta, Francesco Maria Punzo, Massimo Risi, Monica Varroni. Lo spettacolo replica alle 19.30 e alle 21.00 e sarà in scena fino a martedì 12 giugno. Si prosegue alle ore 19.00 al Teatro Nuovo con la prima assoluta di Regina Madre, tra i testi più importanti di Manlio Santanelli, che viene proposto nella rilettura di Carlo Cerciello con Fausto Russo Alesi e Imma Villa. “Una commedia di volta in volta avvincente, tragica, divertente e acuta” secondo il giudizio che sul testo Eugene Ionesco espresse trent’anni fa in un suo articolo su Le Figaro. Regina Madre prende le mosse da un classico ‘ritorno a casa’. Alfredo, grigio cinquantenne segnato dal fallimento si presenta a casa della madre, Regina, dichiarandosi deciso a rimanervi, per assisterla o morire ai suoi piedi. Ma la vecchia signora, seppure affetta da ogni specie di infermità, appartiene alla categoria delle matriarche indistruttibili. Tra i due personaggi in scena si instaura così un teso duello, condotto mediante uno scambio ininterrotto di ricatti e ritorsioni, di menzogne e affabulazioni da cui scaturisce un duello psicologico combattuto con l’arma micidiale della parola. Le scene sono di Roberto Crea, le musiche di Paolo Coletta, i costumi di Daniela Ciancio, le luci di Cesare Accetta, regista assistente Walter Cerrotta. Lo spettacolo è in scena fino al 10 giugno. Sempre alle ore 19, le strade del Centro storico di Napoli accoglieranno le performance del Napoli Strit Festival un progetto di Ettore De Lorenzo, che nelle nove edizioni precedenti ha portato in strada (e non solo a Napoli) oltre duemila artisti provenienti da tutto il mondo e più di un milione di spettatori. Progetto speciale del Ntfi, la decima edizione di questa manifestazione costuisce la sua direzione artistica intorno all’idea del silenzio. Circa 20 spettacoli al giorno, tra mimi, seguipersone, one man band, saranno distribuiti lungo tutto il percorso che va da piazza Dante a Piazza Bellini, passando per Portalba e allungandosi fino al Cortile dell’Accademia di Belle Arti. Si replica anche sabato 9 giugno. Alle ore 21.00, al Teatro Bellini, debutta Il seme della tempesta – Trilogia dei Giuramenti del Teatro Valdoca. La trilogia è diretta da Cesare Ronconi, scritta da Mariangela Gualtieri – che ne è anche interprete nella seconda parte – ed intepretata da 12 giovani attori/danzatori ai quali si aggiungono i 20 giovani allievi, selezionati e formati a Napoli nelle settimane precedenti il debutto, in un laboratorio diretto da Cesare Ronconi, con Mariangela Gualtieri (versi), Lucia Palladino (movimento), Elena Griggio (voce e canto), Lorella Barlaam (studium). “Ora che la parola vana dà così abbondante spettacolo, bisogna tentare in teatro una parola sacramentale. Abitare lì dove la parola viene rimessa nella vita, nel tentativo di dotarla di nuovo delle proprie potenze”. Inizia con il concerto, Non ancora, eppure già. In scena due musicisti, Enrico Malatesta (alle percussioni) e Attila Faravelli al suono, che riprercorrono la fase preverbale del linguaggio. Poi il Discorso ai vivi e ai morti, che vede al centro una figura arcaica ed esausta, interpretata da Mariangela Gualtieri, attorniata dal vociferare del coro. E rappresenta un lascito in versi di chi sta per disimparare tutto, per dimenticare ogni cosa, entrando nel grande mistero. La terza parte della trilogia, Giuramenti, convoca la solennità della parola attraverso appunto la massima espressione di impegno. In realtà qui nessun giuramento viene pronunciato. È l’intero spettacolo che si configura come un giuramento al teatro in primo luogo, “una dichiarazione d’amore che ha l’apertura di un abbraccio e l’impeto di una bestemmia, e poi alla vita, a ciò che tiene gli uomini vicini e vivi”. Replica il 9 e il 10 giugno alle ore 19.00. La prima giornata di spettacoli si chiude nel Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale, dove alle 21.30, nell’ambito della sezione Osservatorio, gli allievi del primo Triennio della Scuola di Teatro dello Stabile di Napoli portano in scena Shakespeare & Shakespeare, per la drammaturgia e la regia di Lorenzo Salveti. Sharon Amato, Alessandro Balletta, Angela Bertamino, Clara Bocchino, Anna Bocchino, Marialuisa Bosso, Antonia Cerullo, Emanuele D’errico, Vincenzo Esposito, Francesca Fedeli, Rebecca Furfaro, Katia Girasole, Sara Guardascione, Elisa Guarraggi, Fortuna Liguori, Annabella Marotta, Serena Mazzei, Gaetano Migliaccio, Teresa Raiano, Dario Rea, Francesco Roccasecca, Umberto Salvato, Francesco Scolaro, Marilia Testa, Beatrice Vento, Gaetano Balzano, Carlo Geltrude, presentano un giocoso attraversamento tra i caratteri di tanti celebri personaggi shakespeariani, da Romeo e Giulietta a Macbeth, da Il Mercante di Venezia al Sogno di una notte di mezza estate, da La Tempesta a Molto rumore per nulla e Rosalinda. Il Giardino Romantico di Palazzo Reale, alle ore 23.00, prende vita con il Dopofestival, che convoglia pubblico e artisti della manifestazione in uno dei luoghi più suggestivi della città, per condividere un momento di convivialità.

Napoli ricorda Massimo Troisi

Napoli ricorda Massimo Troisi a 40 anni dalla nascita de “La Smorfia” – il trio formato con Lello Arena ed Enzo Decaro – con tre giorni di eventi e proiezioni. L’appuntamento con “Revuoto 2018”, questo il nome del progetto, è per il 22, 23 e 24 giugno in piazza del Plebiscito.

Si tratta del primo evento che vede accanto a tanti artisti e amici di Troisi anche il coinvolgimento della famiglia, che ha messo a disposizione filmati inediti dell’attore.

Il progetto è nato infatti da un’idea di Lello Arena e di Mario Esposito a cui Enzo De Caro e Stefano Veneruso, nipote di Troisi, si sono uniti con entusiasmo.

”Questo appuntamento – ha spiegato Arena – nasce dalla mia esigenza di voler far sì che Massimo potesse ancora una volta recitare con la sua straordinaria potenza attoriale davanti al suo pubblico.

La partecipazione all’evento, promosso e organizzato da Tunnel Produzioni con la collaborazione del Comune di Napoli, è gratuita. Cinquemila i posti a sedere a disposizione in piazza del Plebiscito, ma sarà probabilmente allestito anche uno schermo in piazza Trieste e Trento.

Concerti e spettacoli nel Giardino di Palazzo Reale

Se la città partenopea è già in fermento per il Napoli Teatro Festival 2018, non c’è da farsi sfuggire l’interessantissimo Dopofestival, ricco programma di spettacoli e concerti di ogni genere. L’appuntamento è nella suggestiva location del Giardino Romantico di Palazzo Reale dal 18 giugno al 10 luglio.

Le esibizioni in cartellone incontreranno i gusti di tutti, con note di swing, rock, jazz, pop e musica etnica. Novità di quest’edizione della manifestazione l’introduzione dello spettacolo Così Lontani, Così Vicini, dedicato al rapporto tra grandi scrittori e Napoli. Un viaggio nel tempo e nella letteratura in cui ascoltare le voci di Dostoevskij, Scott Fitzgerald e Walter Benjamin.

Tra gli artisti presenti Lelio Morra, Giovanni Block, Uanema Swing Orchestra, Willy Balkan Travel Agency e Sandro Joyeux. Sarà aperto anche il bar, così che chi vorrà potrà sorseggiare un drink durante le performance. È previsto l’ingresso gratuito per i possessori del biglietto di uno degli spettacoli del Napoli Teatro Festival in programma nella stessa giornata.

Programma

18 giugno

Alan Wurzburger
canzonedautore

19 giugno

Mustafov Quartet 
esteuropa

20 giugno

Mujura 
folk

21 giugno

Così lontani, così vicini
performance teatrale

22 giugno

Così lontani, così vicini
performance teatrale

23 giugno

Così lontani, così vicini
performance teatrale

24 giugno

Lelio Morra
nuovacanzoneitaliana

25 giugno

Guappecartò 
rocambolesco

26 giugno

Willy Balkan Travel Agency 
balcanica

27 giugno

Giovanni Block 
canzonedautore

30 giugno

Scattgatt Orchestra 
mescla

1 luglio

Ernesto Nobili e Monica Pinto 
canzoneclassica

2 luglio

Presentazione del libro di Maurizio De Giovanni
ore 19
Il purgatorio dell’angelo – Confessioni per il Commissario Ricciardi

4 luglio

Voyago feat. Maurizio Capone 
etnoworld

5 luglio

Corde oblique 
ethereal

6 luglio

Canio Loguercio 
urbanfolk

7 luglio

Uanema Swing Orchestra 
swingdancehall

8 luglio

Flo in trio 
LaMentirosa

9 luglio

Sandro Joyeux 
afrofolkreggae

10 luglio

Fitness forever 
popsupernova

Informazioni sul Dopofestival del Napoli Teatro Festival 2018

Quando: dal 18 giugno al 10 luglio 2018

Dove: Giardino Romantico di Palazzo Reale, Napoli

Orari: alle 23 (solo presentazione del 2 luglio alle 19)

Prezzi: 2€ | gratuito per i possessori del biglietto di uno degli spettacoli della stessa giornata

Contatti e informazioni: Sito Napoli Teatro Festival  

Festa Europea della Musica a Napoli

Napoli partecipa alla Festa della Musica, con la quale in tutta l’Europa si saluta il solstizio d’estate con spettacoli musicali gratuiti.

Una grande manifestazione popolare, condivisa da molti Paesi europei, con  iniziative, concentrate in particolare nella giornata del 21 giugno. A Napoli, grazie ad una estesa adesione di artisti ed operatori dello spettacolo, i concerti si svolgeranno per tutta la settimana, con un prologo domenica 17 giugno e un calendario che arriverà fino a domenica 24.
Il programma della “Festa” è stato presentato dall’Assessore alla Cultura e al Turismo, Nino Daniele, alla presenza degli organizzatori delle varie iniziative e di numerosi artisti.

Tutte le musiche appartengono alla Festa e La Festa europea della Musica è una manifestazione aperta a tutti coloro che desiderano esibirsi, amatori o professionisti, esprimendo, in quello che quest’anno è stato intitolato “Un inno alla gioia”, creatività, gioia, spontaneità, disponibilità, curiosità. Numerosi enti ed associazioni, luoghi pubblici e privati, hanno aderito al programma delle iniziative che, come sempre, saranno gratuite per il pubblico.

Ancora una volta i più bei luoghi della città diventeranno palcoscenici per gli eventi, dal Maschio Angioino al Convento di San Domenico Maggiore, al Conservatorio di San Pietro a Majella, alla Casina Pompeiana in Villa Comunale e ancora al PAN, alla Villa Pignatelli, all’ex Birrificio di Miano, alle piazze di San Giovanni a Teduccio.

Il Prologo alla Festa, domenica 17 giugno, sarà un concerto dell’Orchestra Scarlatti Junior nella Sala del Baroni del Maschio Angioino, mentre il grande evento centrale della Festa della musica si svolgerà il 21 giugno nel Cortile del Castello con il CONCERTO DI CENTO CHITARRE, evento eccezionale, realizzato a cura dell’Accademia Europea della Musica. Ad introdurre la serata sarà eccezionalmente la Fanfara del 10° Reggimento Carabinieri Campania, che accoglierà gli spettatori all’ingresso del Castello e li accompagnerà all’interno, dove troveranno ad attenderli la grande orchestra di chitarre.

Ancora il 21, e poi nei giorni successivi, musica al Conservatorio, con un concerto dedicato a Saverio Mercadante, a San Domenico Maggiore, al Pan ed alla Casina Pompeiana.

Ma il programma si sviluppa quest’anno anche in periferia, per tutto il fine settimana, da San Giovanni a Teduccio, nell’ambito della Festa di San Giovanni Battista, a Miano, con il Concerto del Coro Città di Napoli, diretto dal M° Carlo Morelli.

Segnaliamo anche, sabato sera, E SONO MO, il Concerto No Stop Live a cura del Collettivo Insorgenza Musica, ed infine, domenica sera, l’Histoire du Soldat di Igor Stravinsky, con un “Carro di Tespi” che partirà da Montecalvario per raggiungere il Maschio Angioino, dove si svolgerà lo spettacolo vero e proprio.

Il programma della Festa Europea della Musica 2018 è promosso dal MiBact con il sostegno della Siae e dal Comitato Festa europea della Musica, d’intesa con AIPFM Associazione Italiana Promozione Festa della Musica.

A Napoli la Festa è realizzata dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune con la collaborazione del Comitato Festa della Musica di Napoli.

PROGRAMMA

domenica 17 giugno ore 20,00
Sala dei Baroni del Maschio Angioino
Prologo alla Festa della Musica
ORCHESTRA SCARLATTI JUNIOR, diretta da Gaetano Russo e Francesco Aliberti
Organizzato dalla Nuova Orchestra Scarlatti in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo, il concerto inaugura la Festa della Musica 2018. Saranno eseguite musiche di F. Kreisler, C.M. von Weber, L. van Beethoven, G. Gershwin e M. Ravel.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

giovedì 21 giugno ore 18,30 – 20,00
Cortile del Maschio Angioino
Un inno alla gioia – La Festa della Musica:
Ore 18,30
Apertura della serata con la Fanfara del 10° Reggimento Carabinieri Campania, che accoglierà gli spettatori all’ingresso del Castello
Ore 19,00
CENTO CHITARRE AL MASCHIO ANGIOINO
“GUITAR ORCHESTRA AL MASCHIO ANGIOINO” – Il grande concerto a cura dell’Accademia A.E.M.A.S. (Accademia Europea di Musica e Arti dello Spettacolo) coinvolgerà chitarristi di ogni età provenienti da tutt’Italia, riuniti in una maxi Orchestra di chitarre, diretta per l’occasione dal M° Vito Nicola Paradiso. L’evento si svolgerà significativamente a Napoli, città che di buon diritto può essere considerata la patria della Chitarra moderna. La manifestazione fa da preludio ad un Concorso Internazionale di Musica da Camera per formazioni cameristiche comprendenti la chitarra e per orchestre di chitarre, dedicato alla figura di Ferdinando Carulli.
Recapiti: info@aemas.it – tel: 3357363713 — 081 401244

giovedì 21 giugno ore 10,00-13,00
In vari luoghi della città
Flash mob – Il bel canto fra la gente
Loredana Ferrante, Rossella Amore, Beatrice Bernardo, Alessia Palma, Ludovica Cesarini
A cura di Deaensemble, ensemble che divulga la musica polifonica sacra e profana in luoghi non convenzionali

giovedì 21 giugno ore 19,00
Chiesa di Sant’Antonio a Posillipo
Festa della Musica – Coltiviamo talenti
Coro Vox Nova di Napoli
direttore: Angela Merola
Ensemble Giovani Musicisti di Napoli
direttore: Angela Merola

giovedì 21 giugno ore 20,00
Casina Pompeiana nella Villa Comunale di Chiaia
Ritorno alla musica
Omaggio alla canzone d’autore – con Mario Scala & Work in progress Naples band
In programma canzoni di Jannacci, Gaber, De André, Conte.
Relatore, Massimo Azzoni. Ospiti della serata: Barbara Radi, Michele Iaccarino, Bruno Senese (SuoniLavic, gruppo di musica popolare), Laura Misticone (canzone classica napoletana); Roberta Misticone (canzone teatrale napoletana). Ed inoltre: esposizione di bambole d’epoca dell’Associazione Odore d’antico – degustazione vini e prodotti di rosticceria.  Evento gratuito fino ad esaurimento posti con priorità ai possessori di invito.
Per informazioni ed inviti, rivolgersi alla Associazione Odore d’Antico, via Cilea, 112 –  www.odoredantico.it, tel. 349-2804403.

giovedì 21 giugno ore 20,00
Sala del Capitolo – Complesso di San Domenico Maggiore – vico San Domenico, 18
I Discepoli di Orfeo
Concerto a cura de “I Discepoli di Orfeo” AIAMS e “Martucci Academy Ensemble”
info: serenastabile@hotmail.it

venerdì 22 giugno ore 18,00
Largo Sermoneta
Raggae Dancehall
a cura di Stampo Acustico

venerdì 22 giugno ore 17,00
Atrio del PAN|Palazzo delle Arti Napoli – via dei Mille, 60.
The Woodstocker
Presentazione-concerto del libro di Gino Giglio
a cura di “Focus Libri”, Collettivo di servizi editoriali e promozionali

venerdì 22 giugno ore 18,00
Museo di Villa Pignatelli, Sala della Veranza – Riviera di Chiaia, 200.
Concerto pianistico di Maria Dolores Gaitàn Sanchez
Con la partecipazione di Maria Rosaria Omaggio, voce recitante.
Musiche di Isaac Albéniz e Manuel De Falla
Nell’ambito dell’evento “La Spagna a Napoli”, promosso dalla Fondazione Ducci.

venerdì 22 giugno ore 19,00
Sala del Capitolo – Complesso di San Domenico Maggiore – vico San Domenico, 18
Musica tradizionale napoletana dal ‘700 al ‘900
Ensembre vocale “Musica è…”
Repertorio della tradizione napoletana lirica e moderna.
Info: info.musicae@libero.it – tel. 081553-5770

venerdì 22 giugno ore 19,30
Conservatorio di Musica di Napoli – Sala Scarlatti.
Mercadante… L’innovatore
Concerto de “I Solisti di San Pietro a Majella – al pianoforte Giovanni Rea.
a cura della Associazione Popolare di Musica e del Coro Femminile dell’Orientale.
Sarà eseguito il Decimino in Mi Bemolle Maggiore di Saverio Mercadante, per flauto, oboe, Fagotto, 2 violini, 2 viole, violoncello, contrabbasso e pianoforte.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

venerdì 22 giugno ore 20,30
Chiesa di San Giovanni Battista – Corso San Giovanni a Teduccio, 594
Concerto di musica classica napoletana della Corale per San Giovanni.
Nell’ambito della festa tradizionale di San Giovanni a Mare.

sabato 23 giugno ore 12,30
Abside della Basilica di San Domenico Maggiore
Concerto per organo e violino
M° Ernesto Pagliano e M° Giuseppe Guida.
Musiche di Siardo, Cabezon, della marra, Falconiero, Cabanillas, Alessandro Scarlatti e Domenico Scarlatti.
Nell’ambito dell’evento “La Spagna a Napoli”, promosso dalla Fondazione Ducci.

sabato 23 giugno ore 17,00
Corso San Giovanni a Teduccio
Sfilata banda musicale e figuranti
Nell’ambito della festa tradizionale di San Giovanni a Mare.

sabato 23 giugno ore 19,00
Sala del Capitolo – Complesso di San Domenico Maggiore – vico San Domenico, 18
Caravaggio e il ‘600 in musica
Ensemble vocale “Dimensione Polifonica”, direttore M° Biagio Terracciano
a cura dell’Associazione “Circolo Letterario Napoletano”

sabato 23 giugno ore 20,30
Cortile del Maschio Angioino
E SONO MO
Concerto No Stop Live a cura del Collettivo Insorgenza Musica, in collaborazione con il Centro Musica Yellow Submarine. Sulla scia della “Summer of love” la “meravigliosa utopia delle avanguardie artistiche e musicali, come espressione di nuove realtà urbane. Partecipano: Abegilosouz, Gag Band, Pit Wine, M76-Emmesettantasei, Naea, Marco Gesualdi & Open Heart, Rete co’ Mar, Chiodo Fisso, Gruppo Sanguigno, Capatosta, Babel.

sabato 23 giugno ore 21,00
Piazza San Giovanni Battista
Concerto della cantante Monica Sarnelli e spettacolo comico con Paolo Caiazzo
Nell’ambito della festa tradizionale di San Giovanni a Mare.

domenica 24 giugno ore 10,30
Chiesa della Concezione al Chiatamone.
Concerto per chitarra classica
Espana hier, hoy y siempre: Llobet, Tarrega y Segovia
M° Domenico Mottola
Nell’ambito dell’evento “La Spagna a Napoli”, promosso dalla Fondazione Ducci.

domenica 24 giugno
Histoire du Soldat
di Igor Stravinsky
Ore 16,00
Corteo teatrale
Su un “Carro di Tespi” alcuni attori e musicisti percorreranno le strade dei Quartieri Spagnoli, seguiti dagli altri artisti e figuranti e accompagnati dal pubblico.
Ore 18,00
Toledo
Il Carro di Tespi e il Corteo sosteranno per una esibizione nei pressi della stazione Toledo della Metropolitana, in Largo Enrico Berlinguer.
Ore 19,00
Cortile del Maschio Angioino
Sul palco posto nel cortile del Castello avrà inizio la rappresentazione.
Eseguita dall’Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli, l’Histoire du Soldat di Igor Stravinsky e C.Ferdinand Ramuz è un’opera di teatro da camera il cui soggetto e tratto dalle “antiche fiabe russe” raccolte da Afanasief. La storia ripercorre il mito faustiano dell’”anima barattata”, la musica di Stravinsky costituisce un momento straordinario e di assoluto rilievo nel percorso del grande compositore russo.
Info: AEMAS onlus, Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli – www.osqs.it –  orchestradeiquartierispagnoli@gmail.com.

domenica 24 giugno ore 20,30
Piazza San Giovanni Battista
Concerto della  Fanfara del 10° Reggimento Carabinieri Campania
Nell’ambito della festa tradizionale di San Giovanni a Mare.

domenica 24 giugno ore 20,30
Piazza Madonna dell’Arco (ex Birreria Peroni)- Miano
Concerto del Coro Città di Napoli
diretto dal M° Carlo Morelli
La Canzone Napoletana diventa POP
Ospiti il soprano Nunzia Lubrano e il pianista Alfredo Giordano Orsini
A cura dell’Associazione “Miano Protagonista”.
Info: mianoprotagonista@libero.it

“Korean Week” a Milano

Korean Week, la manifestazione che permette di conoscere la  Repubblica di Corea e le sue tradizioni, arriva in città dal 28 maggio al 1° giugno con tante iniziative, performance e workshop gratuiti.

Si parte lunedì 28 con K-Union, forum politico sulle due Coree, a Palazzo Clerici alle 17:30; si prosegue poi il 29 con K-Taekwondo, la performance di Taekwondo della WT, in collaborazione con Taekwondo Lombardia, al Teatro Burri di Parco Sempione, alle 18:30, e il 30 maggio con K-Dance&Fashion, lo spettacolo di danza e musica tradizionale, che prevede anche una sfilata di vestiti tradizionali coreani, al Teatro Burri, alle 20, e, sempre il 30 maggio, con K-Experience Stand, lo spazio per approfondire bellezza, cucina, calligrafia, artigianato e sartoria tradizionale, al Burri, dalle 15 alle 19. E ancora, il 30 e il 31 maggio si continua con The Drawing Show, lo spettacolo di K-Modern in cui l’arte del disegno prende vita sul palcoscenico, al Teatro No’Hma, alle 21; infine si chiude il 1° giugno con la proiezione del film coreano K- Movie, A Taxi Driver, allo Spazio Oberdan, alle 19, e con i mini food truck con assaggi gratuiti di cibo coreano, in corso Buenos Aires, dalle 15:30 alle 19:30.

Dal 1° all’11 giugno, inoltre, presso il Consoltato Generale della Repubblica di Corea sarà visitabile la mostra K-Calligraphy (lunedì-venerdì 9-12, 14-18, vernissage 31 maggio, ore 18).