Arrivano a milano le opere dell’artista Alessia Rodari

Arriva a Milano, proprio in chiusura del 2018 e a ridosso delle feste natalizie, la mostra personale dell’artista Alessia Rodari. Originaria di Varese, adottata poi dalla splendida Alassio, la pittrice espone per la prima volta a Milano il risultato della sua colta ricerca espressiva.

L’appuntamento è nel giorno dell’inaugurazione, Giovedì 6 Dicembre alle 18.00 presso la Galleria degli Artisti posta proprio nel cuore pulsante della città di Milano ed eccezionalmente l’esposizione sarà fruibile al pubblico in tutti i giorni della settimana.

Alessia Rodari è anche titolare della Rodari Art Gallery di Alassio, recentemente oggetto di un elegante restyling, posta proprio a ridosso del celebre “budello”

Nel giorno dell’inaugurazione è previsto un intervento di Alberto Moioli, Direttore editoriale dell’Enciclopedia d’Arte Italiana e membro Aica International.

 

Musei in Musica 2018 a Roma

Sabato 1 dicembre 2018 sarà possibile visitare mostre e assistere a concerti e spettacoli dal vivo, con circa 140 artisti con 100 performance. Per partecipare basterà acquistare il biglietto d’ingresso di 1 Euro. Per l’occasione i musei civici resteranno aperti di sera, dalle 20.00 alle 02.00.

Musei in Musica vedrà la partecipazione anche di altri spazi espositivi e culturali, università e istituzioni culturali straniere – come per esempio il Museo archeologico e museo Aristaios dell’Auditorium Parco della Musica, il Palazzo delle Esposizioni, il Macro Asilo, il Polo museale de La Sapienza Università di Roma, il monumento a Vittorio Emanuele II e il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo in collaborazione con il Mibac, il Museo Ebraico di Roma, l’Accademia di Francia a Villa Medici – che, per l’occasione, apriranno straordinariamente al pubblico le proprie sedi in orari serali con mostre ed eventi.

Musei Capitolini ospiteranno nell’Esedra del Marco Aurelio lo spettacolo Il ponte del dialogo con il polistrumentista Stefano Saletti, la cantante turco italiana Yasemin Sannino, e i musicisti Gabriele CoenMarco Loddo e Giovanni Lo Cascio, per un viaggio tra i generi e le sonorità del mediterraneo che porterà dal Sud Italia fino alla Turchia. All’interno della Pinacoteca, nella Sala Pietro da Cortona, andrà in scena invece lo Stabat Mater di Pergolesi, a cura del Conservatorio di Musica Santa Cecilia, eseguito dal soprano Goar Faradzhian e dal contralto Sara Tiburzi con l’accompagnamento musicale di Melody Raquel QuinterosToki TakahashiCamila Sànchez QuirogaLouis Batista e Mauro Tedesco mentre nel Salone di Palazzo Nuovo prenderà forma il concerto Occhi chiusi in mare aperto dell’ensamble vocale composto da Gabriele d’Angelo, Ludovico Versino, Francesca Cireddu, Chiara Meschini e Daniele d’Alberti che proporranno un viaggio tra la musica indie italiana e internazionale, le hit del pop mondiale e i capolavori del soul.

La Sala della Protomoteca, in piazza del Campidoglio, ospiterà invece le composizioni in chiave bossa nova, jazz, folk, rock e pop del cantautore Nuno Fonsé nel concerto dal titolo Detras del Mar – Nuno Fonsé, a cura dell’Ambasciata del Nicaragua (ingresso gratuito).

All’interno dei Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali la cantante musicista angolana Tasha Rodrigues accompagnerà i visitatori in un viaggio musicale dal titolo Agora Cross, interpretando canzoni di famose artiste africane e brasiliane e canzoni d’autore italiane. Nella seconda parte live elettronico di Sergio Sorrentino su videoproiezioni di Monica Pirone.

La Centrale Montemartini sarà invece la location delle performance Onn Frame e About Live Cinema. Durante la serata l’arte si metterà in connessione con la tecnologia attraverso un duplice percorso: nella Sala Macchine prenderà vita ONN, una performance audiovisiva di Live Cinema in continua evoluzione mentre nella Sala del Treno di Pio IX ci saranno screenings con interviste, anteprime e backstage di alcuni dei migliori artisti che interpretano il live cinema perfomance. Il Museo di Roma, invece, ospiterà nel Salone d’Onore l’evento Notte swing al museo. In formazione quartetto il cantante e pianista Antonio Sorgentone, insieme a contrabbasso, batteria e sax, ripercorrerà i momenti più brillanti di queste sonorità, intrecciandole al boogie woogie, al Jazz, al R’n’R. Nella Sala Torlonia andrà in scena il concerto La cameristica postmoderna dei Peekaboom con Angelica Lubian alla voce e Simone Masina al contrabbasso. Il duo reinterpreterà brani internazionali hit pop, rock e standard jazz, destrutturandoli e ricostruendoli in maniera originale unicamente con contrabbasso, voce e software di registrazione e live-looping.

Nello stesso luogo andrà in scena anche l’edizione speciale del Contest Museum Social Club Il Sorpasso con l’esibizione di due partecipanti: Peter Pan’s Band e Marco Liotti.

Traendo ispirazione dalle fotografie di Lisetta Carmi, Giulio Tosti, Her e Beatrice Fedi e Roberto di Maio del Collettivo Crib si esibiranno al Museo di Roma in Trastevere in un intervento di animazione culturale dal titolo Carmika. La bellezza della verità. Attraverso performance musicali, di movimento scenico e audio-video gli artisti daranno vita ad un progetto esperienziale live che consentirà di approfondire le tematiche affrontate dalla fotografa.

Pensata appositamente per il Museo dell’Ara Pacis sarà la performance-installazione multimediale dal titolo Bit By Bit realizzata dal gruppo Chiasma che, in linea con i suoi precedenti lavori sulla “club culture”, la discoteca e la “politica” di liberazione del corpo, darà vita ad una performance coreografica seguita da dj set. All’interno dell’Auditorium, invece, di scena lo spettacolo musicale Indijazzlive: una coniugazione fascinosa tra la musica mediterranea e le sonorità jazz realizzate dai musicisti Simone Alessandrini e Natalino Marchetti (ingresso gratuito).

Poco distante, al Museo Napoleonico, andrà in scena lo spettacolo Dichiaro guerra al tempo con Manuela Kusterman e Melania Giglio che reciteranno I sonetti di William Shakespeare, intervallandoli a famosi brani della nostra epoca interpretati dalla stessa Giglio (ingresso gratuito).

Dal lungotevere a via Nomentana per una serata in musica nei Musei di Villa Torlonia. Due saranno gli eventi in programma durante la serata: all’interno del Casino Nobile andrà in scena il Danny Grisset “Monk’s Mood” con il raffinato pianista Danny Grisset che proporrà un repertorio in piano solo dedicato al grande compositore ed innovatore della musica Jazz Thelonius Monk. Nella Casina delle civette, invece, andrà in scena lo spettacolo di teatro e musica dal titolo Questo giardino che oggi tu distruggi in cui le melodie del mediterraneo restituite in acustico dalla viola, dal contrabbasso e dalla kora del trio ViolaContraKora incontreranno la vibrante poesia contemporanea recitata da Sista Bramini. Spettacolo concerto sarà anche No Cage – Senza Gabbie. Fiabe, musica e racconti di Animali Liberi in programma al Museo Civico di Zoologia. Gli attori Aurora ReggioGabriele Traversa e Tommaso Lombardo diretti da Tiziana Lucattini e Fabio Traversa reciteranno fiabe da tutto il mondo per raccontare di come gli animali siano esseri viventi molto simili a noi, con le stesse emozioni, piaceri e paure. Una serata arricchita dall’accompagnamento musicale di Silvia Gramegna (violino) e Francesco Pannocchia (chitarra).

Sempre all’interno di Villa Borghese, nella Sala del Ninfeo del Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, si potrà apprezzare il concerto Mike Melillo Remembrance del pianista Mike Melillo. In programma suoi brani originali e brani classici di storici compositori jazz(ingresso gratuito).

Poco distante, al Museo Pietro Canonica, si realizzerà invece il progetto sperimentale Et Project – Inspiring con i musicisti Antonello D’UrsoAlessandro D’Alessandro e Gianna Chillà, un viaggio in un universo sonoro parallelo con musiche rielaborate e campionate in tempo reale(ingresso gratuito).

La Galleria d’Arte Moderna ospiterà Mezzo secolo – 68slogan/slowgame18, il progetto musicale e sperimentale pensato da Giuliano Compagno in collaborazione con Teatro Mobile per celebrare il cinquantennale del 1968 attraverso la creazione di suggestioni in cuffia dei suoni e degli slogan di quella stagione (ingresso gratuito). Il cinema invece sarà protagonista della rievocazione in programma al Museo delle MuraMarco Testoni insieme a Mats Hedberg realizzeranno in Cinematica un vero e proprio viaggio nel mondo delle colonne sonore con omaggi a personalità del calibro di Ryuichi Sakamoto, John Carpenter, Nicola Piovani, Jan Johansson e molti altri (ingresso gratuito). In conclusione al Museo della repubblica romana e della memmoria garibaldina si potrà apprezzare il concerto Duality – A concert for very normal people con Marcello Fiorini che racconterà il concetto di dualità attraverso le proprie canzoni eseguite insieme alla violoncellista Giovanna Famulari (ingresso gratuito).

Le mostre che saranno visitabili nei musei civici in orario serale sono:

La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia e I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura ai Musei CapitoliniIl Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre al Museo di RomaLisetta Carmi. La bellezza della verità  al Museo di Roma in TrastevereMetamorfosi del quotidiano ai Musei di Villa Torlonia – Casina delle civetteBizhan Bassiri – Specchio Solare NOOR, Balla a Villa Borghese e L’acqua di Talete. Opere di Josè Molina al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa BorgheseMuseo di Zoologia…diverso per natura al Museo Civico di ZoologiaRoma Città Moderna. Da Nathan al Sessantotto e Antonio Fraddosio. Le tute e l’acciaio alla Galleria d’Arte Moderna.

La mostra Marcello Mastroianni al Museo dell’Ara Pacis sarà visitabile eccezionalmente con biglietto ridotto a 7 euro.

Ecco gli eventi e le mostre negli altri spazi (saranno aperti con ingresso a 1 euro oppure, dove espressamente indicato, ridotto o gratuito): il Palazzo delle Esposizioni con l’apertura delle mostre Pixar. 30 anni di animazionePiero Tosi. Esercizi sulla bellezza. Gli anni del CSC 1988-2016 e Roma fumettara. Una scuola di autori – 25 anni in mostra e il concerto A 1000 ce n’è nel mio cuore di fiabe da narrar…, di Observatorium Orchestra,  con una selezione di conosciute melodie fiabesche e temi classici del cinema di animazione; il Macro Asilo con il Progetto Macro Asilo e le performance per chitarra elettrica solista del Festival Nuova Consonanza – Rocking up (ingresso gratuito); il Museo Archeologico e il Museo Aristaios dell’Auditorium Parco della Musica con visite guidate e l’esibizione di Paolo Damiani “Memorie future”, in cui il musicista proporrà le sue composizioni in assolo di contrabbasso (ingresso gratuito); il Monumento a Vittorio Emanuele II (ingresso gratuito – 1 euro per l’utilizzo degli ascensori panoramici) e il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo con la mostra Armi e poteri nel Rinascimento, in collaborazione con il Mibac; il Complesso del Vittoriano – Ala Brasini con ingresso ridotto alle mostre Andy Warhol e Jackon Pollock, la scuola di New York; il Museo ebraico di Roma con la mostra Italiani di razza ebraica. Le leggi antisemite del 1938 e gli ebrei di Roma e partecipare agli eventi In Vino VeryTanz. Il vino nella musica e nella tradizione ebraica e La Cantica del Mare. Musiche ebraiche sulle coste mediterranee; l’Accademia di Francia Villa Medici con la mostra Le Violon d’Ingres sonorizzata con i brani dei borsisti compositori Julia Blondeau e Clara Iannotta; la Real Academia de Espana in Roma, dove si potrà visitare la mostra 1968. Il fuoco delle idee di Marcelo Brodsky e ammirare, al Tempietto del Bramante, l’installazione Piedra y distancia di Abel Paul (ingresso gratuito); l’Accademia d’Ungheria in Roma con la mostra Luce in movimento – Mostra monografica di Nikolas (Miklòs) Schöffer e il concerto del pianista giapponese Rintaro Akamatsu nell’ambito del Casio Sound Tradition Festival (ingresso gratuito); la Casa Argentina – Ambasciata argentina in Italia con la mostra Radix – Artigianato tessile argentino con il reportage fotografico “Peregrini” e il concerto Piazzolla secondo Aisemberg, un incontro infinito con il pianista Hugo Aisemberg (ingresso gratuito); il Museo Casa di Goethe con la mostra Costellazione 2 – Beuys: Viaggi in Italia. Recuperi di storie tedesche girando per Roma e il concerto di Angelo Colone dal titolo L’enigma della chitarraVigamus Museo del Videogioco con la mostra L’evoluzione del Videogioco attraverso la musica e l’evento Videogame Music Fest; la Casa dell’Architettura all’Acquario Romano con la mostra ADI Design Index 2018 e l’evento AcquaJazz del Coro di Piazza Vittorio; lo Spazio Espositivo Tritone della Fondazione Sorgente Group con la mostra Athena Nike: la vittoria della dea accompagnata dall’evento Athena Nike che celebrerà la vittoria con un repertorio di musiche settecentesche (ingresso gratuito).

Saranno inoltre aperti gratuitamente l’Istituto superiore antincendi, dove si potrà visitare la mostra Vigiliinarte e assistere al concerto del gruppo di ottoni della Banda del Corpo Nazionale dei Vigili Fuoco, e il Polo Museale Atac per conoscere da vicino l’esposizione permanente di locomotori e tram storici restaurati esposti nell’area.

Musei in Musica 2018 vedrà la partecipazione anche della Sapienza Università di Roma che aprirà ad ingresso gratuito il proprio Polo Museale. Si potranno visitare il Museo delle antichità etrusche e italiche con la mostra Il sacrificio di un cane dal Quartiere cerimoniale di Pyrgi e assistere al concerto A tutto Bach; il Museo di antropologia accompagnato dall’evento Da Lodi a New York su 16 corde con il quartetto MuSa Classica; i Musei dell’arte classica con le mostre Visual Archaelogy (Ri)costruire le immagini del Passato e La Siria Bizantina dal novecento a oggi e il concerto Carmina Burana dell’Orchestra MuSa Classica; il Museo di Chimica e l’evento che ospita Momenti di storia d’Italia attraverso la canzone popolare; il Museo delle origini con la mostra I suoni della preistoria e l’evento Dopo 100 anni: canti degli alpini e altre musiche di guerra; il Museo del vicino oriente, Egitto e Mediterraneo con la mostra Gli Dei del Tofet: Baal Hammon e Tinnit; il Museo laboratorio di arte contemporanea con la mostra La fototeca di Adolfo Venturi alla Sapienza e il concerto dei MuSacisti Creativi L’influenza dell’Africa nel jazz.

Si potrà condividere la propria esperienza su Facebook e Twitter e partecipare al contest fotografico su Instagram utilizzando l’hashtag #MUSica18 e menzionando i @museiincomuneroma e @culturaaroma. I tre autori delle foto più belle, votate dalla community della pagina Facebook della Notte dei Musei, saranno premiati con tre biglietti per L’Ara Com’era, la visita immersiva e multisensoriale al Museo dell’Ara Pacis. Per partecipare è sufficiente condividere, fino alla mezzanotte del 2 dicembre, una foto scattata a uno degli spettacoli della manifestazione indicando luogo ed evento, l’hashtag #MUSica18 e la menzione @museiincomuneroma.

A partire dal 3 dicembre le foto che rispetteranno i requisiti richiesti saranno pubblicate in una gallery sulla pagina Facebook di Musei in Musica, pronte per essere votate. Non sono considerate valide le stories su Instagram.

L’ADDIO ALLA MAGLIA AZZURRA DI RAFFAELLA MASCIADRI

Raffaella Masciadri, capitana e simbolo della Nazionale di basket femminile e del movimento, dopo 17 anni e 192 presenze lascia la maglia azzurra con la quale ha giocato cinque europei e vinto un oro ai Giochi del Mediterraneo a Pescara nel 2009. Ma prima ha voluto esprimere le sue emozioni ed il suo ringraziamento con una commovente lettera.
“CARA MAGLIA AZZURRA, GRAZIE. GRAZIE INFINITE — Per tutto ciò che mi hai permesso di vivere. Per tutto ciò che mi hai insegnato. Per tutto ciò che mi hai trasmesso. Per tutte le volte che mi hai fatto battere il cuore. Per tutte le volte che mi hai fatto sorridere, esultare, piangere, emozionare. Per tutte le volte che mi hai fatto superare i miei limiti. Per tutte le volte che mi hai incoraggiata ad andare avanti. Per tutte le volte che mi hai fatto urlare di gioia. Per tutte le persone che mi hai fatto conoscere, per tutti i paesi che mi hai fatto visitare, per tutte le lingue che mi hai fatto ascoltare e per tutti i cieli sui quali mi hai fatto volare. Per tutti i tifosi che, con il loro calore, affetto e stima, mi hanno sempre sostenuta. Per tutte le avversarie che mi hai insegnato a rispettare. Per tutti gli allenatori, preparatori, medici, dirigenti che mi hai fatto incontrare e per tutto ciò che loro mi hanno insegnato. Si sono presi cura di noi due, come fossimo una sola persona. Per tutte le mie compagne con cui mi hai fatto condividere momenti indelebili, indimenticabili e infinitamente belli, dentro e fuori dal campo. Spero di essere stata per loro quello che loro sono state per me. GRAZIE. GRAZIE DI CUORE. Per avermi reso la persona, la giocatrice e la donna che sono ora. Sei stata la mia seconda pelle. Lo sarai sempre. E, anche se ora non avrò più il privilegio di indossarti in campo, stai pur certa che lo faro’ ad ogni possibile occasione. Quando l’Inno di Mameli suonerà e il tricolore sventolerà nel cielo, quella scossa che si chiama Amore pervaderà il mio corpo. Proprio come quando, nel 2001, ti ho sentita sulla mia pelle per la prima volta. E, ovviamente, e’ stato amore al primo contatto, come tu fossi una carezza. Sei stata il privilegio più bello, emozionante e incredibile che potessi desiderare. Il sogno di me bambina divenuto realtà. L’ amore più sincero, perché tu non tradisci mai. E di questo te ne sarò sempre grata. GRAZIE. GRAZIE GRAZIE GRAZIE. Ho il cuore che rischia di scoppiarmi. Mentre ti scrivo queste righe, lacrime incontrollabili continuano a scendere. Ma sono lacrime di gioia. Perché, ripensando a quello che ci siamo date, alla forza con cui ci siamo vissute e alla bellezza che abbiamo creato, posso solo incorniciarti e continuare a guardarti, consapevole di aver vissuto con te tutti i momenti che c’erano da vivere. Ti lascio alle mie compagne: prenditi cura di tutte coloro che ti indosseranno da ora in avanti e rendile persone speciali come hai fatto con me. Io non andrò via, saro’ qui a guardarti e fare il tifo per TE.
TUA PER SEMPRE, MASCIA #11″

Mito su Mito | Vedi Napoli: in mostra le opere di Xante Battaglia

Il viaggio espositivo di un’artista che in ventitré opere ci racconta un percorso visivo fatto di arcaicità e modernità attraverso la stilizzazione e ripetizione di un’icona femminile, la “grande madre”, da cui tutto trae origine come congiunzione tra passato e futuro tra sacro e profano. Colore, segno, gesto, si fondono in un unicum.
Ne emerge una visione della realtà che ha solide radici di una cultura popolare che discende dalla sua Calabria … da questa essenza pop ascende irrompente nel contemporaneo, restituendoci un’armonica caotica sinfonica visione, ricordando le parole di Carl Gustav Jung « In ogni caos c’è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto».
Un viaggio che accompagna il fruitore in un percorso di consapevoli contraddizioni dove passionalità e razionalità sono i protagonisti dove intense sintonie creative accolgono grandi capacità tecniche.
Il Maestro rende omaggio a Napoli con una serie di opere che celebrano le bellezze di Napoli e della Campania attraverso icone simbolo del nostro territorio, infatti, sono state utilizzaticartoni di pizze da esporto con impressi simboli della napoletanità.

Xante Battaglia, pittore e scultore italiano nato a Gioia Tauro nel 1943. E‘ uno dei più importanti artisti internazionali viventi, le sue “velate” sono famose quanto i tagli di Fontana, gli impacchettamenti di Christo, le Marylin di Warhol e i linguaggi illustrativi di Haring. Ai più l‘artista è conosciuto come l‘interprete del post arcaico proprio perché da vita alla figura femminile, alla Grande Madre che ha dato origine all‘universo ed esso sostiene.
Titolare della prima cattedra di pittura nell’Accademia di Belle Arti di Brera, e già concorrente alla direzione della stessa Alta Istituzione Italiana. È artista poliedrico ed eccentrico tanto da demistificare continuamente i Poteri compreso il suo eventuale, proprio per l’affettività comportamentale artistica nel sociale tutto. Il Maestro da oltre trent’anni anticipa gli avvenimenti. Gli Storici dell’Arte di Fama Internazionale gli hanno dedicato 10 libri: Pierre Restany, Gregory Battcock, Michel Tapiè, Thomas M.Messer, Carlo Franza, Giulio Carlo Argan , Luigi Carluccio, Franco Passoni, Rossana Bossaglia, Caterina Coluccio, Bruno Zevi, Dino Buzzati, Silvio Ceccato, Genevieve Olivier, William Zimmer, Gabriele Mandel. La mostra evento “Da Brera a Brera, andata e ritorno con sosta al Pac”, è una mostra happening roboante e interventista di Xante Battaglia che si struttura in due fasi, la prima in corso nella sede della Fondazione con opere storiche, la seconda con la presenza della sua rolls royce, icona demistificata,che si inserisce nel progetto “Famiglia Margini Street”, promosso dall’Associazione Famiglia Margini di Milano per la mostra “Street Art Sweet Art” al PAC di Milano. All’inaugurazione di mercoledì 7 marzo interverrà l’illustre Prof. Carlo Franza storico dell’arte di fama internazionale, ci sarà la presenza dell’artista Xante Battaglia che firmerà la cartolina commemorativa, e la partecipazione di intellettuali italiani e stranieri, unitamente a collezionisti e amici. Scrive Carlo Franza: “ E’ partito dall’Accademia di Brera dove insegna, ha fatto il giro del mondo, e vi ritorna dove riprende l’insegnamento dopo una lunga vacanza studio, malgrado qualche suo collega artista sovieticamente lo voleva già trasferito d’ufficio (persino Renato Farina aveva scritto su Libero che andava cacciato un altro vertice). Invece Xante Battaglia riprende il suo semestre regolarmente, dopo aver sostato al Pac in occasione della mostra Street Art Sweet Art. Eccolo l’artista più creativo d’Italia, Xante Battaglia, che dopo aver dato “addio all’Italia” vi ritorna da turista con la sua Rolls Royce graffitata con bombolette spray di svariati colori, operando così una demistificazione non solo su i viaggi-vacanze ma anche sulle macchine divenute oggi veri e proprio status symbol. Lo trovate con la sua Rolls Royce, ma proprio sua, giacché avuta in cambio di opere, proprio all’entrata del Pac, e dunque opera vivente in un contesto globale di mostra qual è l’arte di strada che viene messa rivoluzionariamente in esposizione. Con la sua arte Xante Battaglia azzera tutto e tutti, e con la sua arte opera una ricostruzione dell’universo, del mondo e delle cose, così come ha fatto con la Rolls Royce divenuta icona della civiltà delle macchine. Proprio perché Xante Battaglia è l’iniziatore di una nuova civiltà, quella senza l’ideologia che spesso avvolge arte e artisti come una pesante cateratta”. Cenni biografici Xante Battaglia è Titolare della prima cattedra di pittura nell’Accademia di Belle Arti di Brera,e già concorrente alla direzione della stessa Alta Istituzione Italiana . E’ artista poliedrico ed eccentrico tanto da demistificare continuamente i Poteri compreso il suo eventuale, proprio per l’affettività comportamentale artistica nel sociale tutto. Il Maestro da oltre trent’anni anticipa gli avvenimenti. Gli Storici dell’Arte di Fama Internazionale gli hanno dedicato 10 libri: Pierre Restany, Gregory Battcock, Michel Tapiè, Thomas M.Messer, Carlo Franza, Giulio Carlo Argan, Luigi Carluccio, Franco Passoni, Rossana Bossaglia, Caterina Coluccio, Bruno Zevi, Dino Buzzati, Silvio Ceccato, Genevieve Olivier, William Zimmer, Gabriele Mandel.

Scheda riassuntiva
Mito su Mito | Vedi Napoli – Personale di Xante Battaglia
Napoli – dal 10 novembre al 3 dicembre 2018
LineaDarte Officina Creativa
Via San Paolo ai tribunali, 31 Napoli
3275849181- 3342839785
Mito su Mito | Vedi Napoli – Personale di Xante Battaglia
orario: lun-ven: 16: 30 – 19:00 | sab: solo su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: sabato 10 novembre 2018. ore 18.00
curatori:, Giovanna Donnarumma, Gennaro Ippolito, Xante Battaglia
autori: Xante Battaglia
genere: arte contemporanea, serata – evento, personale
Per informazioni

Telefono: 3275849181
Email: lineadarte@gmail.com
Sito Web: https://www.lineadarte-officinacreativa.org

Ovidio in città

Giovedì 15 novembre 2018, ore 18.00

Villa Medici

Gli amori degli dèi tra intrighi e incanti

Incontro con Piero Boitani

in collaborazione con Accademia di Francia a Roma – Villa Medici

Modello assoluto di leggerezza e immaginazione,  di ritmo e precisione espressiva, le Metamorfosi di Ovidio affascinano ancora oggi, duemila anni dopo essere state scritte, grazie alla loro capacità di adattarsi continuamente ai criteri di interpretazione appartenenti a epoche diverse. Piero Boitani ci racconterà i miti che hanno reso immortale Ovidio proprio perché svelano i moti più nascosti dell’animo umano.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili

Ovidio con le Scuderie del Quirinale

Mercoledì 7 novembre 2018, ore 18.00
Sala Didattica
Il poeta del mito. Ovidio e il suo tempo
Presentazione del libro di Francesca Ghedini
Con Francesca Ghedini, Andrea Cucchiarelli e Daniele Manacorda

Francesca Ghedini, curatrice della mostra Ovidio. Amori, miti e altre storie, presenta il suo nuovo libro che racconta un Ovidio intriso nel suo tempo con tutte le contraddizioni dell’epoca augustea e, proprio per questo, ancora assolutamente contemporaneo.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili